Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bruno Patain (Eurizon): “Non vediamo un ritorno alle maiuscole” | mercati

Responsabile di Eurizon per Spagna e Portogallo dalla fine del 2018, il direttore del gruppo finanziario italiano Intesa Sanpaolo ha aperto una sede a Madrid. Bruno Patten è ottimista sull’andamento dell’economia e continua a scommettere sulla ricerca di redditività in asset non sfruttati, come il reddito fisso cinese ei green bond emergenti.

Eurizon non è un allenatore molto conosciuto in Spagna, ma è forte in Europa. Quali sono i punti di distinzione rispetto alle altre entità?

Quando siamo partiti in Spagna, due anni e mezzo fa, avevamo una vasta gamma di prodotti, ma dovevamo offrire un valore differenziale rispetto ad altri concorrenti, che sono in questo mercato da più tempo e, quindi, con un presenza consolidata. In questo senso, uno degli asset su cui ci siamo concentrati era il reddito fisso cinese, che è il tipo di investimento di cui siamo stati pionieri qui.

Il reddito fisso cinese ha suscitato l’interesse degli investitori spagnoli?

Sì, perché siamo stati pionieri nel fornire una soluzione al problema dei bassi tassi di interesse, ricercando rendimenti attraverso questi tipi di attività, in particolare nel debito pubblico e parapubblico in renminbi in valuta locale.

Quali altre proposte sono considerate forti?

Abbiamo anche incoraggiato i fondi di investimento in obbligazioni verdi. È vero che questo è uno degli asset più popolari, ma il nostro valore differenziale risiede nella strategia, poiché ha un approccio flessibile e globale quando si investe nei mercati emergenti, in particolare in Cina. Questo ha permesso al nostro fondo di essere il più grande d’Europa con debito sovrano cinese, con 3.300 milioni di euro di asset under management, e il fondo green bond di avere 2.100 milioni di euro. D’altro canto, abbiamo anche potenziato il veicolo a rendimento assoluto a bassa volatilità. A differenza di altri, si concentra sul rendimento in tutti gli ambienti di mercato, soprattutto in periodi di elevata volatilità, come hanno visto gli investitori nel 2018 o durante la crisi del Covid.

READ  Mubasher: Direct Economic | CIMIC (ACS) costruirà un'autostrada a Sydney per 1,933 milioni di dollari

Quanto è importante per te la sostenibilità?

Eurizon è stata la prima entità in Italia a lanciare nel 1996 un fondo etico, che ci pone anche tra i primi in Europa. È stato anche membro fondatore del Comitato delle Nazioni Unite sui principi per l’investimento responsabile (PRI). In altre parole, la sostenibilità è nel DNA del manager da molti anni. Siamo un uomo di investimento rispettoso dell’ambiente, anche se è vero che potremmo non comunicare tanto quanto comunichiamo con altre società. La prova di ciò è che degli oltre 70 fondi a gestione attiva che Eurizon ha registrato presso la CNMV, l’80% è articolo 8 o 9, secondo il Sustainable Finance Disclosure Regulation (SFDR).

Pensi che gli investimenti sostenibili siano importanti in Spagna?

La domanda è alta, ma gli afflussi non sono ancora arrivati. Alcuni investitori, sebbene sembri un ottimo strumento, danno ancora priorità alla redditività e cercano di ottenere rendimenti più elevati. La domanda di questo tipo di asset è in aumento, ad esempio, nei paesi nordici, dove sono più attenti alla sostenibilità, sebbene sia in aumento anche nel resto d’Europa.

Vendono molto della Cina in titoli a reddito fisso e emissioni verdi, ma hanno la stessa convinzione del mercato?

L’abbiamo come una vera storia di crescita. Secondo le previsioni, anche se bisogna sempre tener conto che possono differire, tra 10 anni la Cina supererà l’Unione europea nel suo insieme in termini di PIL, e negli Stati Uniti tra 20 anni. La Cina ha sempre puntato sulla crescita per il bene della crescita e le esportazioni sono state uno dei principali motori. Ora il modello sta cambiando e ne chiedono un altro che vada a vantaggio di 1.400 milioni di potenziali consumatori e in cui la domanda interna abbia più peso. La Cina sostiene questa nuova strategia di dual trading, che prevede il trattamento del mercato interno come cardine, consentendo al contempo ai mercati nazionali ed esteri di guidarsi a vicenda.

READ  Il Clean Point di Villa Italia aprirà venerdì prossimo

È meglio sfruttare questo potenziale con il reddito fisso piuttosto che con l’equità?

L’importanza del portafoglio della Cina è trascurabile rispetto al suo peso nell’economia globale. E per noi, al momento, il reddito fisso è più attraente. Per darci un’idea, dobbiamo ricordare che il FMI consiglia di investire in renminbi e le banche centrali sono i principali investitori in questo asset. Inoltre, la valuta cinese è utilizzata molto poco negli scambi commerciali e questo dovrebbe svilupparsi. Soprattutto se si tiene conto dell’audacia della Cina, che si è manifestata nella firma nel novembre 2020 del RCEP Free Trade Agreement, un accordo di libero scambio con 14 Paesi dell’Asia-Pacifico; O con la Nuova Via della Seta, il suo grandioso piano strategico incentrato su un’ambiziosa rete di infrastrutture.

Non dobbiamo dimenticare che in Europa abbiamo tassi di interesse molto bassi e una popolazione che invecchia, ma aspiriamo comunque ad avere pensioni e risparmi per la pensione. Ciò rappresenta una sfida per i grandi investitori istituzionali, che nell’attuale contesto di bassi tassi di interesse devono generare rendimenti senza troppi rischi e riteniamo che dovranno cercarli e trovarli nelle aree emergenti.

Sono positivi in ​​qualche altro mercato?

Bisogna guardare a ciascun paese individualmente ed essere selettivi, ma siamo più positivi con i paesi emergenti, soprattutto nei paesi asiatici. Ad esempio l’India, nonostante gli alti tassi di Covid.

E per quanto riguarda i paesi sviluppati?

Siamo positivi anche in Europa e negli Stati Uniti, dove riteniamo che i pacchetti di aiuti di governi e banche centrali continueranno a guidare la crescita. Siamo positivi in ​​Giappone, che ha recentemente annunciato di voler dare maggiore importanza alla sostenibilità e questo potrebbe portare a un maggiore interesse nella regione.

READ  Spagna, paese europeo con le tasse automobilistiche più basse | Economie

Sei preoccupato per l’aumento dei prezzi negli Stati Uniti?

Non consideriamo l’inflazione una cosa strutturale, ma piuttosto temporanea, quindi oggi non la consideriamo un problema. Negli Stati Uniti l’ammortamento è molto elevato e di solito viene consumato a credito. Durante l’arresto, sebbene una percentuale sia stata investita e possa in parte spiegare gli afflussi in attività come le criptovalute, la maggior parte è stata salvata. Ora i soldi vengono spesi, quindi pensiamo che questa sia una cosa temporanea e non un ritorno, con la lettera maiuscola, all’inflazione. Tuttavia, seguiremo da vicino i tuoi progressi in quanto possono cambiare la situazione.

Quali rischi potrebbero oscurare la ripresa?

Non vediamo rischi significativi, nonostante il fatto che come risultato di un rally del mercato, si possano prendere profitti e generare una certa volatilità, ma quel denaro sarà reinvestito con il vantaggio di prezzi più bassi. Non ci sono grossi ostacoli, ma bisogna prestare attenzione alla variante delta. La verità è che nel medio termine ci aspettiamo che l’economia sia bipolare, tra Usa e Cina, o tripolare, se l’Europa gioca bene le sue carte.