Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La storia dietro l’attentato ad Agnelli

Javier TebePresidente Legaattaccato Andrea Agnelli Dopo di lui Dimissioni dalla presidenza Juventus Attraverso l’inchiesta dell’avvocato Torino Informazioni sulla contabilità aziendale Bianconera. La relazione tra i due è finita molto tempo fa SuperlegaNel febbraio 2021, quando l’italiano si è fatto valere Fondo di investimento CVCIl compagno di Tebe è ora presente Spagnaaccedere Una serie.

Il presidente della Liga ha confermato sul suo account personale Cinguettio Agnelli “ha manipolato per anni bilanci, valutazioni, documenti per ingannare il pubblico, le autorità sportive, gli interessati, i tifosi…” Inoltre, intendeva “ingannare il mondo del calcio a vantaggio della Superlega”.

Debas ha definito le dimissioni di Agnelli una “grande notizia”. Tuttavia, il motivo nascosto di questi attacchi da parte del boss risiede nella tesa disputa tra i due tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021. L’amministratore delegato della Juventus ha impedito a CVC e Tebe di retrocedere in Serie A.

Il fondo di investimento ha presentato un’opportunità 1,7 miliardi di euro Con una formula quasi identica a quella che ha poi firmato con LaLiga. Questa somma doveva andare ai club italiani per il 10% dei diritti TV nei prossimi 50 anni. Tuttavia, secondo fonti di vari club italiani, il piano di CVC è quello di nominare Javier Tebas il capo della Serie A. spagnolo.

Le stesse fonti confermano anche che l’arrivo di Thebes nel calcio italiano è stato accompagnato da stipendi importanti e da un bonus alla firma di 30 milioni di euro. Ciò significa quasi 10 volte di più di quanto guadagna attualmente il presidente della Liga, che era di 3,37 milioni di euro la scorsa stagione, secondo i resoconti rilasciati dal capo.

READ  L'Italia chiede di porre fine alla dipendenza della Russia dal gas | mondo | DW

Grande sostenitore di Tebe e CVC Italia Era Il Cairo urbanoProprietario Torino e il Presidente Gruppo RCS Media. La Juventus di Andrea Agnelli si è però fortemente opposta alla mossa, che potrebbe condizionare il futuro del club. Azienda Bianconera era Inter di Milano Da grande partner, hanno finalmente votato nell’assemblea di Serie A, quando il piano non ha ricevuto il sostegno di almeno 14 club.

Così la Serie A bocciava il CVC e finiva la possibilità che Debas finisse nel calcio italiano su proposta del fondo. Già nel 2018 disse di aver ricevuto un’offerta dall’attuale presidente della Liga Calcio, situazione di cui ha approfittato per alzare lo stipendio. Da quando è diventato capo dell’Associazione dei datori di lavoro nel 2013, il suo stipendio è aumentato di quasi dieci volte, poiché è stato pagato 348.000 euro per il suo ruolo.

[LaLiga de Tebas no se aplica su propio fair play financiero mientras sube un 17% los sueldos]

Consultate comunque tutte le fonti calcistiche italiane spagnoloNel 2018, smentisci che ci fosse una proposta solida per Javier Tebas dalla Serie A e conferma che Debas era l’unico vicino alla conclusione. Calcio Questo grazie alla proposta di CVC e Urbano Cairo.

Ora, a quasi due anni dalla conquista del trofeo da parte di Agnelli, Tebe si è preso la sua personale rivincita con alcune dichiarazioni nei confronti dell’ex presidente della Juventus. Anche la più alta commissione de LaLiga aveva condannato la società Bianconera Aprile di quest’anno per aver violato la regola La UEFA è fair play finanziario Ed è sempre stata molto critica nei confronti della sua figura.

READ  La Repubblica Dominicana ha perso contro l'Italia, la prima finale

Il tweet di Javier Tebas contro Agnelly non era solo un tweet del presidente di LaLiga, ma un tweet di un membro. Comitato Esecutivo UEFA. Alla campagna nelle ultime settimane si sono aggiunti reclami senza dati contro squadre che hanno promosso la Superlega Real Madrid Un video promosso da LaLiga contro la nuova competizione. Tutti questi arriveranno nel primo trimestre del 2023 La più alta corte dell’Unione Europea Posizione egemonica e dominio sul monopolio Uefa nel calcio.