Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La società chiede al Dipartimento del Tesoro un limite di 1.000 euro per gli acquisti in contanti Aziende

Il commercio al dettaglio si è ribellato al limite di 1.000 euro per il pagamento degli acquisti in contanti, approvato ieri dalla Camera dei Rappresentanti e inserito nella legge antifrode. “È stato riscontrato che l’uso di metodi di pagamento in contanti nelle operazioni economiche facilita comportamenti fraudolenti. Con critiche limitate, il monitoraggio delle operazioni sarà reso più facile e rintracciabile e sarà difficile incorrere in pratiche fraudolente “, sostiene l’Autorità esecutiva.

Tuttavia, alcune importanti associazioni di vendita al dettaglio hanno alzato la loro voce contro la misura. Anged, un’associazione che raccoglie supermercati, tra cui El Corte Inglés; Accotex, l’imprenditore del commercio tessile; CEC, rappresentanti delle piccole imprese; E il La Federazione spagnola dei rivenditori di elettrodomestici (FECE) ha espresso congiuntamente opposizione in un momento, difendendola, poiché il consumo nei negozi è ancora lontano dalla ripresa.

“NOppure ci rendiamo conto che in un momento in cui dobbiamo rilanciare i consumi e l’attività economica per riprenderci dall’epidemia, si stanno adottando misure che chiaramente non favoriscono i consumi. Il direttore generale di Anged, Javier Milan Astrai, ha spiegato che queste restrizioni sul contante sono un ostacolo al consumo e ha citato uno studio della Banca centrale europea pubblicato a dicembre. L’anno scorso, che ha rappresentato l’83% del numero di pagamenti in contanti nei punti vendita effettivi, è il secondo paese della zona euro con la percentuale più alta superato da Malta (88%) e legato a Cipro. Lo stesso rapporto indica il volume rappresentato da questo metodo di pagamento al 66%, e questo stesso studio mostra che l’importo medio per transazione in contanti in Spagna è di 14,5 €.

READ  Le esportazioni di Valencia si avvicinano al livello pre-pandemia fino a giugno

“Non possiamo obbligare le persone ad avere una carta di credito. In questo modo si preferiscono i media privati, con i costi del consumatore. Per risolvere la frode fiscale e l’economia sommersa che va al bene e non al consumo finale”, ha detto. Parte Carlos Moreno Figueroa, portavoce della CEC e segretario generale della FECE. Ciò ha rappresentato un terzo degli acquisti totali di elettrodomestici.

Il presidente della Federazione del commercio tessile, Eduardo Zamakula, ha citato il caso della Francia, l’unico Paese della società che ha anche limitato i pagamenti in contanti a 1.000 euro, affermando che “non ha fermato le frodi fiscali”. Ha anche osservato che altri paesi, come l’Italia, stanno ritirando misure simili a causa della loro mancanza di efficacia. “Siamo arrabbiati. Non capiamo niente perché prima del voto, i colloqui con tutti i blocchi parlamentari sono stati molto positivi”, ha detto. Moreno Figueroa, portavoce di CEC e FECE, è andato oltre: “I membri dei vari partiti che hanno votato a favore in particolare di questo provvedimento ci hanno detto che il provvedimento non ha senso e non raggiungerà i suoi obiettivi. Lo capiamo. è una questione ideologica. “

Recupero dei consumi

I portavoce delle varie associazioni datoriali hanno affermato che la ripresa dei consumi nel corso di quest’anno coinciderà con il successo della campagna vaccinale e anche con il ritorno di una parte del turismo internazionale perduto. Il portavoce di Acotex Eduardo Zamakula ha detto che nonostante negli ultimi giorni vi sia stato un certo miglioramento del traffico nei negozi a causa della fine delle restrizioni, la campagna estiva è stata “persa” per il commercio tessile.

READ  La Spagna paralizza le spedizioni di gas in Europa per garantire il consumo interno

“Tutto dipende dalla vaccinazione. Abbiamo detto che è consigliabile, oltre a ricevere più vaccinazioni, accelerare il ritmo ed è per questo che abbiamo offerto aiuto da società miste e società che hanno medici specialisti per farlo”. Il CEO di Anged, Javier Millán Astray, ha dichiarato. Oggi è noto che El Corte Inglés inizierà a vaccinare i suoi dipendenti nella comunità valenciana a giugno dopo aver ottenuto l’approvazione della Generalitat.