Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La sovranità è in pericolo?  Attacchi al dollaro come valuta di riferimento globale

La sovranità è in pericolo? Attacchi al dollaro come valuta di riferimento globale

PARIGI: Si sente sempre più spesso, soprattutto nei paesi del “Grande Sud”, che il dollaro è letteralmente sul letto di morte. Morendo, il dollaro sta per scomparire, per essere sostituito da oro, yuan cinese o bitcoin. Sarebbe solo questione di tempo prima che l’impero americano e la sua moneta nazionale perdessero la supremazia sul mondo. Tuttavia, nulla sembra meno certo.

Per parafrasare Clausewitz, il denaro sarà una continuazione della politica con altri mezzi. Per uno stato-nazione, avere una valuta forte gli consentirebbe di proiettare il proprio dominio sul mondo. Al contrario, una valuta più debole renderà il paese lo zimbello del pianeta.

Questa non è una novità. già negli anni venti, Benito Mussolini, Alla testa dell’Italia fascista, condusse la battaglia di Lira. Si trattava di ripristinare la forza economica del paese, a cominciare dal ripristino della forza della moneta nazionale. Per questo lo “stomp” applicò una serie di misure drastiche con l’obiettivo di innalzare il valore della lira e affermare la sua presenza di fronte alla sterlina inglese, forza monetaria dominante per un secolo.

Un popolo forte, discendente di soldati romani, doveva avere una moneta forte su cui riporre la propria fiducia, che non sarebbe stata schiacciata dalla moneta delle democrazie liberali come l’Inghilterra. In altre parole, la guerra valutaria era prima della guerra militare. L’esempio è un simbolo di ciò che sta accadendo oggi.

È facile capire che la forza di una moneta va di solito di pari passo con la forza economica di un paese. Ecco perché, quando gli americani leggono sulla stampa, a loro piacciono le persone brillanti Ray Dalio, investitore miliardario americano, co-fondatore del più grande hedge fund del mondo, Bridgewater AssociatesDa tempo proclamano che il dollaro sta per perdere la sua supremazia – come accadde alla sterlina negli anni ’30 – e temono l’imminente declino della nazione che li ha visti.

Ma se alcune persone credulone del pianeta vengono ingannate dalla propaganda di Mosca o Pechino, sarebbe più saggio essere logici e analizzare obiettivamente la situazione. Era il 2001 quando era economista alla Goldman Sachs Cominciò a invocare la tesi del collasso del sistema americano Dall’emergere di nuove forze. Questa è anche la tesi dei cosiddetti BRICS, valida ancora oggi.

READ  L'OCSE in Italia richiede che i pensionati che guadagnano di più paghino di meno

Russia, Cina, India e Brasile [luego se sumó Sudáfrica] Poi si stavano preparando a prendere il posto dello zio Sam. I loro vantaggi – in campo demografico – dovrebbero consentirne una forte crescita nei prossimi decenni, Il che rappresenterebbe un progetto di investimento molto allettante”, osserva l’economista Philippe Desertain.

Quello che è certo è che i leader dei BRICS erano entusiasti dell’idea e decisero di organizzare un ampio movimento per rimodellare il quadro geopolitico globale. I paesi del “Grande Sud” dovevano diventare una sorta di blocco di potere, Tipo lo sviluppo del Movimento dei Non Allineati nel dopoguerra, Con la capacità di impedire a Stati Uniti ed Europa di continuare a controllare le istituzioni economiche mondiali.

Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping durante una cerimonia al Gran Palazzo del Cremlino a Mosca, martedì 21 marzo 2023 (Alexey Maishev, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)

Tuttavia, analizzando gli ultimi due decenni, si può dire che Solo Cina e India mantengono le loro promesse. Mentre il Brasile e la Russia rimangono nani economici”, afferma Desertine.

Ma non tutto è bianco o nero. Quindici anni dopo aver consentito a tutte le istituzioni finanziarie del mondo di esplodere nel giro di un secolo, gli americani non sono stati in grado di evitare che una banca con oltre 200.000 milioni di dollari di attività crollasse in poche ore.

Si può aggiungere che i funzionari sembrano essere avventati nel trattare con i conti pubblici quanto lo sono con le loro finanze private. Quest’anno il deficit pubblico statunitense dovrebbe avvicinarsi al 6% del PIL, quasi il doppio di quello dell’Unione Europea.

“In queste circostanze, è ragionevole chiedersi se sia saggio continuare a riporre fiducia nella valuta di un paese che è incompatibile con il denaro”, afferma Patrick Martin Jenner, specialista in relazioni internazionali.

READ  L'Autorità Esecutiva riceve le società elettriche, ma non alza nuove tasse | comp

Ci sono molti paesi che rispondono a questa domanda acquistando oro. Dopo aver iniziato a tornare al metallo giallo nel 2009, dopo la grande crisi finanziaria, le banche centrali lo scorso anno hanno acquistato 1.136 tonnellate. Un record in 50 anni. E se le acquisizioni aumenteranno, soprattutto nei paesi emergenti, non solo proteggerà le loro riserve dall’inflazione o dalle crisi bancarie. È anche destinato a quei progetti monetari sopra menzionati.

Narendra Modi e Vladimir Putin a Shanghai. (Alexander Demyanchuk/Sputnik/AFP)Alexander Demyanchuk – Sputnik

Perché è anche necessario dire che il predominio del dollaro è sempre più insopportabile. Gli Stati Uniti hanno militarizzato la loro valuta. Si chiama “braccio”, che in spagnolo può essere tradotto come “braccio”. Per tre decenni il dollaro è stato lo strumento con cui Washington esige che gli altri paesi rispettino regole decise solo dai propri leader. Come l’embargo imposto all’Iran, con il quale le autorità statunitensi hanno imposto dure sanzioni alle compagnie internazionali che hanno continuato a commerciare con Teheran in dollari. Nel 2014, ad esempio, BNP Paribas ha dovuto pagare una multa di 9 miliardi di dollari.

La guerra era in Ucraina, comunque, Un ulteriore passo che ha punito molti altri paesi con sanzioni finanziarie imposte dagli occidentali, Che ha colpito non solo le attività della Banca centrale russa, ma anche i mezzi di pagamento. “Quella scossa elettrica ha accelerato l’idea che se gli Stati Uniti ei loro alleati occidentali sono in grado di sconvolgere il sistema finanziario internazionale, allora è necessario creare un altro sistema indipendente”, afferma Martin Jenner.

negli ultimi mesi, Cina e Russia effettuano i due terzi dei loro scambi nelle proprie valute, L’India paga i barili di carburante russo in rupie, e la Cina moltiplica gli accordi per pagare i suoi acquisti in yuan – nichel in Russia, petrolio in Iraq – e facilita gli scambi di valuta (con il Brasile o l’Argentina), e può anche usare la sua valuta in forma numerica Banca centrale. I dati come punta di diamante monetaria.

La sterlina inglese è stata la valuta di scambio per decenni fino a quando non è stata sostituita dal dollaro USAImmagini Getty

Tuttavia, parlare di “de-dollarizzazione” del mondo è molto rischioso. La forza della valuta non è un decreto. È in lavorazione da anni, ispirando fiducia a trader e investitori. Ciò richiede un’economia forte, mercati finanziari liquidi e aperti e una regolamentazione affidabile.

READ  Secondo Bloomberg, Italia, Germania e Francia sono state selezionate per produrre le loro fiches

Il dollaro ha sostituito la sterlina come valuta globale dagli anni ’20 perché l’economia statunitense era in forte espansione mentre l’economia britannica era indebolita dalla guerra. Gli accordi di Bretton Woods, firmati 20 anni dopo, non hanno fatto altro che formalizzare il predominio della valuta americana.

Al momento, il dollaro continua ad occupare il cuore della finanza globale. Lo stesso vale per gli scambi. La valuta nordamericana partecipa al 90% delle transazioni nel mercato dei cambi, molto prima dell’euro (31%, tenendo conto della probabilità che le monete siano in circolazione contemporaneamente). Le operazioni in RMB sono aumentate del 70% in tre anni… ma è solo il 7% del totale.

È anche vero che l’altra grande funzione della valuta è quella di strumento di riserva. Circa il 60% delle riserve valutarie mondiali, pari a circa 12 trilioni di dollari, sono ancora emesse in dollari.

“La Cina non ha avuto pochissime passività del Tesoro Usa negli ultimi 15 anni. Ma sembra che siano state sostituite da obbligazioni nel mercato immobiliare, anch’esse emesse negli Stati Uniti, acquistate attraverso il Belgio o il Lussemburgo “, osserva Disertine.

La storia mostra che nulla dura per sempre, quindi un giorno accadrà la “de-dollarizzazione”. Ma non sarà domani. Al momento, l’unico serio concorrente è lo yuan. Ma perché la sostituzione avvenga, sarà necessario che la Cina decida di far fluttuare la sua moneta, di riconoscere l’apertura del capitale e di porre fine al suo potere economico, e di dotarsi di una legislazione credibile sui diritti di proprietà. In questo caso delicato – e solo in questo caso – il dollaro dovrebbe preoccupare e il mondo può vedere l’inversione di tendenza predetta da Ray Dalio.

Ulteriori informazioni su The Trust Project