Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’inflazione sta già colpendo le aziende canarie: il 60% vede la propria crescita come limitata

Immagine aziendale nella zona industriale di Arinaga. L’aumento dei costi inizia a colpire le imprese delle isole, che ne stanno rallentando la crescita. / Arcadio Suarez

Sette aziende su dieci non sono in grado di soddisfare la domanda di salari più elevati dei propri lavoratori. A livello nazionale, il tasso è inferiore di 20 punti

Isole Canarie 7 Palme delle Gran Canarie.

In un contesto in cui un gran numero di aziende non si è ripreso dal flagello della crisi sanitaria, a
nuova sfida che ne minaccia la redditività e il flusso di cassa: l’inflazione.

E secondo la nuova versione di, presentata questa settimana a livello internazionale,
58% delle aziende Le Isole Canarie si rendono conto che questo problema limita la loro capacità di far crescere le imprese e sfruttare nuove opportunità. A livello nazionale, tale percentuale scende al 55%.

Come indica questo studio,
Analizza la salute finanziaria e le previsioni economiche di aziende in 29 paesi in tutta Europa – inclusa la Spagna – e il motivo principale di questa affermazione è che 6 su 10 non hanno l’esperienza e la capacità necessarie per gestire adeguatamente l’impatto dell’inflazione sulle proprie aziende.

Isole Canarie, al di sotto della media europea

In Spagna la cifra è del 51%, il che pone il nostro Paese in una posizione di rilievo in Europa, in quanto è il secondo Paese con meno organizzazioni senza esperienza e con la capacità di far fronte alle conseguenze commerciali di prezzi più elevati.

Nello specifico, saremo solo al di sotto della Germania (49%) e di sette punti migliori della media europea (58%) e di altri mercati come l’Italia (60%), la Francia (57%) e il Regno Unito (54%).

Le entità che affermano di avere una minore capacità di far fronte all’inflazione nelle loro attività sono greche (68%), estoni (67%) e svizzere (66%).

Con l’inflazione, molte aziende vedono la propria
Margine di profitto Perdendo clienti a causa dell’aumento dei prezzi dei suoi prodotti o dell’aumento dei costi per la sua attività.

È difficile ipotizzare un aumento di stipendio

Una posizione che a sua volta incide su due importanti asset di valore: dipendenti e fornitori. Secondo un rapporto Intrum,
Il 73% delle organizzazioni canarie (54% in Spagna) si rende conto di non avere la capacità di soddisfare la domanda di aumenti salariali dei suoi lavoratori a causa dell’alto tasso di inflazione. Inoltre, il 75% considera questo problema il motivo principale per cui, a volte, ha difficoltà a pagare i propri fornitori in tempo.

Questa percentuale, al 61% a livello nazionale, spiega perché il 71% delle aziende delle Isole Canarie dichiara di aver ricevuto una richiesta per accettare termini di pagamento più lunghi. Si tratta di una cifra del 76% nel paese nel suo insieme.

“L’inflazione avrà un impatto diretto sulla capacità delle aziende di effettuare i pagamenti in tempo, quindi il
aumento della delinquenza, che rappresenta un reale rischio per la crescita della rete aziendale. Ciò rappresenta una grande sfida per le aziende che, tra le altre misure, devono creare meccanismi per ridurre i tempi di pagamento per i propri clienti”, sottolinea José Luis Belusta, Direttore Generale di Intrum in Spagna.

Prezzi alti, problema aggiuntivo

Oltre all’aumento dell’inflazione, un’altra delle principali preoccupazioni per le società spagnole è
alti tassi di interesseil che potrebbe far incontrare aziende e individui in una posizione più vulnerabile ad affrontare maggiori difficoltà nel ripagare i propri debiti e, di conseguenza, vedere il proprio livello di spesa limitato.

Una posizione di cui sono a conoscenza le aziende canarie consultate anche da Intrum, poiché secondo questa nuova edizione del Rapporto Pagamenti Europei 2022, più di 5 aziende su 10 (54% nella comunità e 58% a livello nazionale) sono convinte che
tassi di interesse Aumenterà, portandoli a essere più attenti nei loro piani di investimento e di spesa.

Le imprese spagnole sono da questo lato un punto sopra la media europea (59%) e sono in linea con altre economie come l’Italia (58%). Dal canto loro, le società francesi e austriache (65%) sono le più caute riguardo ai loro piani di investimento e di spesa a fronte di tassi di interesse più elevati, mentre le società tedesche (55%) e greche (52%) sono più fiduciose.

READ  Cosa pensano gli spagnoli di un reddito di base universale