Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La spesa per le carte era l’80% di quella prima della crisi

La quinta ondata del virus è stata un bicchiere di acqua fredda per tutte le attività che si guadagnano da vivere con il turismo. La ripresa dei contagi ha coinciso con l’inizio dell’alta stagione, che ha fatto temere a molti una battuta d’arresto nell’arrivo dei viaggiatori internazionali, come già avvenuto nel 2020. In questa occasione, però, è proseguita la ripresa del turismo Continuare nonostante l’epidemia di virus. a livello nazionale e internazionale.

I dati sulla spesa della carta e le prenotazioni appaiono sulle piattaforme A Miglioramento intenso nelle ultime settimane. Questa ripresa è ancora lontana dai livelli pre-pandemia per il turismo internazionale, ma il trend sta mostrando un netto miglioramento grazie alla fine delle restrizioni, che avvantaggia anche l’arrivo dei viaggiatori stranieri.

Secondo i registri di BBVA nei punti vendita della banca, la spesa a luglio è stata con carte estere 21% in meno rispetto a luglio 2019. Questo dato è il migliore di tutti quelli ottenuti dall’inizio dell’epidemia ed è, inoltre, meno della metà del calo registrato a giugno, il primo mese intero senza uno stato di allerta. Nello specifico, la diminuzione della spesa a giugno è stata del 45% rispetto allo stesso mese del 2019, il che significa che il calo è stato attenuato di 24 punti percentuali.

Foto: foto al tramonto a Barcellona.  (EFE)
L’epidemia accelera il deterioramento dei Paesi del Mediterraneo: Spagna, Italia e Grecia

Javier G Jorne

È importante notare che i dati sulla spesa con carta sono in qualche modo esagerati in questa crisi, poiché i consumatori riducono i loro acquisti in contanti. Tuttavia, se confrontato con i record della più famosa epidemia, è stata osservata anche un’intensa riattivazione. A luglio c’era Maggiore calo mensile dei tagli alla spesa di turisti stranieri dall’inizio della pandemia, dal -45% di giugno al -21% di luglio.

READ  Economia / Motore. - Enel e Volkswagen collaborano per promuovere una rete di ricarica elettrica di oltre 3.000 punti in Italia

La ripresa è stata notevole anche rispetto all’estate del 2020. Luglio è stato l’unico mese in cui è stato consentito un certo afflusso di turisti, poiché le frontiere sono state nuovamente chiuse ad agosto a causa dell’epidemia. In quel mese di luglio 2020 la diminuzione della spesa con carte estere è stata del 60%, un decremento Tre volte la corrente.

nei dati rurale Significativo anche il calo della spesa esterna da maggio a luglio. In alcuni casi isolati, la spesa sta già superando quanto registrato prima della pandemia. Nella maggioranza, come di consueto, la spesa è ancora nettamente inferiore, ma con un trend positivo che prosegue dalla fine dello stato di allarme nonostante l’epidemia di virus.

Oltre alle spese già effettuate, i dati di input Nuove prenotazioni Hanno anche fatto grandi progressi. SiteMinder (società che fornisce un servizio per la gestione delle prenotazioni alberghiere) pubblica i numeri di ingresso giornalieri per le nuove prenotazioni alberghiere per paese e, nel caso della Spagna, ci sono state due fasi diverse dalla fine delle restrizioni. Il primo è stato il picco degli afflussi di riserve a fine giugno e inizio luglio, che per alcuni giorni hanno superato i livelli pre-pandemia.

Immagine: il consumo stimola la riapertura dei negozi.  (EFE)
Da quando è cessato lo stato di allarme sono state aperte 36.400 attività, tre volte il consueto

Javier G Jorne

Questo rimbalzo è stato temporaneo, a causa di Ritardo nella preparazione per le vacanze. Poi, da metà luglio, c’è stata una fase di ripresa più stabile, sebbene non sia tornata ai livelli pre-crisi, mostra un trend in aumento. Nello specifico, inserendo le prenotazioni nei primi mesi di luglio 6% sotto i livelli prima della pandemia. Questo è il miglior numero tra i grandi paesi europei: in Portogallo il calo è stato del 12%, in Italia più del 20%, in Francia o Germania il calo è stato di oltre il 30%.

READ  L'Italia prevede di riaprire le porte ai turisti vaccinati a metà maggio

È importante notare che una delle caratteristiche di quest’anno è che la maggior parte delle prenotazioni è la cancellazione gratuita, quindi sebbene ci siano molte voci, ci sono anche cancellazioni che peggiorano un po’ la rete. In ogni caso l’importante è che dalla riapertura economica la ripresa del turismo sia stata costante.