Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alexandra Dmitrievich (Standard & Poor’s): “La capacità politica di tornare sulla pista fiscale sarà fondamentale” | Mercati

Un illustre osservatorio monitora l’evoluzione delle condizioni finanziarie a livello globale. Alexandra Dimitrijevic presiede lo Standard & Poor’s Credit Conditions Committee, che analizza il rischio di credito per tutte le regioni, le tendenze macroeconomiche e il loro potenziale impatto sui rating. Questo esperto, che ha 26 anni di esperienza professionale in S&P, evidenzia la ripresa economica globale all’inizio dell’anno. Sono finiti i giorni della primavera 2020, quando l’agenzia ha rivisto la sua visione globale del rischio di credito ogni mese, invece che ogni trimestre. Anche se avverte di molte sfide che ci attendono nel processo di riduzione del debito globale che richiederà anni.

Cosa ci si può aspettare dalle condizioni di finanziamento nei prossimi mesi in un contesto di alta inflazione e la possibilità di ritirare gli stimoli monetari?

Ci sono andamenti molto positivi rispetto a dove eravamo tre mesi fa. E altre sfide. Dall’inizio dell’anno abbiamo assistito a miglioramenti superiori alle nostre aspettative, a causa di due fattori. Uno di questi è la distribuzione del vaccino, che è stata più rapida del previsto negli Stati Uniti e molto veloce nel Regno Unito. Ci aspettiamo che l’Unione europea raggiunga il Regno Unito entro sei settimane. È chiaro che c’è stata una forte ripresa economica negli Stati Uniti, che è fondamentale per le condizioni di finanziamento. Da febbraio, noi di S&P abbiamo assistito più all’aumento che alla diminuzione del rating: 88 aumenti contro 49 diminuzioni.

Quali sono le sfide?

Uno dei motivi per cui il mercato è molto preoccupato è l’inflazione. È un fenomeno particolarmente americano, anche se incide sul costo del finanziamento per le aziende europee. L’inflazione aumenterà quest’anno negli Stati Uniti ma si stabilizzerà l’anno prossimo e non pensiamo che costringerà la Fed ad aumentare i tassi di interesse prima della fine del 2023. Siamo vigili sulle sue ripercussioni nel resto del mondo.

READ  Bruxelles considera la proposta degli Stati Uniti un "passo avanti" sulle tasse globali

Vede il rischio di un incidente nel mercato?

Non parlerò dei rischi di incidente sul mercato ma della volatilità. Le banche centrali, la Banca centrale europea e la Federal Reserve sono state molto chiare sul fatto che vogliono sostenere le condizioni di finanziamento in modo che l’economia si riprenda completamente. Non prevedo shock di mercato, mi aspetto volatilità.

Cosa ti aspetti dal mercato Ad alto rendimentoUno dei più sensibili ai prezzi elevati?

Esiste il rischio dato che il 40% delle società statunitensi e un terzo delle società europee con rating inferiore a investment grade sono B- o inferiori. Per il momento, queste società beneficiano di condizioni di finanziamento eccezionali e beneficiano del rifinanziamento del loro debito. Alcuni settori andranno davvero bene e si riprenderanno come auto, tecnologia, consumatori e salute. I rischi saranno in un settore che fa molto affidamento sulle misure di mobilità, come i trasporti, le compagnie aeree e l’intrattenimento. Lì ci aspettiamo più impostazioni predefinite, anche se non un’ondata di impostazioni predefinite.

Ci sono differenze nel tasso di insolvenza tra Stati Uniti ed Europa?

Negli Stati Uniti, il tasso di insolvenza era del 6,5% a fine anno. Lo vediamo diminuire in modo significativo fino al 5,4% e ci aspettiamo che continui a diminuire. In Europa, le impostazioni predefinite hanno impiegato più tempo per aumentare e, poiché anche la ripresa sarà più lenta, continueranno a crescere. Sono il 5,8%.

Nonostante la gravità della crisi, nel 2020 non si sono verificati quasi cambiamenti nei rating sovrani delle principali economie. Potrebbe iniziare a cambiare in Spagna o in Italia?

Le procedure di classificazione in Europa erano molto più basse rispetto all’ultima crisi finanziaria. Nell’Eurozona abbiamo alcuni paesi con prospettive negative. Ciò che conta davvero nella classifica dell’Eurozona è che se assistiamo a una ripresa economica sostenibile che manterrà in ripresa l’equilibrio fiscale. Non ci aspettiamo un rapido calo del debito, è chiaro. Ci vorrebbero anni. Ma ciò che sarà fondamentale sarà la capacità dei governi di ripristinare gradualmente l’equilibrio fiscale, creando al contempo posti di lavoro in settori in crescita. Il fondo UE di prossima generazione è molto positivo perché stimola davvero gli investimenti nelle attività più produttive.

READ  L'uomo che fermò l'Orient Express, di Enrique Giuliana

Quando prevede che si realizzeranno progressi nel consolidamento fiscale nei paesi più indebitati dell’euro? Per quanto tempo il mercato si arrenderà?

Non è una tregua, è un riflesso delle misure di politica monetaria e fiscale della Banca centrale europea a livello nazionale e della Commissione europea. È stata la risposta appropriata per evitare ulteriori danni strutturali all’economia. La politica monetaria fa guadagnare tempo e i governi ottengono finanziamenti molto bassi e sono in grado di finanziare questa situazione straordinaria. Ciò non li esime dall’adozione di misure strutturali e dal ritorno alla crescita sostenibile. Non dirò che questo momento arriverà nel 2022 o nel 2023, quello che stiamo dicendo è che i governi dovrebbero essere in grado di stabilizzare i loro debiti e iniziare a ridurli nel 2023. Non si tratta di definire un momento specifico. E ci sono anche sfide sociali, basta guardare a ciò che sta accadendo in Colombia, per esempio. Il ritiro di tutte queste straordinarie misure di sostegno potrebbe portare a tensioni sociali e rappresentare una sfida per alcune economie.

L’austerità sarà ancora una volta la soluzione per ridurre il debito, come abbiamo visto nella recente crisi?

I governi sembrano aver imparato dalla crisi passata che l’austerità non era la risposta appropriata. Non si tratta di austerità, ma piuttosto di un graduale ritorno all’equilibrio fiscale. Se viene mantenuto un disavanzo generale a due cifre, non ci sarà resilienza di fronte a una nuova crisi. Ci sono molte sfide da affrontare, come l’invecchiamento della popolazione, il cambiamento climatico … Nessuno parla di austerità, ma di ristabilire l’equilibrio fiscale.

cosa ne pensi di Lavaggio verde In debito accessibile? Hanno abbastanza informazioni sulla strategia aziendale di ESG?

READ  L'economia italiana potrebbe crescere del 5% nel 2021 | Aggiornamento Europa | DW

È stato fatto molto lavoro di miglioramento, il che è qualcosa di nuovo e sono stati compiuti molti progressi nella standardizzazione dei dati per valutare adeguatamente l’impatto sulla sostenibilità. La trasparenza e la standardizzazione dei dati saranno senza dubbio una priorità per le autorità europee nei prossimi anni. Dedichiamo molto tempo alla comprensione della politica di sostenibilità delle aziende che apprezziamo. E quando creiamo obbligazioni verdi, vengono analizzati i progetti che finanzieranno. Crediamo di poter svolgere un ruolo importante nel portare trasparenza in questo mercato.