Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Maradona e Messi sono stati i migliori”

Lothar Matthews È una vera leggenda del calcio. Il 60enne tedesco, che oggi trascorre un po ‘di tempo come ambasciatore del Bayern Monaco e del campionato tedesco nel mondo, Non detiene solo il record di calciatore con il maggior numero di coppe del mondo giocate (Condiviso con Raphael Marquez, Antonio Carvajal e Gianluigi Buffon) Ma è lei quella che ha giocato più partite e più minuti nella storia dei Mondiali. Campione in Italia 90 come capitano e personaggio di questa squadra diretta da Franz Beckenbauer, ha incoronato quell’anno indimenticabile con il Pallone d’Oro, splendendo non solo nel suo Paese e con la sua squadra ma anche nel calcio italiano. Una traccia del genere fa apparire il suo nome in 11 modelli di storia ideali, secondo una recente selezione della rivista France Football.

In Argentina il suo nome e cognome possono essere pronunciati in modi diversi (alcuni giornalisti lo chiamavano Matusia, altri Matthews e c’è chi lo chiamava Mattius), ma la sua immagine è strettamente correlata. Diego Armando Maradona E quei duelli tra Germania e Argentina che hanno definito i titoli mondiali. Antieroe per questo lato della mappa, Questo meraviglioso giocatore che era un trequartista e un centrocampista e ha concluso la sua carriera da giocatore di Libero, Prenditi del tempo per rispondere al sondaggio Ole, 25 anni.

Qual è il primo ricordo che mi viene in mente dell’86ª Finale del Messico e della 90ª Finale dell’Italia?

Duelli contro Diego senza dubbio. Quelli erano i due giochi più importanti della mia vita. Giocare due finali di Coppa del Mondo è indimenticabile. Ho vinto uno e perso l’altro, ma in conclusione, devo dire che il vincitore è stato un discreto campione in entrambe le finali perché ogni squadra è stata la migliore squadra del torneo. L’Argentina è nell’anno 86 e noi siamo nell’anno 90.

Matthews va sulla Terra per fermare Maradona in Messico 86.

Matthews e Maradona nella 90esima finale italiana.

Matthews e Maradona nella 90esima finale italiana.

Una volta hai raccontato una storia quando Maradona ti ha prestato le scarpe per un’amichevole. Hai ancora questi calzini?

– Era la partita d’addio di Michel Platini a metà del 1988. Diego mi ha detto prima della partita che aveva dimenticato le scarpe. Indossavo le stesse scarpe delle sue, quindi gli ho prestato un paio delle mie scarpe. Quel giorno abbiamo giocato insieme per il resto del mondo contro la Francia. Diego mi ha dato il passaggio così ho potuto segnare 1-0. Dopo la partita me li ha restituiti. Sono le stesse che ho indossato nella finale italiana degli anni 90. Tengo una scarpa come souvenir e l’altra è esposta al Museo Adidas.

– Ha giocato contro Maradona e ha visto Lionel Messi come spettatore. Quali differenze sferiche noti tra i due?

Non vedo molte differenze. I due giocatori sono bassi, mancini, con tanto gol e dribbling, inarrestabili e palla ai piedi … sono entrambi uguali per l’entusiasmo ei migliori giocatori del mondo, ognuno a suo tempo. Messi potrebbe essere più un marcatore. Non ricordo che Diego abbia segnato 50 gol ogni stagione, anno dopo anno. Ma non mi piace il confronto. Sono due giocatori eccezionali.

READ  Ponzio non va al River prima dell'inizio della stagione: i dettagli

Perché nel 1987 ti sei rifiutato di trasferirti a Napoli? La storia racconta che Maradona ha inviato quattro leader in Germania con una valigia piena di soldi per convincerlo.

È vero che ci siamo conosciuti, ma alla fine non ho accettato perché non volevo permettermi di comprare. La verità è che devo ammettere che a quel tempo ancora non potevo giocare a calcio italiano, al fianco di Diego e in un paese dove non conoscevo niente e nessuno. Ho sempre apprezzato il suo interesse e ci siamo conosciuti solo dopo esserci conosciuti nella finale del 1986. Nel tempo, un anno dopo, sono apparsi altri spettacoli, come quello che hanno fatto i due club a Milano. Alla fine ho preso una decisione sull’Inter, avendo vissuto momenti indimenticabili.

Vedi anche

Il giorno in cui Maradona Lothar Matthews ha inviato una borsa piena di banconote

– All’Inter era socio di Ramon Diaz. Quali sono i tuoi ricordi di lui?

Ramon è stata l’unica argentina con cui ha condiviso uno spogliatoio con lo staff del club. Era un ragazzo molto gentile all’esterno e molto intelligente in campo. Nell’Inter che abbiamo vinto con lo scudetto avevamo due grandi attaccanti: Aldo Serena e Ramon Diaz. Lo ha gestito molto bene. Lo ricordo come un attaccante con un sacco di malizia. Si muoveva come un serpente che appare sempre dove nessuno se lo aspetta. Ed era un ragazzo con un buon senso dell’umorismo.

Matthews e Ramon Diaz, campioni dell'Inter.

Matthews e Ramon Diaz, campioni dell’Inter.

– Ci sono due grandi polemiche contro la Germania che sono rimaste nella mente dei tifosi argentini: il calcio di rigore che è stato preso da Cuddal nella 90esima finale italiana e il calcio non consolidato da Neuer a Higuain in Brasile 2014. Cosa ne pensate di queste azioni ?

– Penso che negli anni ’90 ci fosse una connessione in quella commedia. Forse con VAR avrebbe potuto essere qualcos’altro. Nella stessa partita finale c’è stato un altro calcio di rigore, più chiaramente, che l’arbitro non ha assegnato a nostro favore. Nel 2014, c’è stata una chiara violazione da Neuer a Higuain, sì. Ma questi disaccordi ed errori ci sono e ci saranno sempre, come la mano chiara di Diego contro gli inglesi nell’86.

– Nel corso della sua carriera di calciatore è emerso per giocare in diverse posizioni in campo: un trequartista, un trequartista, un Libero … se dovessi giocare ancora oggi e dovessi scegliere un solo ruolo per fallo, sceglieresti? Con quale ti sei sentito più a tuo agio?

READ  "Mi hanno chiamato dal Boca, ma ho chiesto una possibilità al River".

– Penso 10. Questa era la situazione in cui mi sentivo più a mio agio, dove mi piaceva di più suonare. Ma la verità è che non mi importerebbe se giocassi 10, 8, 5 o anche un Libero. Ero qualcosa di simile, un misto, diciamo, a Xavi, Iniesta, Lampard, Gerard e Goretska. Mi sentivo come se il centrocampo fosse casa mia.

Cosa ti è piaciuto di più del calcio quando giocavi e cosa ti è piaciuto di più del calcio attuale?

– Amo sempre il calcio. Devo ammettere che ciò che è cambiato è la velocità del gioco. Ho sempre vissuto e beneficiato delle mie velocità in campo, ma oggi è un’altra cosa. Il rallentatore non ha molto futuro in questo sport. Prima, come oggi e sempre, ho ancora un amore per il calcio, una passione. Questo è stato e sarà sempre per me.

In Bundesliga ci sono molti calciatori argentini là fuori, come Alario, e c’è anche Demichelis come allenatore al Bayern Juniors. Cosa ne pensi di loro?

Demikilis fa un ottimo lavoro come allenatore per la squadra giovanile del Bayern Monaco. Micho è un amico che vedo di tanto in tanto e parliamo sempre quando ci incontriamo a Monaco. Alario, ad esempio, non lo conosco personalmente ma è un attaccante che segna quasi tutte le volte che deve giocare. Il calciatore argentino è molto rispettato in Europa e, ovviamente, anche in Germania.

Quale pensi sia il miglior campionato d’Europa?

Tra i più importanti, non ne vedo uno migliore degli altri. I campionati in Spagna, Inghilterra, Germania e Italia hanno i loro stili. Sono unici e molto delicati da vedere. Penso che siano stati gli inglesi a conoscere il modo migliore per promuovere i loro prodotti anche se la Spagna ha il Real Madrid, il Barcellona e l’Atletico Madrid. Il campionato tedesco ha un grande Bayern ma ci sono club come Dortmund, Lipsia o Francoforte che competono e li rendono competitivi. Il campionato italiano era un po ‘indietro in termini di livello ma a poco a poco, e ultimamente è diventato un campionato molto forte. Ogni campionato ha il suo lato attraente.

Nel tuo tempo da allenatore, c’è stata un’opportunità concreta per guidare in Argentina: nel Racing 2009. Ti dispiace di non averlo fatto?

– Volevo davvero diventare un allenatore di corse in quel momento. Mia moglie ed io abbiamo già fatto le valigie ei nostri biglietti aerei per il viaggio del giorno successivo. Ma abbiamo chiesto ai capi gara una fideiussione bancaria, e una garanzia, per farli sentire più preparati e tranquilli di fronte a un’avventura così lontana. Siamo, infatti, felicissimi di poter andare a Buenos Aires. Conoscevo il paese e lo amavo. Abbiamo aspettato fino all’ultimo minuto per rispondere alla nostra richiesta ma questa garanzia non è mai arrivata e lì abbiamo deciso con mia moglie di rimanere in Germania.

Da lontano, tenendo conto delle tue visite in Argentina, provi simpatia per qualche club del nostro paese?

A causa della mia grande amicizia e dei miei rapporti con Diego, il Boca è la squadra che amo di più. Inoltre, ho bei ricordi di Bombonera. Non appena sono andato come rappresentante per la Bundesliga, mi hanno chiesto di alzare la Coppa Libertadores, che è stata esposta sullo stadio. Il mio rispetto per non aver mai preso questo torneo, non volevo toccarlo. Ma i membri dell’organizzazione hanno risposto: “Gli amici di Maradona possono farlo”. Stavo salutando Diego in quello stadio ed è stato indimenticabile. Anche il River è un club fantastico, ma sono rimasto più a lungo con il Boca per il Maradona.

Mateus a Bombonera.

Mateus a Bombonera.

Qualche altro aneddoto sulle quattro volte che hai visitato l’Argentina?

Nel marzo 1982 è stato il mio primo viaggio a Buenos Aires. Ho viaggiato con la nazionale tedesca. Il giorno dopo abbiamo giocato in Argentina, è stata una partita 1: 1. Una grande esperienza. Ricordo di aver mangiato carne deliziosa in un ristorante di campagna, c’era buona musica e un’atmosfera di festa. Le persone sono totalmente amichevoli. E la città è molto bella. È il Sud America, Parigi. Ma senza dubbio, il momento indimenticabile è stato il momento dell’addio per un genio del calcio come Maradona. È un onore molto speciale che porto sempre con me. Un anno fa, si stava dicendo addio. Tutti quelli che hanno conosciuto Diego hanno sofferto molto per la sua morte.

Maradona nella partita d'addio di Matthews nel 2000.

Maradona nella partita d’addio di Matthews nel 2000.

Matthews, presente all'addio calcistico di Maradona.

Matthews, presente all’addio calcistico di Maradona.

Maradona era il campione del mondo e Messi lo è ancora. Pensi che Al-Assad abbia una possibilità di vincere la Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar?

– Non credo, lo trovo difficile, ma questo è qualcosa che non si sa mai. Finora, i precedenti ci dicono che Messi non ha mollato o vinto la nazionale come ha fatto a Barcellona. Mi sembra che la grande opportunità sia stata nel 2014 in Brasile. Otto anni dopo quel momento di pienezza, non sembra una cosa facile. Ma hey, Messi potrebbe culminare nella sua carriera unica diventando il campione del mondo con l’Argentina. Sarà una gioia per lui e per il Paese. Se la Germania non la vincerà, non avrò problemi con Messi a vincerla per il suo paese.

Matthews con Messi nella consegna del Pallone d'Oro.

Matthews con Messi nella consegna del Pallone d’Oro.