Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le esportazioni diminuiscono per il quarto mese consecutivo e minacciano di far salire il PIL

Le esportazioni diminuiscono per il quarto mese consecutivo e minacciano di far salire il PIL

Le esportazioni sono diminuite del 5% annuo a luglio e il settore ad alta intensità energetica è soggetto a sanzioni significative a causa dei costi più elevati rispetto ad altre regioni, come l’Asia o il Nord America. Tutti i settori sono negativi, tranne quello automobilistico e quello alimentare.

Il settore estero ha mostrato ancora segni di stanchezza nel mese di luglio, quando le esportazioni hanno registrato il quarto calo consecutivo. Secondo la banca, le vendite di merci all’estero sono diminuite del 5% a luglio rispetto allo stesso mese dell’anno precedente Dati pubblicati ieri dal Ministero dell’Industria, del Commercio e del Turismo. Ciò non significa solo limitare il quarto mese di calo, ma significa anche affrontare i problemi che sta attraversando il settore, il che aggrava il calo di un punto percentuale rispetto alla media del secondo trimestre dell’anno. Si tratta di un duro colpo dovuto principalmente alla perdita di competitività dell’industria ad alta intensità energetica, al calo della domanda in Europa e al calo delle esportazioni verso l’Asia a causa della frammentazione del commercio internazionale. Ciò rischia anche di avere conseguenze durature a causa dell’erosione della base commerciale di esportazione, mettendo a rischio la crescita del PIL.

Le esportazioni spagnole sono diminuite del 5% su base annua a luglio a 30.445,8 milioni di euro, mentre anche le importazioni sono scese dell’8,4% a 35.348,4 milioni, lasciando un deficit commerciale di 4.902,6 milioni di euro. Sebbene le esportazioni siano rimaste a livelli storicamente elevati nel periodo gennaio-luglio (230.397 milioni di dollari, un aumento del 3,3% rispetto allo scorso anno), ciò è dovuto solo alla forte crescita nel primo trimestre, una volta escluso l’impatto dell’inflazione. il calo si estende anche all’intero anno fino ad oggi, poiché il suo volume è diminuito del 2,5% rispetto ai primi sette mesi dello scorso anno. In generale, la nota positiva è che anche le importazioni sono diminuite nel cumulato anno (3,7%) e che i loro prezzi sono diminuiti significativamente (aumento dell’1,5%), principalmente a causa del contrasto con la situazione vista lo scorso anno. Quando i paesi europei furono costretti ad acquistare enormi quantità di gas a prezzi altamente gonfiati per paura di scarsità.

READ  La salute ritira alcuni tipi di pizza surgelata a causa dell'istamina

Per settori

In termini di attività, il settore più colpito durante tutto l’anno e nel mese di luglio è stato quello energetico, anche se in questo ambito bisogna tenere conto che la Spagna riesporta principalmente energia da paesi terzi. Inoltre, il forte calo delle esportazioni di materie prime (25,7% a luglio), di semilavorati non chimici (un settore che comprende, tra gli altri, la metallurgia, la carta e la ceramica, la cui competitività è stata significativamente danneggiata dall’aumento delle esportazioni) e prezzi dell’energia, soprattutto quando… Confrontatelo con la situazione di queste attività in Asia, che ha causato un calo del 18,5% e dei beni di consumo durevoli (13,2%). Anche le esportazioni di manufatti di consumo e beni d’investimento (3,5%) e di prodotti chimici (1,5%) sono diminuite, anche se in misura minore, anche se all’interno di questa categoria si sono registrate diminuzioni fino al 40%, 4% nel caso dei fertilizzanti o 26,2% nella chimica inorganica. Solo l’alimentare (in crescita complessivamente del 2%, anche se il petrolio è sceso del 14,7% e le bevande del 6,9%) e il settore automobilistico (in crescita del 36,3% in contrasto con il rallentamento degli ultimi due anni).

A livello nazionale, i dati di luglio riflettono la stagnazione dell’economia europea negli ultimi trimestri, ma anche i problemi sui mercati asiatici derivanti dalla frammentazione del commercio internazionale dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e l’imposizione di sanzioni alla Russia. Le vendite verso l’Eurozona diminuiscono quindi del 5,6%, il che è un grosso problema perché sei euro su dieci di esportazioni provengono dagli altri paesi membri della moneta unica. In questa regione si evidenzia il forte calo delle vendite verso la Francia, principale cliente delle aziende spagnole (12,4%), mentre la Germania aumenta la sua domanda del 10,9% e l’Italia del 9,2%, nonostante entrambe le economie siano tra le più colpite dal rallentamento dell’Europa, che può forse essere attribuito alla minore inflazione della Spagna, che le ha consentito di guadagnare quote di mercato nei paesi in cui le importazioni si stanno riducendo. Tuttavia, i cali maggiori si sono verificati tra le altre destinazioni meno popolari, come Oceania (17,2%), Africa (11,9%), Asia senza Medio Oriente (11,9%), Medio Oriente (8,2%) e Nord America (6,6%). ). %), in quanto l’industria ad alta intensità energetica è stata ostacolata dall’aumento dei costi nel Vecchio Continente, aumento ben maggiore che nel resto del mondo, che ha comportato una certa perdita di competitività.

READ  Il governo spagnolo sta riconsiderando l'aumento dell'indice SMI

Base di esportazione

Inoltre, al calo delle esportazioni bisogna aggiungere un ulteriore problema che potrebbe continuare a mettere sotto pressione il settore nei prossimi mesi: l’erosione della base delle esportazioni. Nello specifico, il numero di aziende che hanno venduto all’estero beni per almeno 5.000 euro nei primi sette mesi dell’anno è diminuito del 4,2%, riducendo la probabilità che queste aziende facciano successive incursioni all’estero. Pertanto, “quest’anno il settore estero cesserà di essere il motore della crescita”, afferma Antonio Bonet, presidente del Club spagnolo degli esportatori e investitori, il che potrebbe rappresentare un ulteriore ostacolo per l’economia nella seconda metà dell’anno. Il rallentamento da cui hanno recentemente messo in guardia organizzazioni come la Banca di Spagna o l’Autorità indipendente per la responsabilità fiscale. Pertanto, con l’esaurimento della spinta alle esportazioni e il rallentamento dei consumi privati ​​e degli investimenti sotto il peso dell’aumento dei tassi di interesse, la sostenibilità della crescita dipende quasi esclusivamente dal turismo.