Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Circa 150.000 dei “baby boomer” della Navarra inizieranno ad andare in pensione dal prossimo anno.

È ora. generazione esplosione delle nasciteI nati tra il 1957 e il 1977 in Spagna inizieranno ad andare in pensione entro il prossimo anno. Ci sono più di 7,7 milioni di persone, il grosso della piramide demografica distorta, molto stretta alla sua base, che comprende circa 150.000 navarresi che oggi hanno tra i 44 ei 64 anni.

Il raggiungimento dell’età pensionabile, che inizierà a comparire nel 2023 a causa del ritardo legale dell’età pensionabile, rappresenta la sfida più grande per il sistema pensionistico spagnolo, un fondo unico che raccoglie tutti i redditi dai contributi sociali e li distribuisce a tutti. pensionati. E che sia stato in rosso per oltre un decennio non sarà facilmente corretto. Né in Navarra, che è una delle regioni con il più basso tasso di disoccupazione, ma anche la più grande popolazione.

Fino a settembre 2021, la Social Security ha introdotto 1,12 miliardi di euro di contributi previdenziali, quasi 80 milioni di euro in più rispetto allo scorso anno. Nel frattempo, ha pagato 1.603 milioni di euro in pensioni, vedovanza, orfani, invalidità e parentela. Due curve già ampiamente separate, allargate ulteriormente dalla pandemia e che si sono tradotte in una chiara indicazione: il navarrese sta contribuendo al sistema molto meno di quanto si possa immaginare.

Nel tentativo di compensare l’arrivo di milioni di persone, il governo centrale ha concordato con l’UGT e CCOO di aumentare i contributi sociali dello 0,6%, che detrarrà circa 2 euro al mese dai lavoratori sul libro paga e che aumenterà all’incirca a 12 euro (per stipendio 2000) il costo mensile del lavoratore alle aziende.

“Ovviamente questo non basterà”, avverte Mikkel Nouval, capo del Servizio Studi dell’ELA, che sostiene di rompere la “logica della Carta di Toledo”, che determina il finanziamento del sistema attraverso i contributi sociali. Per il sindacato è necessario utilizzare le tasse per coprire il divario che, una volta esaurito il Fondo Pensione, ha costretto il governo centrale a versare contributi straordinari.

READ  Cepyme calcola che equiparare la dimensione delle imprese alla media europea creerebbe 1 milione di posti di lavoro | Economia

Infatti, per raggiungere i 50000 milioni che il ministro Escriva ha raccolto nel 2033, il fondo creato con tali contributi straordinari dovrebbe ricevere un rendimento annuo prossimo al 7%. Qualcosa che è praticamente impossibile da ottenere se non si investe in asset rischiosi.

Tutto indica che questo divario tra entrate e spese continuerà anche nei prossimi anni. Sia per questioni demografiche, sia, soprattutto, per il mercato del lavoro che genera posti di lavoro con stipendi molto modesti, soprattutto tra i giovani.

Infatti, una persona che va in pensione nel 2021 lo fa con una pensione media di circa 21.680 euro annui, cifra che la maggior parte dei lavoratori under 30 in Navarra non raggiunge. Il salario medio per le persone di età inferiore ai 25 anni non raggiunge i 14mila euro, mentre lo stipendio medio per la fascia dei 25-34enni si aggira intorno ai 22mila euro.

notevole

80% dello stipendio medio
Nuove pensioni in Navarra. Nell’ultimo decennio, salari e pensioni si sono sviluppati a tassi molto diversi. Mentre si sono registrati precedenti tagli, stagnazioni o incrementi molto contenuti, le pensioni hanno mantenuto e in alcuni casi aumentato il potere d’acquisto. In questo modo, la nuova pensione rappresenta ormai quasi l’80% dello stipendio medio in Navarra e il tasso medio di sostituzione noto, il rapporto tra l’ultimo stipendio e la prima pensione, raggiunge l’83% in Spagna, dietro solo all’Italia (91,8%) e Turchia (93,8%), secondo i dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. • Poiché i salari sono più alti in gran parte dei paesi, questo tasso di sostituzione è leggermente inferiore. La Francia, con il 75%, ha uno dei sistemi più generosi in questo senso, mentre nel Regno Unito, con il 28,4%, la pensione pubblica è molto più bassa. In Germania e negli Stati Uniti il ​​rapporto tra l’ultimo stipendio e la prima pensione è di circa il 50%.

READ  Cosa si aspettano i mercati per mercoledì 11 agosto? - Finanza

L Post et

Tieniti dietro l’Europa.
Come molti altri problemi, la Spagna ha tardato a ritirare la sua generazione più anziana. Mentre in gran parte dei paesi europei il baby boom è avvenuto tra il 1946 e il 1965, in Spagna, sotto il giogo della dittatura e dell’economia di sussistenza fino alla metà degli anni ’50, questo fenomeno è stato ritardato. Anche in Navarra, dove la curva delle nascite non ha iniziato a indebolirsi fino alla fine degli anni ’70.

Fino a settembre

1.120
Milioni di entrate. I contributi sono rimbalzati con una certa forza finora quest’anno (+7%) e hanno contribuito con 80 milioni di euro in più alle casse della sicurezza sociale in Navarra.
1.603
Spende milioni in spese per la sicurezza con le pensioni pagate anche nel 2021, quindi il divario rimarrà.
60.000
Alza la base massima. Il governo centrale prevede di aumentare lo 0,9% annuo nei prossimi 25 anni, dagli attuali 48.860 a 60.000.

promemoria

12%
avvia Del
La spesa pensionistica in Spagna rappresenta circa il 12% del PIL, mentre in Navarra, con i dati sullo scoppio dell’epidemia, sarà di circa il 10%. In Francia è del 15% e in Italia del 17%, mentre è inferiore, ad esempio, in Germania.

base centrale

2.163
La base contributiva media in Navarra è di 2.163 euro, circa 240 euro in più rispetto alla media statale. È molto più alto tra gli uomini (2.354) che tra le donne (1.944). Il prezzo massimo è stato registrato nella Regione Autonoma Basca, con una media di 2.317 euro al mese.

notevole

copertura comunitaria
Madrid 91,61%
Baleari 88,94%
Murcia 83,66%
Isole Canarie 78,97%
Catalogna 70,91%
Navara 69,85%
Comunità Valenciana 69,26%
Andalusa 68,93%
Totale 68,75%
Castiglia La Mancia 68,26%
Estremadura 61,84%
Aragona 61,80%
La Rioja 61,32%
Paesi Baschi 57,29%
Galizia 53,07%
Castiglia e Leon 50,25%
Cantabria 48,91%
Asturie 36,61%

READ  Il Governatore della Banca Centrale riceve il nuovo ambasciatore italiano presso il Dott. Stefano Chirolo