Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La strana storia del calcio in Italia

La strana storia del calcio in Italia

Lunedì 15 marzo 2010 alle 03:19

La palla sembra essere arrivata a Roma come i tori, con la famiglia Borgia, i Borja di Gativa, che “hanno fatto italiano il loro cognome”. Le truppe valenciane arrivate con due papi della famiglia nel XV secolo si stabilirono nella città e introdussero il gioco della “pelota”, come viene chiamato oggi nella lingua valenciana. Esiste infatti una strada a Roma chiamata con questo nome, Via della Pilota, perché nella piazza omonima, dove oggi sorge l'Università Gregoriana, si giocavano le partite.

Anche un suo lontano parente del XVIII secolo, lo studioso cardinale Stefano Borgia, amava questo sport e si dice che questo lo portò ad interessarsi ad alcuni strani disegni di un gioco di palla che alcuni servitori stavano bruciando. Si è scoperto che si trattava di un papiro azteco che in qualche modo è arrivato a Roma dalla Spagna. Questo famoso rotolo, attualmente conservato presso la Biblioteca Vaticana, è noto come “Codice Borgia” e in alcune scene descrive una mitica corrispondenza tra le due figure del dio Tezcatlipoca. È difficile scommettere lì.

Il pallone era molto popolare a Roma e suscitò passioni: Caravaggio uccise un rivale in una lite per un punto della partita e dovette fuggire dalla città. In Italia esistevano già i giochi con la palla, ma anche le corride, eredità dell'Impero Romano, e una ricca tradizione finì per concretizzarsi in numerose varianti locali. Era uno sport molto popolare, ma è andato perduto, anche se fu nel XIX secolo che raggiunse il suo apice, soprattutto in Toscana, Piemonte, Liguria ed Emilia-Romagna, nel centro e nel nord del Paese.

READ  Ibarra cambia Boca 11 per visitare Argentinos

Il metodo più famoso è il “pallapugno” (pugno della palla), che dà il nome all'attuale Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIPAP), che conta cento federazioni iscritte e 20.000 tesserati. Esistono altri derivati ​​locali, come il 'pallone col bracciale', che in Toscana si suona con una pesante guardia in mano che può pesare quattro chilogrammi, e uno molto strano in cui una specie di tamburello viene utilizzato come pagaia. “Tamborello Pala”. La passione per questi sport nell'Ottocento era così grande che da gioco di piazza si trasformarono in uno spettacolo a pagamento, con scommesse e giocatori professionisti. Molte città avevano quello che veniva chiamato “sferisterio”, uno stadio con gradinate e capienza per migliaia di persone. Alcuni di essi, come quelli di Macerata, sono considerati autentici monumenti. Nel corso del tempo e della mancanza di utilizzo, molti sono stati riciclati in luoghi di intrattenimento.

I giocatori famosi erano idoli e alcuni erano addirittura onorati da scrittori e poeti. Ad esempio, Carlo Didemi, di Tria, cantato da Leopardi, veniva pagato per un'esposizione nel 1830 “non meno di 600 scudi romani”, mentre lo stipendio di un insegnante nello Stato Pontificio variava dai 25 ai 60 scudi. Ma nel XX secolo arrivò il calcio e tutto finì. Il calcio resta vivo in alcune città e la federazione lo mantiene vivo, ma è un sentimento locale o una curiosità folcloristica. Tuttavia, è proprio nel XX secolo che la regione basca della Pilota conobbe un momento di fama. Milano, Roma, Genova, Firenze e Napoli avevano frontoni e andare a vedere le partite e scommettere era un divertimento molto popolare.

READ  Programma e dove vedere il sorteggio di Euro 2024

Uno a Napoli è andato a fuoco, gli altri sono stati demoliti e l'unico in piedi a Milano, ma è stato ristrutturato nel 2003 dopo anni di chiusura, come centro di attività e solitamente ospita sfilate di moda. L'insegna originale è ancora oggi appesa al muro, con i termini in basco. La pilota basca si gioca a Milano dall'inizio del secolo, ma non ha avuto un fronte organizzativo moderno fino alla sua apertura nel 1947, con una capienza di 1.200 spettatori. Nel pomeriggio lo stadio era aperto ai tifosi, ma alle 20:30 la partita era sul serio. La puntata minima era di mille lire e le serate finivano all'una di notte. In un film di Carlo Lizani, “La vita agra” (1964), Ugo Tognazzi ha tre coinquilini, che passano il tempo a calpestare i panni nella vasca da bagno perché non hanno la lavatrice. Nel 2006, grazie all'impegno della federazione, l'Italia è tornata alla Coppa del Mondo Pilota Basca dopo 30 anni, anche se in due sole discipline.

Questo contenuto è esclusivo per gli abbonati

Accesso per un mese intero a soli 0,99€