Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le riserve stanno crescendo in tutta la Spagna, prima fra tutte l’Andalusia

L’ottimismo espresso questa settimana dagli agenti del turismo alla fiera Vitor di Madrid coincide con l’accelerazione della domanda di quest’estate, trainata dal mercato locale. L’85,79% delle prenotazioni di alloggi turistici effettuate negli ultimi sette giorni in Spagna proviene dal paese stesso, secondo l’ultimo rapporto della piattaforma TravelgateX, ed è uno di quelli che gestisce la maggior parte dei dati su richiesta.

Il secondo mercato con il maggior numero di prenotazioni chiuse in Spagna è il mercato del Regno Unito, ma molto in ritardo, con il 5,21% del totale. I dati contano le transazioni avvenute fino a venerdì scorso, solo quando il primo ministro ha annunciato l’apertura del Paese, senza restrizioni, ai cittadini britannici da domani – Londra mantiene in vigore le restrizioni sui viaggi in Spagna. Altri mercati esteri più interessati a visitare la Spagna sono, nell’ordine, Portogallo, Germania, Francia e Italia.

Foto d’archivio di turisti a Malaga

EFE

Di tutte le destinazioni spagnole, l’Andalusia è la comunità autonoma che guida tutti gli indicatori della domanda. È la destinazione più desiderabile in questo momento. La Spagna meridionale ha avuto il maggior numero di prenotazioni nell’ultima settimana con il 30,23% del totale. Inoltre, l’Andalusia ha registrato una crescita delle sue prenotazioni in strutture ricettive del 30,4% rispetto alla scorsa settimana e del 763,7% in più rispetto allo stesso periodo nel 2020. E soprattutto: il tasso di transazioni eseguite è quasi allo stesso livello del 2019, prima della pandemia. Le prenotazioni ricevute dai turisti andalusi sono inferiori del 2,35% rispetto alla stessa settimana di due anni fa.

READ  Il reddito disponibile delle famiglie spagnole è diminuito del 3,3% nel 2020, il numero peggiore in Europa

Residenza

Il Regno Unito rappresenta a malapena il 5,21% delle transazioni

Le Isole Canarie, le Isole Baleari, la Catalogna e la comunità di Valencia rappresentano il resto della domanda negli ultimi sette giorni, in proporzioni molto simili, tra l’11% e il 13% del totale.
Dalle riserve. Madrid è davvero una lunga strada, con
5,27% e il resto dei raggruppamenti.

In generale, la domanda è aumentata in modo significativo in tutte le regioni autonome, ma alcune hanno mostrato una maggiore forza per attirare i turisti e un migliore tasso di recupero. Dopo l’Andalusia, la Castiglia-La Mancia, la Comunitat Valenciana, le Asturie e la Galizia hanno percorso distanze con i livelli di riserva del 2019 a una velocità maggiore. La Comunitat Valenciana è inferiore solo del 19,67%, il che, se la tendenza continuerà, sarà l’inizio di una buona stagione estiva. Le Isole Canarie, Baleari e Catalogna sono ancora lontane, con livelli tra il 43% e il 48% inferiori rispetto a due anni fa. Tuttavia, la tappa peggiore è la Comunità di Madrid, con una distanza del 60% rispetto al 2019, segno delle difficoltà che le destinazioni urbane stanno affrontando per superare.

Inoltre, la prenotazione dell’alloggio ha smesso di concentrarsi all’ultimo minuto. Il 19% delle transazioni è stato chiuso entro due mesi e un altro 13% entro un mese.

Più prenotato

Isole Canarie, Isole Baleari, Comunità Valenciana e Catalogna

Per quanto riguarda la tipologia di turisti, la maggior parte della domanda proviene dalle coppie (44,7%), seguite da viaggiatori singoli (21,5%) e gruppi e famiglie (rispettivamente 17,5% e 15,4%), con una permanenza media nella maggior parte dei casi tra due persone . E cinque notti. I dati preannunciano una ripresa importante se l’epidemia rimane sotto controllo.

READ  Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti mettono da parte le differenze e aumentano la produzione di petrolio da agosto | Economia