Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le sette sane abitudini che potrebbero ridurre il rischio di ictus di quasi la metà, secondo la scienza

La ricerca suggerisce che attenersi a sette sane abitudini può ridurre di quasi la metà il rischio di ictus (Europe Press)

Nuovo studio Pubblicato sulla rivista Giornale dell’American Heart Association, suggeriscilo Seguire sette sane abitudini può ridurre di quasi la metà il rischio di ictus. ricercatori Università del Texas, in houston, l’hanno menzionato Mantieni una buona dieta ed esercitati regolarmente Può anche compensare eventuali rischi genetici. Altre misure chiave sono: Non fumare e dimagrire

Segui gli esperti 11500 adulti mezza età in stato unito Per quasi 30 anni, hanno osservato come il tuo stile di vita influisce sul rischio di avere un infarto. attacco cerebrale, Uno dei motivi più comuni per l’assistenza neurologica urgente è causato da un disturbo della circolazione cerebrale.

Abitudini che ha creato Associazione americana del cuore, Sono chiamati “La vita è semplice 7”. Anche se ce ne sono sette Solo quattro fattori sono regolabili. gli altri tre -Mantenere la pressione sanguigna normale, controllare il colesterolo e abbassare il livello di zucchero nel sangue- essere Effetti collaterali di rimanere in buona salute.

Età, pressione alta, fumo, obesità, stile di vita sedentario e diabete sono noti per aumentare il rischio di ictus (Getty Images)
Età, pressione alta, fumo, obesità, stile di vita sedentario e diabete sono noti per aumentare il rischio di ictus (Getty Images)

confine Colpisce più di 100.000 britannici ogni anno e uccide 38.000 persone. Ciò la rende la quarta causa di morte nel Regno Unito e la principale causa di disabilità. negli Stati Uniti d’America, Circa 800.000 persone hanno un ictus ogni anno e 137.000 persone muoiono.

è risaputo che Età, ipertensione, fumo, obesità, sedentarietà, diabete Aumenta il rischio di avere un ictus. Un altro fattore di rischio è Storia familiare di questa malattia Che consiste in un blocco o rottura di un vaso sanguigno, interrompendo l’afflusso di sangue a parti del cervello.

READ  Perché i brufoli compaiono vicino agli occhi?

Gli specialisti hanno seguito 11.568 adulti di età compresa tra i 45 ei 64 anni, con una media di 28 anni. Tutti i partecipanti sono stati nominati “Punteggio di rischio di ictus poligenico”, Sulla base di esami del sangue che hanno identificato mutazioni rivelatrici associate a questi eventi fatali.

Così è stato valutato la probabilità di avere un ictus durante la loro vita, Dipende solo dal tuo DNA. Anche le loro cartelle cliniche sono state riviste per vedere se seguivano le sette abitudini di vita. Il colesterolo basso Sono stati classificati in base al fatto che stavano assumendo o meno farmaci ipolipemizzanti, come le statine, e quanto.

“Il nostro studio conferma che la modifica dei fattori di rischio dello stile di vita, come il controllo della pressione sanguigna, può annullare il rischio genetico di ictus” (Getty Images)

Il pressione sanguigna È stato anche misurato in base ai farmaci che stavano assumendo, mentre la loro glicemia è stata misurata in base al fatto che fossero in trattamento per il diabete. Il caso è stato registrato fumareIl BMI mostrare il peso corporeo, dieta È stato stimato il consumo di frutta e verdura e l’attività fisica è stata misurata in minuti a settimana.

I partecipanti presentavano rischi genetici più elevati e una peggiore salute del cuore Avevano il più alto rischio per tutta la vita di avere un ictus, circa il 25%. però, Nel caso di chi praticava “Life’s Simple 7”, tale rischio si riduceva tra il 30% e il 43%, Secondo l’analisi.

Continuare queste pratiche significa anche quasi sei anni in più di vita senza un ictus. in genere, Il gruppo più sano è stato quello con il minor numero di casi di ictus (6%), Mentre Il numero più alto corrispondeva al numero più basso di coloro che seguivano le abitudini (57%).

READ  Tre film in streaming per un weekend ricco di azione, fantascienza e tecnologia

Secondo l’autore principale, il prof. Myriam Forang genetica L’Università del Texas a Houston, Risultati Offri speranza per il programma di screening. Il nostro studio lo conferma Modifica i fattori di rischio dello stile di vitacome il controllo della pressione sanguigna, Può combattere il rischio genetico di ictus‘ affermò l’esperto.

Ha concluso: “Possiamo usare le informazioni genetiche per identificare le persone più a rischio e incoraggiarle a condurre uno stile di vita cardiovascolare sano, Come seguendo il programma Life’s Simple 7 dell’AHA, Per ridurre questo rischio e vivere una vita più lunga e più sana”.

Continuare a leggere: