Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia, Russia pezzo da sogno

La crisi di governo in Italia in questi giorni sta creando un ironico capovolgimento dei ruoli nel sud Europa. La stabilità politica ora prevale nella penisola iberica, mentre la formula unita nazionale Attorno a un organo tecnico di governo, l’Italia ha fornito un modello di governance per più di un anno. Ricordiamoci che in Spagna la formula Draghi ha trovato molti seguaci. Alcuni commentatori politici e docenti nel settore degli affari non lo bramano Draghi è spagnolo, assente. Hanno difeso la virtù di un governo tecnocratico, sostenuto dai partiti, contro un governo di coalizione di sinistra come quello spagnolo, puramente politico, che richiedeva un sostegno costante in parlamento.

La formula tecnica sembrava sospendere la guerra politica in un paese complesso come l’Italia. Fermare la lotta per gestire al meglio le finanze europee, finché non arriva la guerra e complica tutto. La parentesi è durata esattamente diciassette mesi. Mario DraghiL’ex presidente della Banca centrale europea, che ha prestato giuramento come primo ministro il 17 febbraio 2021, si presenterà in parlamento mercoledì 21 luglio 2022, con la lettera di dimissioni in tasca, per verificare se è idoneo a continuare guidare un governo di unità nazionale nella terza economia dell’UE.

La stabilità nell’Europa meridionale si trova ora nella penisola iberica e in Grecia. Un governo a maggioranza assoluta in Portogallo e una maggioranza parlamentare multipartitica in Spagna si oppongono più del previsto. Pedro Sanchez Sembrava essere politicamente morto martedì scorso, poche ore prima che il Congresso iniziasse a discutere lo stato della nazione. Quello stesso giorno, Draghi raccontò barzellette sui banchieri a una vivace cena dell’Associazione della stampa estera a Roma. Presto i ruoli cambiarono.

Giovedì Sánchez, dopo il dibattito, con buona qualità, ha approvato misure importanti in Spagna, come il secondo pacchetto anticrisi e la legge della memoria democratica, mentre il suo omologo italiano è stato costretto ad approvare il governo nazionale. Il motore di trasmissione sviluppato l’anno scorso è esaurito. Potrebbe essere risolto entro la primavera del 2023, quando in Italia si terranno le elezioni legislative, ma non sarà facile. Vedremo tra qualche giorno.

READ  L'Italia ha cambiato il requisito principale per l'attuazione della cittadinanza

1

Il governo Draghi ha sostanzialmente fatto due cose: Dare la gestione diretta dei fondi europei (l’Italia riceve direttamente 200.000 milioni di euro, tra aiuti diretti e prestiti) a un gruppo di tecnocrati lontani dai partiti, e riaffermare l’atlantismo dopo un periodo di significativa simpatia del governo per Cina e Russia. L’Italia è il più grande Paese dell’UE a firmare un documento per aderire al grande piano strategico cinese noto come Nuova Via della Seta (marzo 2019). L’Italia ha invitato un battaglione medico russo ad aiutare gli operatori sanitari del nord del Paese nel momento peggiore della pandemia di Covid-19, un battaglione che ha girato il Paese a bordo di veicoli militari, con la bandiera russa in aria (marzo 2020). Entrambe le iniziative hanno fornito una leva al governo degli Stati Uniti e al quartier generale della NATO.

1

Negli ultimi anni Russia e Cina hanno raggiunto livelli di influenza in Italia più intensi che in Spagna. Circa 500 compagnie italiane operavano con la Russia prima dell’inizio della guerra in Ucraina. Nei media, soprattutto nei talk show politici televisivi, le voci positive per Russia e Cina sono quasi sempre assenti. Quel peso di influenza aumentò durante il governo di coalizione del Movimento 5 Stelle e della Lega Nord (2018-2019). Vari docenti del M5E hanno ottimi rapporti con il governo cinese e ci sono prove che la Lega abbia cercato finanziamenti da Mosca. Con l’arrivo di Draghi al governo, il pendolo ha oscillato nella direzione opposta. Nel suo primo intervento in parlamento, il nuovo presidente del Consiglio ha spiegato che una delle sue priorità sarà chiarire l’adesione dell’Italia al Trattato Atlantico.

1

La principale vittima dell’arrivo al governo di Mario Draghi è stata l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Avvocato del sud Italia, simpatizzante del M5E, è stato eletto presidente del Consiglio nel 2018 come figura di bilancio. Conte ha dovuto affrontare il difficile momento della pandemia e sta negoziando duramente a Bruxelles con Pedro Sánchez per assicurarsi la prossima generazione di fondi europei. Una volta disponibili i fondi, Conte è stato tolto con una manovra parlamentare tatticamente diretta dall’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, che era stato un promotore chiave della formula Draghi.

1

È Conte che ora mette in difficoltà Draghi. Il Movimento 5 Stelle si sta disintegrando per problemi di coerenza interna e l’ex presidente del Consiglio sta cercando di guidare una fazione favorevole all’intesa con il Pd (centrosinistra). Per avere prospettiva, Conte ha rifiutato di sostenere l’ultimo decreto anti-crisi del governo di unità nazionale, determinando la decisione di Draghi di presentare le sue dimissioni al presidente.

1

Vari osservatori ritengono che Draghi non sia molto flessibile in questi giorni. Ha posto delle condizioni e se non sei d’accordo, me ne vado. Mario Draghi è stato eletto Presidente della Repubblica nella Conferenza Parlamentare tenutasi lo scorso gennaio, che finalmente ha ascoltato il seguito di Sergio Mattarella. È stato un ottimo modo per concludere la sua carriera. Disilluso, sembra aver perso la pazienza in un momento politico cruciale per il suo Paese.

1

La politica italiana, come sempre, è in una fase di ristrutturazione. Le elezioni di ottobre faciliteranno la vittoria della coalizione di destra Formato da Fratelli d’Italia (estrema destra con fazione neofascista), Liga (populismo di estrema destra) e Forza Italia (Silvio Berlusconi) contro il Partito Democratico, il M5E e il resto dei gruppi centristi hanno bisogno di tempo per fondersi. Quella presunta vittoria desta oggi preoccupazione nelle principali capitali europee ea Washington.

1

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, è un’atlantista di estrema destra., un amico di Trump che ha fortemente sostenuto Vox nelle ultime elezioni andaluse. Matteo Salvini, il capo della Lega, è un confessato ammiratore del regime russo, e Silvio Berlusconi è un amico personale di Vladimir Putin.

1

Una vittoria della coalizione di destra potrebbe spostare l’Italia fuori dall’asse atlantico nel momento più decisivo della guerra in Ucraina: il prossimo inverno. La capacità di pressione della Russia potrebbe crescere con l’approvvigionamento di gas. L’influenza della Cina potrebbe riacquistare forza. L’Italia, tassello fondamentale dell’unità europea, entrerà in un altro movimento. Non necessariamente una spaccatura con l’UE, ma piuttosto un diverso allineamento più vicino a paesi come l’Ungheria. L’Italia entrerà in una fase di forte predominio conservatore. L’attuale crisi di governo in Italia ha quindi un alto valore geopolitico.

1

Ecco cosa sta succedendo in Italia nei prossimi giorni e mesi Il prossimo anno accademico sarà molto importante per l’evoluzione della politica spagnola.