Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I prezzi del gas e del petrolio aumentano a causa della richiesta della Russia di raccogliere le vendite in Europa in rubli | Economia

Ricostruzione del gasdotto statale russo Gazprom.Dadu Rovich (Reuters)

Un sorprendente addio alla fase di relativa calma in cui i prezzi del gas naturale si sono stabilizzati negli ultimi giorni. L’annuncio del presidente russo Vladimir Putin di costringere i paesi “nemici” a pagare in rubli per acquistare questo carburante ha fatto salire il prezzo del gas in Europa questo mercoledì a 112 euro per megawattora, il 13% in più rispetto all’apertura. L’aumento è di circa il 30% a metà giornata, ma il prezzo è ancora lontano dai circa 230 euro a cui era quotato nella prima settimana di marzo. Poche ore dopo la chiusura, il prezzo del petrolio è salito di quasi il 5% a 120 dollari al barile.

“La Russia, ovviamente, continuerà a offrire gas naturale al volume e al prezzo concordati nei contratti”, ha detto Putin in un incontro televisivo con i principali ministri del suo governo. “Le modifiche riguardano solo la valuta di pagamento, che diventerà il rublo”. La Banca centrale russa avrà ora una settimana per trovare una soluzione che metta in atto la misura, che alla fine dovrà essere attuata dalla compagnia statale del gas Gazprom.

In questo frangente, il presidente russo presenta al suo più grande importatore di gas, come la Germania, il dilemma di aggirare l’embargo generale sul rublo o abbandonare la sua principale fonte di approvvigionamento. È anche un tentativo di sostenere la propria moneta dopo la severa punizione a cui è stata sottoposta nelle ultime settimane, che l’ha portata ai livelli più bassi nei cross contro le maggiori valute internazionali (il dollaro e l’euro). Mercoledì i mercati hanno risposto all’annuncio con un leggero rimbalzo del rublo, che a malapena serve a minimizzare le perdite accumulate nell’ultimo mese.

READ  Il Fondo Monetario Internazionale ratifica l'accordo con il Club di Parigi, si riunisce in Italia e si impegna a pagare il Fondo

riassume la testa Commercio dalla compagnia energetica Gruppo DB EuropaTim Partridge parlando con Bloomberg.

Dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, il 24 febbraio, i paesi dell’UE hanno trasferito alla Russia oltre 18.000 milioni di euro in pagamento per le importazioni di gas (11.500 milioni), petrolio (6.300) e carbone (500), secondo un contabile . subordinare Centro di ricerca sull’energia e l’aria pulita, gruppo di analisti specializzati nel campo della transizione energetica. Questi fondi sono necessari affinché il Cremlino, che sta già cominciando a risentire dell’impatto delle sanzioni occidentali sulla sua economia, possa finanziare la sua costosa campagna militare.

Il 40% del gas naturale che i 27 consumano proviene dalla Russia, una dipendenza fino al 100% in alcuni paesi dell’est europeo, e l’eventuale aumento dei prezzi di questa materia prima viene trasferito quasi automaticamente ai mercati dell’elettricità.

Conosce a fondo tutti gli aspetti della moneta.

Sottoscrizione

Diverse società energetiche occidentali consultate da Reuters hanno rifiutato di commentare la decisione di Putin. Alcuni governi, come quello tedesco o polacco, ritengono però che il provvedimento possa significare “rottura” – il primo – una “rottura” – il secondo – di quanto stipulato nei contratti. E una fonte ufficiale di Varsavia aggiunge, in dichiarazioni alla British News Agency, che non ha intenzione di concludere nessun altro accordo con Gazprom quando scadrà – a fine anno – quello attualmente in vigore.

L’Italia, secondo cliente di gas russo dopo la Germania, non sta lavorando per cambiare la valuta con cui pagano il carburante alla Russia. L’uso del rublo eviterebbe in qualche modo le sanzioni. Quindi penso che continueremo a pagare in euro”, ha sottolineato Francesco Giavazzi, consigliere economico senior del premier italiano Mario Draghi, in un forum organizzato da Bloomberg. La stragrande maggioranza dei contratti con i paesi dell’UE, siano essi membri della zona euro oppure no – sono denominati nella moneta unica.

READ  Record storico di esportazioni a Malaga ma con un deficit commerciale

avviso carburante

L’impegno a pagare il gas in valuta locale non è stato l’unico messaggio che Mosca ha inviato mercoledì ai suoi vicini dell’Unione Europea. Il più grande fornitore di energia fossile del 27° secolo ha avvertito che le sanzioni imposte alla fine raggiungeranno i consumatori europei. “I paesi occidentali potrebbero dover ridurre o razionalizzare il consumo di carburante”, ha affermato il vice primo ministro russo Alexander Novak, che due settimane fa ha minacciato i suoi vicini occidentali di chiudere i rubinetti del gas in risposta alle sanzioni. “I politici europei devono spiegare ai loro cittadini dove può portare la miopia delle loro decisioni”.