Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le esportazioni non petrolifere si consolidano con i gamberetti, prodotto di punta dell’Ecuador del 2022 | Economia | Notizia

Il prodotto di esportazione non petrolifero dell’Ecuador è attualmente quello che genera il maggior numero di vendite estere: 6.273,8 milioni di dollari da gennaio a ottobre 2022, seguito dalle banane, con vendite pari a 2.704,9 milioni di dollari nello stesso periodo, secondo i dati della Banca centrale ecuadoriana. Pubblicato a dicembre 2022.

Si tratta di gamberi d’allevamento, la cui produzione, volume e valore delle esportazioni hanno avuto negli ultimi anni cifre storiche notevoli per il paese e per l’industria dell’acquacoltura.

I gamberi sono in cima alla lista dei primi 5 prodotti esportatori di petrolio che attualmente generano la maggior parte delle vendite all’estero dell’Ecuador. Questi sono i dati da gennaio a ottobre 2022, pubblicati nel dicembre 2022 dal Ministero della produzione, del commercio estero, degli investimenti e della pesca, che si basano sulle statistiche della Banca centrale dell’Ecuador.

Dal 2018, le vendite annuali all’esportazione di gamberetti hanno superato i 3198 milioni di dollari; nel 2021, 5.078 milioni di dollari; E prima della fine del 2022, i dati della National Aquaculture Chamber (CNA) indicano più di 6.000 milioni di dollari.

Per José Antonio Campusano, presidente di Cordex e amministratore delegato di CNA, le esportazioni di gamberetti dall’Ecuador nel 2022 si chiuderanno a quasi 6,8 miliardi di dollari e il suo equivalente in sterline (oltre i 2.141′, 316.957 sterline che avevano esportato da gennaio a novembre 2022).

I produttori di banane e gamberi voltano pagina su un potenziale accordo fallito con il Messico e raccomandano di concentrarsi sulla chiusura dei legami con Cina e Corea del Sud

Questo settore è anche uno dei maggiori generatori di occupazione: 130.000 diretti e 140.000 indiretti. Solo nel 2022, il volume dei contratti di investimento nell’industria dei gamberi era di circa 700 milioni di dollari e la generazione di 5497 nuove opportunità di lavoro era direttamente correlata a questi contratti, ma il numero di nuovi posti di lavoro è più alto, come indicato dai CNA.

Cina, Stati Uniti e Spagna guidano con 44 destinazioni con una crescita di gamberetti

Nel 2022, il gambero ecuadoriano ha avuto 44 destinazioni in crescita, mentre si è registrato un calo in altre 18, secondo i dati settoriali analizzati a dicembre dalla Federazione degli esportatori ecuadoriani (Fedexpor), e con interruzione da gennaio a ottobre 2022.

Cina, dove sono state acquistate 492.139 tonnellate di gamberi da gennaio a ottobre 2022 (che rappresentano un fatturato di 3,39 miliardi di dollari); Stati Uniti, 163.118 tonnellate ($ 1.270 milioni); Spagna, 52.503 tonnellate ($ 319 milioni); La Francia, con circa 31.992 tonnellate ($ 223 milioni) e l’Italia con 26.737 tonnellate ($ 191 milioni), sono state le principali destinazioni per l’allevamento di gamberi in Ecuador nel 2022.

Tabella delle destinazioni dei gamberetti ecuadoriani

Il prezzo medio di un chilo di gamberi esportati è stato di 7,02 dollari (2,2 libbre) tra gennaio e ottobre 2022. In questo periodo, il prezzo medio è aumentato del 14% rispetto allo stesso periodo del 2021, secondo le date pubblicate da Fedexpor.

Il volume delle esportazioni di gamberi è cresciuto del 32% tra gennaio e ottobre 2022 rispetto allo stesso periodo del 2021, raggiungendo 894mila tonnellate in 10 mesi del 2022.

I dati analizzati da Fedexpor, la federazione degli esportatori ecuadoriani, spiegano anche l’aumento del volume delle esportazioni di gamberetti ecuadoriani nel 2022. Fonte: Fedexpor / Expordata Sectoral

Le sfide del 2023

Continuando a lavorare sulla competitività della catena del valore e affrontando aspettative economiche scoraggianti, “perché tutte le indicazioni indicano una recessione economica che influenzerà i mercati di destinazione”, che sono due delle principali sfide che il settore dei gamberetti deve affrontare, chiedendo al governo di prendere misure urgenti per ridurre il carico fiscale sulla produzione, afferma Jose Antonio Camposano, presidente del consiglio di amministrazione di Cordex e amministratore delegato di CNA.

José Antonio Camposano, presidente del consiglio di amministrazione di Cordex e amministratore delegato della Camera nazionale dell’acquacoltura (CNA). Fonte immagine: CNA. Immagine: universo

Una delle sfide del 2022, aggiunge, è stato “aumento significativo” dei principali costi di produzione, poiché ci sono quasi 100 sottolinee tariffarie che pagano dazi, rendendole meno competitive, afferma il rappresentante sindacale.

La nostra catena principale paga ancora l’imposta sul valore aggiunto (IVA) su beni strumentali, input e materie prime quando la legge è chiara che questi beni devono avere un’aliquota IVA pari a zero per evitare le tasse all’esportazione.

José Antonio Camposano, amministratore delegato della Camera nazionale dell’acquacoltura

il impedimento Un rappresentante Cordex aggiunge che un meccanismo, utilizzato in altri paesi vicini per stimolare le esportazioni, non è implementato in Ecuador.

“Abbiamo sfide molto grandi per le prospettive economiche per il 2023, poiché abbiamo già avuto un 2022 molto difficile e sembriamo essere soli in questo sforzo, proprio come quest’anno che si è appena concluso”, afferma Camposano.

Accordo Ecuador-Messico: la questione rischia di rimanere “in standby” e poi uno dei governi la riprenderà

Da parte sua, il Ministero della produzione, del commercio estero, degli investimenti e della pesca nel 2022 ha negoziato nuovi accordi commerciali con vari paesi, come Messico, Cina, Corea del Sud e altri.

Nel primo caso, il ministro ecuadoriano Julio José Prado ha certificato, nel dicembre 2022, che senza l’ingresso di gamberetti e banane, l’Ecuador non firmerebbe un accordo di libero scambio (ALS) con il Messico. Questo dopo le precedenti dichiarazioni del capo di stato azteco secondo cui entrambi i produttori ecuadoregni non avrebbero aderito al trattato.

E prima della fine del 2022, il ministro degli Esteri ecuadoriano Juan Carlos Holguin, in un’intervista a V telemazon, Che il paese abbia sempre un piano di emergenza nel caso in cui l’accordo con il Messico non venga concluso.

Per questo l’idea di attivare “tutti gli accordi commerciali con i Paesi dell’Asia, con i Paesi del Centro America, parallelamente all’ingresso dell’Ecuador nell’Alleanza per lo Sviluppo in Democrazia (ADD), che è forse uno dei le pietre miliari diplomatiche più importanti del 2022″, ha affermato il consigliere. (YO)

Crescita delle esportazioni dell’Ecuador per libbra e valore economico. Fonte: Camera nazionale dell’acquacoltura / Statistica Cía. srl.
READ  BBVA prevede una crescita del 5% fino al 2023