Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“L’innovazione gioca un ruolo importante nella trasformazione non solo della nostra azienda, ma dell’intera industria del tabacco”.

Smettere di vendere sigarette è una sfida complessa e lo è ancora di più se quella sfida viene da un’azienda produttrice di tabacco. Uno dei responsabili per aver portato a termine con successo questa sfida è Enrique Jimenez, direttore generale di Philip Morris Spagna e Portogallo.

Nonostante possa sembrare un traguardo insolito, l’azienda è convinta di poterlo raggiungere grazie al profondo processo di trasformazione tecnologica in cui Philip Morris è immersa da più di un decennio, e in cui ha già investito più di 9.000 milioni. dollaro. In quel periodo, non solo ha avviato un processo di cambiamento e innovazione basato sulla scienza, ma ha anche incoraggiato e guidato una trasformazione senza precedenti all’interno dell’industria del tabacco.

vitalità arrivata Enrique Jiménezvivono questo processo “con enorme umiltà perché ci sono molte cose nuove da imparare e altre da disimparare, e allo stesso tempo sono flessibili per adattarsi ai cambiamenti e comunicare in ogni momento alla società ciò che stiamo cercando di ottenere”, indica il responsabile della società in Spagna e Portogallo.

L’innovazione è la chiave del miglioramento continuo

L’innovazione gioca un ruolo essenziale nella trasformazione non solo dell’azienda, ma anche del settore del tabacco. Jimenez conclude: “Oserei dire che l’innovazione gioca un ruolo fondamentale nella trasformazione di tutti i settori, perché in realtà non c’è settore di attività che oggi non sia coinvolto in un qualche tipo di processo di trasformazione”. Nel caso di Philip Morris, questo cambio di paradigma è interamente legato alla scienza, consentendo loro di convalidare attraverso tutta la loro ricerca che l’eliminazione della combustione e del fumo è un’alternativa potenzialmente meno dannosa, per tutti quegli adulti che altrimenti continuerebbero a fumare sigarette.

READ  Italia: 7 morti, 14 dispersi dopo la valanga

L’azienda ha scommesso molto sull’innovazione, dai suoi due centri di ricerca in Svizzera e Singapore, ha attualmente 4.600 brevetti registrati, che la collocano al 45° posto nella classifica dell’innovazione in Europa, essendo l’unica azienda del tabacco nella top 50 di questa classifica, e con 6.300 brevetti in corso di registrazione.

Invece, la sfida più grande che devono affrontare è la confusione che circonda i dispositivi senza fumo. La verità è che oggi in Spagna ci sono 9 milioni di fumatori e troviamo difficile fornire loro informazioni accurate sull’opportunità che questi prodotti rappresentano, poiché c’è disinformazione e un’enorme confusione su cosa siano e sulle differenze che apportano. Per quanto riguarda le sigarette.

In questo senso, la società di ricerca indipendente Povaddo, commissionata da Philip Morris International, ha condotto un sondaggio lo scorso anno che ha rivelato che 8 fumatori adulti su 10 prenderebbero in considerazione il passaggio ad alternative non bruciate se conoscessero la scienza che c’è dietro. Pertanto, è essenziale che i fumatori adulti abbiano accesso a informazioni accurate e rigorose basate sulla scienza in modo che possano prendere decisioni informate.

L’innovazione è la chiave del miglioramento continuo Tommaso Gancher


È possibile un giorno dire addio alle sigarette?

Secondo Enrique Jiménez, non ha senso continuare a bruciare tabacco nel XXI secolo. Ciò che ha senso è smettere completamente di usare tabacco o nicotina in qualsiasi forma, o passare ad alternative senza fumo, in caso contrario. “Pensiamo che sia del tutto possibile che, in un periodo di tempo relativamente breve, in alcuni paesi tra 10 o 15 anni, si parlerà di fermare la vendita di sigarette”, aggiunge.

READ  AMLO dice che non è entrato nella regione di scomposizione della riga 12 perché è un demagogo

Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo il più rapidamente possibile, i fumatori adulti devono avere accesso a informazioni accurate e chiare a portata di mano sui vantaggi delle alternative senza fumo. Inoltre, sarà necessaria la collaborazione tra dipartimenti, associazioni mediche e altri concorrenti del settore che stanno investendo in innovazione per accelerare il cambiamento che, come afferma il responsabile, è “del tutto possibile”.

Per Jimenez è naturale che ci siano voci che vedono con scetticismo il processo di trasformazione così profondo e sorprendente come quello che Philip Morris sta guidando nel suo settore. Ma oggi, afferma l’amministratore delegato, “disponiamo di prove scientifiche sufficienti per dimostrare che i nostri prodotti sono un’opzione migliore rispetto a continuare a fumare sigarette”. esposizione a sostanze nocive e potenzialmente dannose. Ci troviamo di fronte a un’opportunità che dobbiamo esplorare se vogliamo ridurre i danni causati dal tabacco. Lo scetticismo non fa che rallentare il progresso verso un futuro senza fumo.” In tal senso, tutti i risultati aziendali sono pubblicati sul sito pmiscience.com.

Per il responsabile l’importante è avere un dibattito su base scientifica, dove la scienza è al centro, al di fuori delle posizioni dogmatiche.

Una transizione di successo verso alternative senza fumo

La valutazione della tabacchiera è soddisfacente perché “negli ultimi otto anni, da quando il prodotto è stato lanciato in Giappone e in Italia, abbiamo sviluppato una gamma che è ancora viva, perché effettuiamo nuovi lanci”. Ed è che gli scalda tabacco Philip Morris hanno attualmente più di 20 milioni di utenti in tutto il mondo e rappresentano già il 30% delle sue entrate globali.

“Al tempo stesso è soddisfacente, è entusiasmante, ma è un processo ancora vivo. Siamo fiduciosi che entro il 2025 questi prodotti costituiranno già il 50% del nostro fatturato globale. Stiamo parlando di prodotti che non hanno esisteva un decennio fa, che da quello sarebbe un enorme salto.”

READ  Testimonianza del dottor Ferraro dopo il suo disegno Covid: "Non sono nella lista dei morti per un miracolo che la Vergine e Dio hanno fatto con la scienza"

Secondo Jimenez, raggiungere questo futuro senza fumo di sigaretta è possibile, ed è un compito irreversibile.

Come sarà il futuro dell’azienda?

“Emozionante e stimolante, ma ci impegniamo profondamente”, assicura l’amministratore delegato. Il progetto futuro dell’azienda richiederà perseveranza, perché non sarà necessariamente facile, ma in compenso apre le porte a nuove aree come il lusso, dove l’azienda prevede di generare ricavi per soli oltre 1.000 milioni di dollari. Due anni.

L’obiettivo è molto chiaro “Vogliamo un mondo senza fumo di sigaretta, e per questo è necessario che chi non fuma non cominci, che chi fuma smetta, ma se non smette di fumare passi a nuovi prodotti che , per evitare di bruciare, rappresentano un’alternativa migliore rispetto alle sigarette in base a quanto ci dice la scienza”, dice Jimenez.