Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La storia della lotta al velo in Iran | Esperienze in prima persona e prospettiva religiosa

Tre mesi fa mi sono incontrato Istar a Tbilisi – la capitale della Georgia – fan iraniana del regista Abbas Kiarostami e lei stessa attrice. Questa settimana mi ha scritto su Messenger da Isfahan, nell’Iran centrale: “La polizia mi ha picchiato e picchiato tutto il corpo, il mio corpo era pieno di lividi; mi hanno distrutto la macchina. Ci stanno uccidendo per la nostra lotta contro il velo”. Mi chiede di eliminare la chat e considera la telefonata pericolosa.

Cinque anni fa, ho attraversato il deserto dell’Iran fino a Yazd, 3000 anni fa, una stazione della Via della Seta con una struttura in adobe, un labirinto di minareti – abbastanza alto da essere visto dalle carovane di cammelli – cupole blu con arabeschi e torri di ventilazione come un fascio di canne d’organo in case secolari: “condizionatori” in terracotta inventati nell’Egitto faraonico.

Tra i vicoli diretti al bazar, le donne passavano indossando il chador, quel pezzo di stoffa nera che copre il corpo, la testa, la fronte e talvolta la bocca, trasformandoli in un caldo triangolo ambulante (molti scelgono di indossare così, altri sono sottoposti a pressioni familiari: obbligatori solo veli e “piattezza” anno di curve). Ho parlato in una moschea con Ali Mir, un religioso amichevole che conosce un ottimo spagnolo, ha studiato in Ecuador e gestisce un centro islamico. Aprì la sua borsa e fece una foto di monsignor Arnulfo Romero, assassinato dai soldati di El Salvador, e vi incollò sopra: “Quando sono andato alla sua tomba, ho pianto per lui e quando Hugo Chavez è morto, si è tenuta una cerimonia musulmana per lui.” Saliamo una scala a chiocciola fino alla sommità della cupola a cipolla con un ago più alto: “L’Islam non è solo una religione, ma una cultura, un modo di vivere dove tutto è unito in Dio; dalla diversità si va ad un punto più alto che è l’unicità di Dio; tutto è uno; questa è la filosofia della leadership e il simbolo dell’unità”.

Scendemmo nella stanza centrale ed arrivò Tania, una giovane femminista basca, che si guardò intorno. I tre seduti sul tappeto, lei dice:

READ  Alto funzionario militare nordcoreano giustiziato per aver definito "irrealistico" un ordine di Kim Jong Un

– Nella regione azera di Tabriz, ho preso un taxi e l’autista Muhammad – 65 anni, molto amichevole – ha iniziato a insegnarmi il farsi. Ha detto “casa” e ne ha indicato uno, “faccia” e mi ha toccato, “gamba” e… gli ho tolto la mano e mi sono calmato. Mi portò a conoscere sua moglie e mi accompagnò in un giro della casa. In una stanza, ha cambiato faccia in una molto prostituta e mi ha toccato il seno. L’ho schiaffeggiato e ho iniziato a urlare! Ero teso e tremavo. La donna ha sentito tutto e non ha fatto nulla. Immagino che l’avrebbe violentata ogni notte.

Ali si è scusato con Tania a nome dei bravi iraniani: “Toccare una donna senza il suo consenso è peccato”. Un’anziana signora in nero si è seduta su una sedia e Ali le ha raccontato di Tanya, a cui un tassista ha toccato un altro tocco – “Le ho dato un chip sul naso ed è scesa” – e diversi casi di molestie in strada al mese: “Ho deciso non prendere più taxi”. La signora era una consigliera religiosa e chiese a Tanya cosa avrebbe consigliato a uno straniero che viaggiava da solo per non essere molestata. Ali ha tradotto:

È normale che alcuni uomini si sentano tentati; Devi conoscere le regole islamiche per evitare tali metodi. Se vedono una bella donna sola, cercheranno di avvicinarsi ed è per questo che l’abbigliamento è una protezione, un muro contro gli uomini. Un vestito ampio al posto dei jeans, così come un velo che indossi, saranno utili in modo che se un uomo e sua moglie ti vedono non belli, non sarà tentato e la moglie non si offenderà. Questo difende la solidità della famiglia; Per rispettare un’altra donna, ogni donna deve nascondere la sua bellezza. Non mostrare nemmeno i tuoi capelli e noterai che tutto è diverso.

Tania gli ha detto che ha cercato di uscire in modo completamente subdolo con un’amica iraniana a Kerman: “Molti di loro si sono avvicinati a noi per dirci cose violente e sessualmente cariche. La mia amica aveva paura delle moto di notte. Fino a 10 anni fa, da allora loro” se non lo fanno indossano bene il velo”. La donna ha espresso il suo imbarazzo e ha aggiunto: “Normalmente una donna non viaggia da sola in Iran. L’Islam non lo consiglia. Né per un uomo. Devi trovarti un partner; una delle soluzioni è il matrimonio”.

READ  Ho il COVID-19: le 5 chiavi per capire come curare la malattia a casa

Un altro sceicco si unì alla conversazione. In un ottimo inglese Britannico, ricorreva ai proverbi: “Le api vanno al miele. E se non vuoi che lo mangi, devi tenerlo in una teca di vetro. ” Tanya, sebbene atea, le lanciò una freccia: “Affinché il cacciatore non uccida l’uccello, devi prendere l’arma e non mettere l’uccello in una gabbia”. Lo sceicco aveva più munizioni. Disse gentilmente: “Se non vuoi che il tuo oro ti venga rubato, tienilo sotto il tavolo”. E Tania ha indossato abiti freddi: “In Iran ho visto raramente le persone mendicare, non vedo molta povertà. Io sono un’educatrice sociale e chiedevo; si dice nell’Islam povertà ma ci sono risorse e tanta solidarietà nell’Islam. Questo è uno dei suoi pilastri. Si dice che nessuno soffrirà la fame. qui o dormirà per strada, e questo sembra essere vero. Ho passato momenti difficili, ma mi atterrò ai bei tempi, che sono la maggioranza. Non è un paese pericoloso dove si incontrano uomini armati; quasi tutti sono gentili e generosi, ma all’interno di un sistema patriarcale come il resto del mondo. In Europa siamo ancora veniamo molestati, violentati e uccisi. Quando il Il Partito popolare di Vitoria vuole impedire alle donne musulmane di coprirsi i capelli, io le difendo. Vorrei che qui fossero libere di non farlo”.

Ogni donna in Iran dovrebbe avere un velo per strada e la polizia della moralità ha il controllo. L’unico lassismo è la capacità di coprire dal centro della testa alla schiena (di solito nelle giovani donne). L’omicidio di Mahsa Amini, 22 anni, cinque settimane fa, dopo che era stata arrestata per essersi tolta l’hijab, ha provocato un’esplosione sociale che ha ucciso 200 persone.

READ  No solo se van los jóvenes: cuál es el perfil de los emigrantes argentinos y qué país eligen más

Ho consultato Ali sul velo e lui ne ha spiegato le ragioni: “Non un impegno imposto dal governo ma la democrazia. Il 98,2% del popolo ha votato a favore del regime islamico in un referendum nel 1979. Le voci contrarie della minoranza erano amplificato dai media internazionali. La storia del velo risale a 3.000 anni fa, ed è precedente per l’Islam. È stato sempre indossato, tranne che nell’era dello Scià, quando erano costretti a toglierlo. Il popolo ha votato per velo. È un simbolo non solo della religione islamica ma dell’identità iraniana. È come prendere il passaporto: è a disposizione di tutti, musulmano o meno. Se cediamo a questo, dovremo lasciali camminare fianco a fianco, baciarsi e poi abbracciarsi.

Ha detto al gruppo che i gay sarebbero stati impiccati se fossero stati visti fare sesso da quattro uomini che ne erano stati testimoni. Ali ha detto di non aver mai sentito parlare della sua attuazione. Ma è stato applicato più volte. Ha detto di essere contrario a questa legge, aggiungendo: “Se un paziente vuole infettare la società, qual è il modo per controllarlo? L’Occidente ha liberato l’omosessualità. Ha risolto qualcosa o sta peggiorando ogni giorno?”

“Tuttavia, accettano il cambio di sesso”, mi disse Tanya a bassa voce. Le persone transgender si sottopongono a un intervento chirurgico per cambiare sesso (lo stato le incoraggia e la famiglia fa pressione su di loro). L’ayatollah Khomeini ha emesso una fatwa: saranno “malati” e “curare” è il processo. In Iran ci sono 80.000 persone transgender che hanno diritto a un’identità di genere. Si ritiene che siano nati nel corpo sbagliato e talvolta vengono persuasi in quanto gay – non transgender – a sottoporsi a un intervento chirurgico per essere “normali” (il danno in seguito è grave). Cambiare sesso non è un’opzione, ma una “soluzione”. Ed è una rassicurazione a doppio senso: ogni opera dovrebbe indossare un velo.