Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

IBEX 35 non merita il supporto di Wall Street e si sta allontanando da 9.100 pips

L’Ibex 35 ha chiuso la sessione di martedì in ribasso dello 0,61% a 9040,2 punti, nonostante i guadagni di Wall Street dopo che le vendite al dettaglio statunitensi e la produzione industriale di ottobre sono diventate note. Il calo della selettività spagnola evidenzia una giornata mista in Europa in cui il PIL del terzo trimestre era noto dall’area dell’euro, nel contesto dei timori di inflazione e di una nuova ondata di contagi da Corona virus nella regione. In una giornata non molto positiva per le banche, l’ascesa di Solaria è venuta alla ribalta.

Pertanto, IBEX 35 non eguaglia gli incrementi registrati dai maggiori indici della Borsa di New York una volta sapendo che le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono state pari a 638,2 miliardi di dollari lo scorso ottobre (557651 milioni di euro), che rappresenta un aumento dell’1,7% rispetto a il mese precedente, dove era stato È aumentato dello 0,8%. Nello stesso mese, la produzione industriale statunitense è aumentata dell’1,6%, in miglioramento dopo il calo dell’1,3% a settembre.

Sebbene questi fossero i riferimenti più importanti oggi, i dati Prodotto Interno Lordo (PIL) dalla zona euro. L’economia della regione è cresciuta del 2,2% nel terzo trimestre dell’anno, accelerando di un decimo dal 2,1% del secondo trimestre, secondo una seconda stima dei dati pubblicati da Eurostat, che ha spinto la crescita dell’occupazione dello 0,9%, un decimo. superiore all’incremento osservato nel secondo trimestre.

oltretutto inflazione Sia in Francia che in Italia – la seconda e la terza economia nazionale dell’eurozona dopo la Germania – oggi ha toccato il 3,2% a ottobre, il valore più alto rispettivamente dal 2008 e dal 2012. Un direttore di JP Morgan si aspetta che l’inflazione nell’Eurozona raggiunga una media dell’1,5% annuo e del 2,3% negli Stati Uniti dal 2022 in poi. E l’aumento dei prezzi in Cina sarà del 2,5% annuo per lo stesso periodo, la stessa percentuale che il regista si aspettava per la fine di quest’anno, mentre nel Regno Unito raggiungerà il 2,2%.

READ  economico diretto | Aedas sta valutando un acquisto dalla società di costruzioni Navarra ACR Grupo

Ibex 35, come il resto delle principali borse europee, segue le notizie della nuova ondata di infezione da coronavirus nella regione, mentre le restrizioni vengono reintrodotte in alcuni paesi.

Nell’ambito della selettività della Borsa spagnola, Solaria A guidare gli aumenti aggiungendo il 4,26%, avanti CIE. auto Basato su Fluidra, che ammontano rispettivamente al 3,24% e al 2,53%. La società di energie rinnovabili ha riferito, oggi, lunedì, dopo la chiusura del mercato, di avere un utile netto di 37,6 milioni di euro fino a settembre, in aumento del 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, grazie a un aumento della produzione di energia e all’ottimizzazione di spese.

Al contrario, il calo maggiore è quello del Banco Sabadell, che ha perso il 4,95% in una giornata non molto positiva per il settore bancario. BBVA, che ha iniziato a salire, è in calo dell’1,13% dopo aver realizzato lunedì il 4,28% dopo aver annunciato un’offerta pubblica di acquisto. (OPA) Condivide volontariamente il 50,15% di non possedere la controllata turca Garanti per 2.249 milioni di euro in contanti. Bancinter, dal canto suo, ha perso l’1,17%. Banca Caixab 0,52% e Banco Santander 0,08%.

Nel mercato continuo, Odax È aumentato del 10,03%. Come Solaria, dopo la chiusura di lunedì, il rinnovatore ha riferito di aver perso 1,8 milioni di euro a settembre, rispetto agli 8,5 milioni di euro di utile dello stesso periodo dell’anno scorso, mentre le sue vendite sono aumentate dell’83%, a 1.143 milioni di euro. Il più grande calo del mercato azionario spagnolo nel suo insieme è orizzonteche è rimasto il 3,38%.

Il premio per il rischio dalla Spagna a 71,9 punti base, con il tasso sui titoli spagnoli a 10 anni che si mantiene vicino allo 0,5%.

READ  L'eredità della Merkel | America

Il Euro Scende sotto $ 1,14 questo martedì, il minimo di luglio 2020, mentre la valuta statunitense si è rafforzata dopo le vendite al dettaglio statunitensi e i commenti di alcuni membri della Federal Reserve (Fed) a favore di una politica monetaria più restrittiva.

Il Brent oil Il benchmark europeo sta aggiungendo fino allo 0,83% a 82,73 dollari al barile, mentre il Texas occidentale degli Stati Uniti viene rivalutato dello 0,53% a 80,17 dollari. L’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA) ha mantenuto le sue previsioni sulla domanda globale di petrolio praticamente invariate, con un aumento di 5,5 milioni di barili al giorno quest’anno e di 3,4 milioni di barili al giorno nel 2022. Ritiene che la pressione sui prezzi nel mercato petrolifero possa allentarsi su l’orizzonte grazie ad un aumento La produzione più significativa è prevista negli Stati Uniti.