Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La trasformazione digitale nel business espone un ampio divario di genere

Didascalia/File foto

La trasformazione del business digitale ha mostrato un notevole divario di genere in America Latina e nei Caraibi, con le aziende guidate da donne che rappresentano solo l’1% del volume totale delle transazioni elettroniche, hanno affermato mercoledì gli specialisti al Forum Miami-LAC 2021.

Proprio come la trasformazione digitale è diventata strategica per l’e-commerce durante la pandemia, con un aumento del 157% nella regione, “le donne nelle catene del valore rappresentano una proporzione inferiore rispetto agli uomini”, ha detto Jessica Bedoya a un panel, specialista dell’Organizzazione delle sviluppo americano. Banca (IDB) che organizza il forum.

Miami-LAC 2021 è il primo business forum organizzato dalla Islamic Development Bank per promuovere opportunità commerciali e di investimento tra il sud della Florida e la regione dell’America Latina e dei Caraibi.

Una tavola rotonda ha lanciato oggi la Digital Transformation Challenge for Internationalization, nell’ambito del programma Women Growing Together in the Americas, presentato dalla Islamic Development Bank lo scorso marzo.

La tavola rotonda ha introdotto una discussione sull’importanza della trasformazione digitale come “equilibrio e catalizzatore” per le aziende guidate e/o di proprietà di donne in America Latina e nei Caraibi.

Darren Weir, vicepresidente di Mastercard responsabile delle relazioni con i governi dell’America Latina e dei Caraibi, ha affermato che nella sua esperienza mancano “coordinamento, informazione e ispirazione per aiutare le donne”.

“Molte persone hanno le capacità, ma a volte non hanno gli strumenti. Hanno bisogno di informazioni su come effettuare pagamenti online”, ha detto Ware, sottolineando che esiste un “divario di genere nella fiducia”.

Effetto multiplo richiesto

Durante la sessione è stato mostrato un documentario stimolante con Ariane Marziona, Head of Supply Chain Management per il gruppo tecnologico latinoamericano NEC, e Silvia Konstein, della multinazionale finanziaria Visa.

Grace, una donna d’affari ecuadoriana, come identificato, ha creato un’azienda di coltivazione ed esportazione di fiori con 14 persone e ora conta 35 dipendenti.

“Non abbiamo mai licenziato nessuno, abbiamo salvato qualcosa e durante la pandemia l’abbiamo usato”, ha detto l’imprenditrice che appartiene a Women Growing Together in the Americas.

“È molto difficile per una donna ottenere finanziamenti, questo è un handicap. Non lo prendono sul serio come se fosse mio marito, ma quello che gestisce questo sono io”, ha detto Grace.

Dal campo della coltivazione delle rose, gli ecuadoriani hanno affermato di essere cresciuti nel tempo e ora, da Tabacundo, la “capitale mondiale delle rose”, hanno una presenza negli Stati Uniti, in Italia, in Cina e in Kazakistan, tra gli altri angoli del mondo.

“L’unico modo è potenziarci”, ha detto, orgogliosa di sapere “Ho 35 famiglie che lavorano, questa è la cosa più bella che ho”.
Silvia Constan di Visa, la cui azienda utilizza metodi di pagamento innovativi e promuove l’economia digitale, ha osservato che Grace “deve condividere il suo successo con altre persone per ottenere un effetto moltiplicatore”.

“Abbiamo deciso di affrontare le sfide che le PMI (piccole e medie imprese) devono affrontare durante la pandemia. La buona notizia è che abbiamo appreso che le PMI sono campioni grazie alla velocità con cui la trasformazione digitale è avvenuta durante la pandemia”, ha detto Konstein.

“Non è necessario reinventare la ruota, ma non dobbiamo percorrere da soli la strada della trasformazione digitale”, ha aggiunto.
Da parte sua, il CEO di NEC, parlando online dal Brasile, ha ringraziato la “digitalizzazione” del mondo di oggi.

“Le tecnologie sono abilitanti”, ha detto, “ma dobbiamo identificare il grande scenario che favorisce l’innovazione”.
“Il mercato al dettaglio ha visto un’accelerazione. Oggi abbiamo visto che possiamo fare sempre più efficientemente” in termini di riduzione dei costi, affidabilità dei dati ed efficienza, ha affermato.

Secondo i dati presentati nel panel, meno del 10% degli attuali sviluppatori di software o sistemi in America Latina sono donne, mentre entro il 2025 la regione avrà bisogno di 1,2 milioni di sviluppatori.

Il programma Women Growing Together in the Americas, lanciato lo scorso marzo e gestito dall’iniziativa ConnectAmericas, mira ad aiutare le imprenditrici in America Latina e nei Caraibi a integrare le loro aziende nel commercio estero e nelle catene del valore regionali.
Si concentra principalmente su tre aree: trasformazione digitale, promozione della sua internazionalizzazione e accesso ai finanziamenti.

Mercoledì, a Miami-America Latina e Caraibi 2021, l’Islamic Development Bank ha confermato che l’America Latina e i Caraibi richiedono investimenti per 68 miliardi di dollari per colmare il divario di connettività e poter così sfruttare appieno le opportunità offerte dall’economia digitale .

READ  La Spagna è il 14° paese dell'Unione Europea in termini di tasso di inflazione