Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La storia di Frank Rainieri Maranzini: The Dream Maker

I professori Antonio Elisaldi ed Eduardo Wentzen hanno chiesto: “Cosa sarebbe l’esistenza senza riferimenti futuri, desiderabili, onirici e vivibili? Puoi vivere senza sogni di qualcosa di meglio? Hanno risposto loro stessi che l’immaginazione si è via via trincerata nel mondo in cui viviamo ed è diventata un elemento fondamentale nella storia umana, un fatto che si traduce nella “capacità di sognare un mondo diverso e migliore allo stesso tempo. in grado di costruirlo finora. “Gli autori continuano a dire che l’utopia è soprattutto”, una tensione dell’aldilà, cioè ciò che non è nel presente ma può essere nel futuro, ha accompagnato il verificarsi dell’uomo sin dall’inizio di storia. È possibile preservare questa storia richiede la conoscenza delle ultime questioni, e quindi l’utopia “.

Quindi, si può sottolineare che la condizione umana stessa è ciò che ci fornisce ciò che è unico tra gli esseri viventi: la nostra capacità di immaginare scenari diversi dalla realtà in cui viviamo e quindi essere in grado di rompere le restrizioni imposte dalla realtà su noi. . Per questo motivo, siamo convinti che dobbiamo costruire e ricostruire l’eredità che abbiamo acquisito, e che la storia si costruisce su esseri che sopportano la sfida di cambiarla, crediamo nella necessità di apprezzare le utopie, gli uomini e le donne che perseguono i loro sogni e non temere le avversità.

L’origine del sognatore

Frank Rainieri Maranzini è sempre stato un sognatore che ha lavorato duramente per realizzare la sua utopia. Conoscere la sua storia è divertente, perché è così chiaro che puoi correre dietro ai tuoi sogni anche con vento contrario.

READ  Agenzia di stampa degli Emirati

I suoi cognomi indicano che i suoi nonni materni e paterni arrivarono tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento dall’Italia. Isidoro Rainieri e Bianca Franceschini de Rainieri arrivarono in campagna nel 1898 e si stabilirono a Puerto Plata. Hanno avuto nove figli: due maschi e sette femmine. Avendo bisogno di mezzi di sussistenza, decisero di avventurarsi in qualcosa di nuovo all’epoca: gli hotel. Così a Puerto Plata installarono il Gran Hotel Rainieri ea Santiago l’Hotel Comercio.

La vita sorrideva fino alla morte del signor Isiduro nel 1912, lasciando Donna Bianca vedova a soli 35 anni. Poco dopo morì suo figlio maggiore. La vedova teneva unita la famiglia. I suoi figli sono cresciuti, si sono fatti la vita e hanno creato le proprie attività. Da lì sono nate le famiglie: Embert Rainieri, Jeanne Rainieri, Harper Rainieri, Malts Rainieri e Barletta Rainieri. Francisco, l’unico uomo sopravvissuto, sposò Donna Venezia Maranzini, discendente diretta di italiani, vedova con un giovane figlio di nome Luis Manuel Machado, adottato da Francisco. Poi sono nati altri due bambini: Frank e Fernando.

La famiglia è andata a vivere a Santo Domingo. I due bambini, infatti, sono nati nella capitale. Per molti anni il capofamiglia è stato direttore della General Sales Company, azienda familiare fondata a Santiago dallo zio William Harper, sposato con Mafalda Rainieri. Quando zio Harper morì, Francisco dovette rilevare la direzione dell’azienda perché i suoi cugini Billy e Frankie erano troppo giovani per subentrare.

La madre, discendente di italiani giunta anche lei in campagna alla fine dell’Ottocento, non si limitava ad essere una semplice casalinga. È cresciuto con la sua famiglia intorno ad attività commerciali. La più importante e famosa fu la casa di Casa Maranzini, che durò per diversi decenni, ma crollò con la Grande Depressione nel 1929. Sua madre era nata nel mondo degli affari. Ha insegnato ai suoi figli il significato del risparmio, del duro lavoro e dell’onestà. Per integrare il reddito della famiglia, ha sviluppato molte attività con piccole imprese. Così, la vita di Rainieri Maranzini e dei loro tre figli Luis, Fernando e Frank, passò attraverso i 31 anni di dittatura di Trujillo.

READ  Roma festeggia il suo 2774 compleanno e 150 anni dalla sua capitale

Frank, il figlio più ribelle e ribelle, si indignò. Ci sono due fattori in gioco. In primo luogo, la ribellione naturale dell’adolescente infastidita dall’ingiustizia. Ecco perché, all’età di 15 anni, temendo la rappresaglia del regime, sua madre lo mandò a New York. In quella città doveva sopravvivere, che è fondamentalmente solitudine. Questo fatto ha ammorbidito il suo carattere. Secondo, perché era molto vicino ad Antonio Imbert Barrera, che suo nipote Frank ammirava, amava e proteggeva.

Il legame con Antonio Imbert Barrera, uno dei principali artefici dell’esecuzione di Trujillo, fu un affare di famiglia. Manuel Imbert era sposato con Yolanda Rainieri. Alla fine, la famiglia italiana si è incontrata settimanalmente e lì ha imparato il significato di libertà.

_____________

Puoi continuare a leggere l’intero articolo tornando alla pagina Ciaosantodomingo.com