Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Europa meridionale affronta aumenti dei tassi con investimenti lontani dai livelli pre-crisi

Il Ripresa post-epidemica dei settori industriale e dei servizi È più intenso nei paesi del Sud Europa che nell’Eurozona nel suo complesso. Tuttavia, la crisi energetica è stata aggravata dall’invasione dell’Ucraina Raduno dell’inflazione Oppure le continue interruzioni in alcune catene di approvvigionamento e un improvviso aumento dei tassi di interesse per far fronte all’aumento del costo della vita hanno causato un rallentamento dell’attività economica dal terzo trimestre.

Il male in questa situazione Spagna, Portogallo, Italia e Grecia devono ancora recuperare i livelli di investimento precedenti all’ultima crisi finanziaria. (Il rapporto investimenti/PIL sarà inferiore di 3,5 punti a quello registrato nel 2007). La mancanza di investimenti di capitale, o capex (le istituzioni finanziarie investono in beni materiali), ha rallentato la crescita della produttività, in particolare in Grecia e in Italia.

Sebbene questa debolezza dell’economia possa causare un nuovo rallentamento di questa variabile, i programmi finanziari europei – entrambi Finanza di nuova generazione REPowerEU- e incentivi come una forte riduzione del debito privato a Un quadro più innocuo per le spese in conto capitale, riporta Goldman Sachs, ha accesso a ‘La Información’. “Per raggiungere una crescita sostenibile a lungo termine, l’Europa meridionale deve colmare il divario di investimenti con l’area dell’euro, che si attesta al 2,5% del PIL, mentre la Grecia è ancora indietro”, avvertono. Dalla banca d’investimento americana.

Nello specifico, i recovery fund destineranno agli investimenti oltre il 3% del PIL; La Commissione ha garantito ulteriori 40 miliardi di euro di investimenti per la tecnologia per il risparmio energetico (REPowerEU) e ha la possibilità di riassegnare la capacità di prestito in eccesso nel Recovery Fund, 220.000 milioni per espandere il sostegno finanziario per gli investimenti (equivalente all’1,5% del PIL dell’UE) nei prossimi tre anni. In quest’ultima fase, i Paesi del Sud Europa riceveranno un finanziamento aggiuntivo di circa 100.000 milioni.

READ  Ciclista colombiano tira a sorte agnello per raccogliere fondi in Italia | Ciclismo

All’inizio degli anni 2000, l’Europa meridionale ha registrato spese in conto capitale superiori alla media in tutti i paesi, ad eccezione dell’Italia. Nel frattempo, oggi l’Eurozona nel suo complesso ha quasi recuperato il livello di investimenti in Pil pre-crisi finanziaria globale, contrariamente a quanto sta accadendo nei paesi meridionali della regione. La mancanza di investimenti tra gli stati meridionali raggiunge il “culmine” con una modesta crescita della produttività in Grecia e in Italia. La produzione è aumentata in Portogallo e Spagna Ciò è possibile grazie alla rapida accumulazione di capitale”, sottolineano dall’azienda.

Accelerare gli investimenti per garantire la crescita futura

Date le aspettative della Banca centrale europea I tassi di interesse dovrebbero salire nei prossimi mesi Poiché la pressione al rialzo che sta già esercitando si sta lentamente ma costantemente trasferendo sui costi di indebitamento, “i paesi dell’Europa meridionale devono affrontare un’urgenza particolare per accelerare gli investimenti e garantire la crescita futura”. azienda americana sottolinea. L’esperienza della crisi finanziaria ha rivelato quanto sia importante il mix e il grado di consolidamento finanziario.

Sebbene Grecia, Portogallo e Italia abbiano aumentato i loro saldi primari negli anni 2010, i profili di crescita sono stati molto diversi. Nel frattempo, l’Italia è diventata un ritardatario nella regione in termini di sviluppo La Spagna è il paese con i saldi principali più bassi Nello stesso periodo la regione ha registrato i suoi risultati di crescita più forti fino alla recessione indotta dal Covid. Queste differenze nel progresso delle loro economie hanno reso più difficile per alcuni tenere a bada il rapporto debito/PIL.

In Grecia, Portogallo e Spagna, il calo del costo del debito dalla fine della crisi sovrana è stato combinato con una forte dinamica di crescita dalla metà degli anni 2010, consentendo al rapporto debito/PIL di diminuire significativamente in Portogallo e in entrambi i paesi. Casi spagnoli. In Italia, invece, la crescita reale ha rallentato sensibilmente, compensando i benefici di minori oneri finanziari, e il consolidamento del debito sovrano è rimasto limitato.

READ  7-9. L'Olanda affronterà l'Italia in finale

Effetto dei tassi di interesse del 3,5%.

Alla Goldman Sachs, si aspettano che il ciclo della BCE aumenti i tassi ufficiali al 3,25% (rispetto al 3% calcolato in precedenza). In questa prospettiva, le curve dei rendimenti dei titoli sovrani di Italia, Spagna, Portogallo e Grecia si sono spostate verso l’alto e si sono appiattite in tutti i paesi, con il vantaggio italiano (1 anno) che si è rivalutato di oltre 200 punti base e il rendimento decennale che ha guadagnato quasi 150 punti base nel 2025.

faccia a faccia Entro il 2026 il costo medio del debito potrebbe facilmente raggiungere livelli simili a quelli dei primi anni 2010., con incrementi che vanno da 15 punti base in Grecia a quasi 90 punti base in Italia. “Alla luce della stabilità del debito rispetto al PIL, in linea con l’esperienza maturata dopo la crisi del debito sovrano, gli attuali prezzi di mercato dovrebbero sfruttare il mix disponibile di paesi europei per colmare il divario di investimenti e garantire la crescita futura, soprattutto per Europa del Sud. Politiche fiscali”, ha ammonito la banca d’affari.