Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La strada per la ginnastica sicura è lunga, ma possibile

Seminario sul modo sicuro nello sport

I Mondiali di Ginnastica Artistica di Liverpool hanno lasciato tanti nuovi campioni e si sono qualificati per Parigi 2024, ma soprattutto hanno stabilito un precedente per i prossimi Mondiali: la Federazione Internazionale, promossa su iniziativa della British Federation, ha organizzato un Safe Road in Sport (Safe Sport Journey), incentrato sul Lavoro in contesti sani per praticare la ginnastica in tutte le sue branche e livelli. Si è trattato di due giorni di mostre interattive di 12 minuti, accompagnate da tavoli di discussione, che hanno visto la partecipazione di 200 campioni provenienti da oltre 50 paesi.

Perché questa decisione istituzionale e politica di mettere all’ordine del giorno il tema della tutela degli atleti? La spiegazione è multi-causale, ma ha un denominatore comune: denunce di violenza sessuale, fisica e psicologica contro ginnaste, da Il caso del medico della squadra statunitense Larry Nassar Nel 2016, anche innumerevoli testimonianze –Questo non si ferma ancora- di ginnaste provenienti da Belgio, Australia, Olanda, Spagna, Gran Bretagna e Italia, sfatando una metodologia tossica radicata da anni, senza costrizioni morali o umane, e sostenuta dalla ricerca dell’eccellenza sportiva a livello internazionale.

I partecipanti al simposio Safe Path in Sports
I partecipanti al simposio Safe Path in Sports

Come risposta successiva a questo doloroso problema di cui sono vittime i giovani atleti, la Fédération Internationale de Football Association (FIG) ha lavorato negli ultimi due anni per sviluppare i Principi di Protezione, che includono l’istituzione della Gymnastics Ethics Foundation nel gennaio 2019 ; e la formazione di un gruppo di lavoro chiamato Protezione, composto da ginnasti, allenatori e giudici di tutto il mondo. Questo gruppo era responsabile della pubblicazione 10 regole d’oro della ginnasticapresentato sotto forma di animazione e video per attirare i giovani atleti.

READ  Probabilità del fiume 11 per il super classico

D’altra parte, l’iniziativa della Federazione britannica di tenere questo seminario si inserisce nel quadro della pubblicazione del Rapporto Whyte lo scorso giugno, un’indagine indipendente di 400 interviste alle vittime tra il 2008 e il 2020, che ha confermato che i problemi fisici ed emotivi gli abusi all’interno della ginnastica in Gran Bretagna erano “sistematici”.”. Il lavoro guidato da Ann White ha rivelato che il benessere delle ginnaste “non era al centro della cultura della ginnastica nel Regno Unito”. Questo rapporto ha suscitato molto scalpore perché ha dettagliato episodi in cui le ginnaste sono state costrette ad allenarsi ferite, punite per aver dovuto andare in bagno, urlate, insultate e le loro borse perquisite per cibo non autorizzato. Senza margine, British Gymnastics ha iniziato e ha gesti come la recente pubblicazione del programma correggere 25 E l’organizzazione di questo seminario durante i Mondiali che hanno ospitato a Liverpool.

I partecipanti discutono in un simposio sul modo sicuro nello sport
I partecipanti discutono in un simposio sul modo sicuro nello sport

L’invito era aperto e rivolto soprattutto ai presidenti delle federazioni nazionali. C’era anche la possibilità di seguire le due giornate a distanza, sebbene il precedente dispiegamento non fosse sufficientemente efficace per dare notizia in massa dell’evento. Altro punto da verificare per future uscite è la coincidenza del seminario con l’intensa competizione per il Campionato del Mondo, che ha precluso la piena disponibilità dei partecipanti.

Tra le ginnaste parlanti, spiccava la canadese Emma Spence, che fa parte del suddetto gruppo di protezione e che faceva anche parte della nazionale del suo paese che ha raggiunto la medaglia di bronzo e la posizione olimpica nella finale a squadre. Un altro highlight è stata la rumena Andrea Radokan, la campionessa olimpica di Sydney 2000 che ha ricordato di aver perso la medaglia a causa del risultato positivo dell’efedrina: “Dobbiamo sempre ricordare alle nuove generazioni quanto sia importante raggiungere una medaglia olimpica o mondiale, piuttosto che per ottenere la medaglia stessa”, ha sottolineato Radokan nella sua presentazione. L’introduzione di quella ginnastica ad alte prestazioni ti consente di sviluppare abilità per tutta la vita che puoi utilizzare dopo aver terminato la tua carriera atletica. “

Daniela Conde, ex ginnasta olimpica e allenatrice argentina, è stata una dei rappresentanti della Federazione americana di ginnastica al simposio, grazie al suo vivace lavoro con diversi atleti latinoamericani. Dopo la sua permanenza al Liverpool, è stato ottimista: “Ci sono molti membri della comunità internazionale di ginnastica che hanno un reale interesse a migliorare l’esperienza giovanile nelle alte prestazioni. Ovviamente ci sono quelli che hanno interessi in altre cose, ma posso vedere che ci sono persone che sono molto impegnate in questo scopo di creare un percorso sicuro per gli atleti”. Passando in rassegna e confrontando i diversi tempi che ha attraversato nella ginnastica d’élite dalla sua infanzia ad oggi, Conde ha confermato che la ginnastica sta subendo cambiamenti in meglio: “Noto e vedo che c’è una revisione del metodo, ad esempio in USA Gymnastics o in la Federazione canadese. Attualmente ci sono allenatori sanzionatori nella Federazione. Gli inglesi non possono esercitarsi. Il messaggio al simposio era tolleranza zero per qualsiasi tipo di violenza. “

READ  Lei è argentina, vive a Parigi e segue Lionel Messi ovunque vada con una maglia storica e un gol

Per i Mondiali di Anversa 2023, che forniranno la stragrande maggioranza dei posti a Parigi 2024, la Federazione belga sta già lavorando per replicare l’esperienza e continuare a lavorare per raggiungere un equilibrio in cui la domanda non sia sinonimo di abuso.