Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia delle Canarie è scesa del 15% nel primo trimestre dell’anno

Gli ultimi mesi del 2021 saranno migliori rispetto al 2020. Sergio Mendes

L’ottimismo per una ripresa economica sta guadagnando terreno. Questo primo trimestre dell’anno ha assistito a un “lieve deterioramento” dell’economia su base annua, ma a causa del confronto con il primo trimestre del 2020, poiché l’economia si stava sviluppando normalmente, ad eccezione delle ultime due settimane di marzo che sono state in stato di allarme.

Secondo un rapporto sulla situazione pubblicato dalla Confederazione regionale degli imprenditori di Santa Cruz de Tenerife (CEOE_Tenerife) corrispondente al primo trimestre dell’anno e presentato ieri, l’economia delle Canarie è diminuita del 15% nei primi tre mesi dell’anno, sebbene i numeri caleranno. Significativo miglioramento negli ultimi mesi, “fino alla fine del 2021, con un aumento del Pil di circa il 5% o il 6%”. Ciò dipenderà dal raggiungimento del ritmo vaccinale e dal raggiungimento del cosiddetto effetto gregge (70% della popolazione vaccinata) all’inizio dell’estate. Questo numero, secondo il CEO di Tenerife Jose Carlos Francisco, non si verificherà fino alla fine di agosto o settembre “se l’attuale tasso di vaccinazioni continuerà”.

Francisco ha sottolineato che l’economia si “riprenderà” solo se questo obiettivo verrà raggiunto, perché i tassi di vaccinazione in Spagna sono molto simili a quelli dei paesi vicini, come Germania, Francia o Italia, dove circa il 30% della popolazione è già stata vaccinata. . A suo avviso, ciò significherebbe che i movimenti delle persone potrebbero essere notevolmente riaperti e l’economia delle Canarie sarebbe notevolmente potenziata.

Indipendentemente da ciò, il rapporto del datore di lavoro rivela un’altra informazione che mostra che c’è ancora molta strada da fare per un pieno recupero e che è necessario preservare ERTE fino alla fine dell’anno. Secondo gli ultimi dati dell’Environmental Protection Agency, la forza lavoro è stata ridotta di circa 33.800 persone rispetto al trimestre precedente, con una diminuzione di 72.800 persone su base annua. Il numero di occupati nel primo trimestre dell’anno è diminuito di 27.350 rispetto al quarto trimestre 2020, con una diminuzione di 130.200 tenendo conto della differenza tra i due anni (-14%). Ciò significa che ci sono 130.200 persone, oltre a quelle di ERTE, che non lavorano né cercano attivamente lavoro. Francisco ha attribuito questa cifra al fatto che molti, la stragrande maggioranza, non residenti sono tornati nei loro luoghi di residenza e persone che hanno smesso attivamente di cercare lavoro a causa dell’impossibilità di trovarlo. Il tasso di disoccupazione per questo primo trimestre dell’anno è stato del 25,42%. Se le persone sono incluse in ERTE, si ottiene un tasso di disoccupazione del 33,52%.

READ  La spesa sanitaria dovuta all'invecchiamento della popolazione aumenterà del 18% fino al 2035 | Economie

Affinché le Isole Canarie raggiungano la ripresa durante il 2021 o meno, secondo il parere del CEO di E-Tenerife, sono necessari diversi edifici: il mantenimento di misure come i saldi ERTE o ICO, il rispetto del calendario vaccinale, l’avvio del processo di trasformare l’economia delle Canarie, semplificazione e buona distribuzione degli aiuti. In questo senso, Francisco ha osservato: “Dato che le Isole Canarie hanno perso 9.500 milioni del loro PIL nel 2020, è chiaro che 1.400 milioni di aiuti (12%) non sono sufficienti, quindi devono essere gestiti bene”.