Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Horror in Italia: Paziente uccide il cardiologo in ufficio

Gaetano Alaimo, 65 anni, era un cardiologo di Favara, nel sud della Sicilia, in Italia. Lì fu così ammirato dai pazienti che frequentò per molti anni. Tra loro c’era Adriano Vetro, 47 anni, da tempo in cura per il suo scompenso cardiaco.

Questo martedì, come nelle precedenti occasioni, Vetro si è recato presso lo studio medico di via Bassanesi, anche se questa volta senza appuntamento. È stato in ambulatorio per pochi minuti ed era ancora chiuso, con personale e altri pazienti già all’interno in attesa di entrare; Dalla sala d’attesa gli è bastato sparare alla schiena ad Alaimo, che è stato colpito al petto ed è morto.

Le circostanze dell’evento non sono ancora chiare, motivo per cui alcuni affermano che ci sia stata una pre-discussione, mentre altri sostengono che non ci sia stata. Tuttavia, questo non avrebbe sorpreso il personale del centro in quanto in passato ci sono stati litigi durante altri appuntamenti medici.

Dopo l’omicidio, Vetro ha sbagliato strada in via Crispi e si è recato a casa sua, dove è stato ritrovato poche ore dopo dai carabinieri di Favara, che si ritiene l’abbiano utilizzato per uccidere il medico. Le autorità lo hanno arrestato e portato in questura per interrogarlo e compreso il movente che lo ha spinto a compiere tale azione.

Il procuratore capo ad interim di Agrigento, Salvador Vella, ha presieduto il processo e ha ascoltato le deposizioni dei testimoni.

Considerando quanto accaduto, il sindaco della città, Antonio Palumbo, ha dichiarato: “È impensabile e inaccettabile”.

“Dopo la minaccia di stamattina di un imprenditore, che ha sparato contro un’auto e un garage, chiedendo la collaborazione della cittadinanza, ribadisco che Favara rifiuta ogni forma di violenza e sopraffazione. Ora un nuovo atto di sangue sta provocando lo scempio. La nostra città , ci inorridisce. Se ci sono ragioni per la violenza, non lo sappiamo, ma è nostro compito tenerci alla voce di tanti cittadini preoccupati e stanchi”, ha continuato a insistere. : “Serve un importante passo dal punto di vista della cultura, ma per farlo abbiamo bisogno, lo ripeto, dello Stato”.

READ  Il più grande goal per goal in Italia

Da parte loro, i medici locali hanno espresso la loro solidarietà al cardiologo e alla sua famiglia e hanno approfittato di questa disgrazia per chiedere “una maggiore presenza dello Stato italiano”, visto che molte città della regione vivono ancora sotto il controllo delle mafie. E con alti tassi di criminalità.

“Ancora una volta chiedo con forza una maggiore presenza del governo nella nostra città, molte persone credono ancora che la violenza sia un’opzione accettabile e noi siamo qui per dire a tutti che non c’è più posto per queste persone a Favara. Quello. Favara non vuole ”, hanno commentato.

“Oggi è un momento di dolore, ma ancora una volta è tempo di chiedere la piena applicazione della legge e tutele aggiuntive per i medici. , Presidente dell’Associazione Nazionale Medici Chirurghi e Odontoiatri.

A loro volta, i social network si sono riempiti di notizie al riguardo. “Una persona preziosa, un medico molto bravo. Ha curato mio padre”, scriveva una donna, mentre altre lamentavano: “Che peccato, un bravissimo uomo. L’ho conosciuto tanti anni fa, sempre disponibile, umile e gentile. Ma La gente non riesce più a ragionare con lui. Com’è possibile andare in giro armati e uccidere in modo così brutale?”

“Condoglianze alla famiglia. Riposa in pace”, ha letto un altro utente.

INFOBAE