Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le aliquote fiscali lasciano lo Stambecco al secondo posto dopo l’Italia

Quando l’aria inizia a entrare attraverso alcune fessure, si chiude. Ecco come è stato il mercato quest’anno in generale e questa settimana in particolare, a partire dall’annuncio del governo spagnolo lo scorso martedì – questa settimana. Una nuova tassa sugli utili straordinari di società energetiche e bancheGli Stati Uniti hanno chiuso con la pubblicazione di un dato preoccupante sull’inflazione per giugno (9,1%). Il premier italiano Mario Draghi si è dimesso. Con un ribasso del 3,86%, la borsa di Milano è stata la più debole della settimana e alcuni dati Al secondo posto c’è lo stambecco spagnoloCon una correzione, partendo da dietro 1.9% negli ultimi cinque giorni rispetto a un residuo EuroStoxx dello 0,8%.

Una mossa per lasciare il settore bancario spagnolo 7.000 milioni di perdite Questa settimana e l’ulteriore riduzione dei margini di Repsol, un nuovo tributo temporaneo agli straordinari profitti delle grandi società energetiche e dei giganti bancari quest’anno e per tutto il prossimo anno.

Sono passate solo poche ore prima che il mercato digerisse un altro pullback; Inflazione USA 9,1% a giugnoUna cifra che ha superato tutte le previsioni e i prezzi sono saliti a livelli che non si vedevano dal novembre 1981. La percentuale ha alimentato i timori di una recessione e i principali indici di Wall Street sono scesi di oltre l’1% questa settimana. Questi dati sull’inflazione incontrollata stanno costringendo le banche centrali ad accelerare le loro marce nel processo di inasprimento della politica monetaria: Canada, Nuova Zelanda o Corea del Sud sono state viste questa settimana in Corea del Sud, un precursore del prossimo incontro della banca centrale (27 luglio) . I tassi di interesse aumenteranno fino a 1 punto percentuale nel caso dei vicini settentrionali dell’America.

READ  Un'accoglienza commovente per alcuni bambini di rifugiati ucraini durante le prime classi in una scuola in Italia

La recessione, la crisi energetica oi problemi in Italia sono i principali driver del tasso di cambio dell’euro. Nonostante abbia recuperato un po’ di respiro rispetto al dollaro (+0,8% alla fine del mercato europeo) venerdì dopo che il presidente italiano Sergio Mattarella ha respinto apertamente le dimissioni di Mario Draghi, non è stato l’unico questa settimana. equalizzato con Dorso verde, Ma l’euro è stato mantenuto più basso perdendo oltre l’1% rispetto al dollaro dopo i dati sull’inflazione statunitense. Martedì è successo qualcosa che non si vedeva da due decenni, quando dopo giorni di minacce, la moneta unica è stata vista allo stesso valore del dollaro. Durante una parte della seduta, quando l’euro ha toccato i 1.000 dollari, le due valute più importanti del mondo hanno mantenuto lo stesso prezzo.

Crollo bancario

Non sorprende che, dopo la notizia del nuovo tasso, le società bancarie e le società energetiche abbiano chiuso venerdì come le peggiori performance della settimana, con l’imposizione del dirigente spagnolo. Stambecco, lo è era al minimo annuale del 2% Giocata il 7 marzo, quando è scoppiata la guerra in Ucraina, sette società hanno terminato la sessione registrando perdite settimanali superiori al 6%.

Il più alto rendimento all’interno delle luci rosse è stato CaixaBank, con una correzione di oltre il 9%. Questa è stata seguita da Repsol, che è scivolata nel settore bancario e ha chiuso la settimana con la seconda perdita più bassa di oltre l’8%. Banco Sabadell ha chiuso questi primi 3 e ha perso l’8,32%. Sul lato opposto del grafico, in verde, c’è Cellnex, che ha rimbalzato di oltre il 9% chiudendo la settimana al suo valore più alto. Inditex è salita di circa il 4% al secondo posto, seguita da Amadeus con il 2%.

READ  Italia: Il Parlamento non ha logisticamente elegir unsense de consenso | Cotro i tuoi contatti

Anche il mercato del reddito fisso ha risentito degli effetti diretti della crisi nel Paese di partenza, e lo spread è salito a 207 punti base, il più alto dalla nascita del governo Draghi nel 2021. Chiude ieri il rendimento del decennale italiano. 3,27%. Il Carta Gli spagnoli guadagnano il 2,29% e il Bund tedesco sfiora l’1,13%. somma Brent, Il benchmark del vecchio continente, che ha registrato un aumento di oltre il 30% nel 2022, ha allentato il prezzo questa settimana, anche se venerdì è tornato su una traiettoria al rialzo. aumento dell’1,9%, Per la chiusura europea.

opinioniCondividiloFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInAllegata