Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La ristretta cerchia di lealisti del presidente  Chi sono i funzionari e gli uomini d’affari su cui fate affidamento per l’attuazione dell’emendamento?

La ristretta cerchia di lealisti del presidente Chi sono i funzionari e gli uomini d’affari su cui fate affidamento per l’attuazione dell’emendamento?

La velocità di adattamento e le guerre politiche che decise di affrontare – con maggiore enfasi – contro le potenze alleate, cominciarono a restringere il cerchio di riferimento di Javier Maili. Il gruppo di credenti che sostengono la sua avventura è composto da non più di 4 funzionari che credono che non lo tradiranno, e da un pugno di 5 uomini d'affari che parlano direttamente con il presidente, incoraggiandolo a proseguire il programma di contrazione economica. Piuttosto, sono alimentati dall’idea che i governatori siano le “gambe” dello Stato nazionale.

Potrebbe sembrare troppo poco tempo perché l’amministrazione abbia un tavolino, quasi come un topo, ma il Presidente abbraccia, in queste ore, sua sorella Karina Miley, segretaria della Presidenza, e altri tre quadri, in modi diversi, applicando la loro idea e la loro risposta. Uno è il Capo di Stato Maggiore Nicolas Bossi; L'altro dei suoi consiglieri di punta, il quarto, è Federico Sturzenegger, che secondo Miley esprime al meglio la sua ideologia economica. Anche i primi tre sostenitori sono uniti nel respingere la massiccia retrocessione di Macri al governo. In definitiva, quando le recenti azioni del presidente vengono viste in prospettiva, questo fattore sembra essere un fattore unificante non da poco. Sono gli unici a spiegare con notevole dilettantismo politico l'unica strategia chiara di Miley in mezzo a un governo: il pensiero conservatore non può essere rappresentato, allo stesso tempo, su due lati, motivo per cui i libertari dovrebbero mettere in ginocchio il partito PRO, spogliandolo della sua essenza, anziché fotografarlo. Questa logica spiega l’attacco ai governatori dell’interno a causa dell’emendamento delle regioni, iniziato con il caso Chubut.

È stato uno degli stretti collaboratori di Miley a far sapere al presidente che era stato proprio Mauricio Macri a sostenere, dopo aver parlato con il governatore del Chubut, Ignacio Torres, la ribellione dei governatori PRO e il comunicato che ne seguì, che portava addirittura la firma di suo cugino e sindaco di Buenos Aires, Jorge Macri. L'intero evento ha scatenato l'ira di Miley su Twitter, che ha insultato Torres in termini personali mentre si recava negli Stati Uniti per partecipare a una conferenza di estrema destra.

La strategia di trolling della rete era armata di un'aggressività raramente vista, poiché il governo ha anche nascosto il fatto che i giornalisti di La Nación Más, il canale che sostengono sia di proprietà di Macri, stavano lavorando a una strategia per distruggere Torres sulle reti. A raccontarlo è stato lo stesso governatore, che ha confermato di averlo avvertito sui social che lo avrebbero distrutto. Ulteriori informazioni sull'uomo di Chubut e sulla sua rabbia: alcune settimane fa, il presidente della YPF ed ex membro della Techint, Horacio Marin, ha riunito gli azionisti e li ha avvertiti che la nuova politica di aggiustamento del prezzo del petrolio ordinata da Milei consisteva nel ridurre tutti gli investimenti nel petrolio greggio convenzionale . Chubut è proprio una delle province che dispone proprio di questo tipo di risorse.

READ  Scopri il segreto della "porta degli inferi" che ha ucciso i passanti | Cronaca

In questo scenario, Posse è l'unico aspetto coerente dell'accordo tra Milei ed Eduardo Eurnekian, proprietario di Corporación América e ideatore iniziale del prodotto Milei. Adotta uno stile negoziale meno aggressivo, ma non si muove di un briciolo rispetto alle richieste del presidente. Incontrano il libertario che lavora al progetto del Corridoio Bioceanico dell'Aconcagua della Corporación América, e Miley vede in lui “un ragazzo molto organizzato”. “Parlano la stessa lingua”, descrivono l’ambiente circostante. Per il Presidente, la Posse è l’arma centrale per mantenere in vita il DNU della deregolamentazione economica.

“Cerchio” rosso.

Sono pochi, pochi di numero, ma parlano molto e all'orecchio del presidente Javier Miley. Il gruppo di cinque o sei amministratori delegati liberali intransigenti sono quelli che mantengono un rapporto diretto con il presidente, un legame che è passato dalla frenesia del trionfo alla diffidenza nei confronti delle critiche e dell’approvazione incrociata del disegno di legge. Ad esempio, il presidente – come ha appreso questo giornale – vuole che gli imprenditori che ne hanno beneficiato facciano maggiormente il gioco del governo; Gli amministratori delegati sono tenuti a spiegare bene la portata dell’emendamento e le ragioni per cui le persone potrebbero trarre vantaggio dalle loro politiche, come un modo per evitare crisi sociali.

Hanno detto in questo contesto Pagina I12 Chi lo frequenta dice che Miley ha pochissimi uomini d'affari in programma sul suo WhatsApp, e che di solito blocca chi gli scrive senza conoscere il mittente. Stava rimuovendo le persone dal suo programma e limitando i contatti solo a chi gli era vicino. Serve quasi religiosamente questi cinque o sei uomini d'affari. Venerdì scorso, molti di loro hanno pagato in privato il prezzo per aver attaccato i conservatori. Uno di quelli menzionati di seguito si è addirittura riferito al governatore Torres come “uno dei personaggi preferiti della nazione”.

READ  MrBeast regalerà $ 25.000 ai suoi follower attraverso questo concorso: Come essere un vincitore

L'elenco telefonico ottenuto da questo giornale contiene i seguenti nomi, di diverse regioni, che consigliano e dialogano con il Presidente: Marcos Galperin, amministratore delegato di Mercado Libre; Georgi Neus, proprietario di un impero commerciale dalle molteplici sfaccettature; Gonzalo Tanuera, proprietario della Citrícola San Miguel; Alejandro Elstein, fratello di Eduardo, titolare dell'IRSA che gestisce Cresud e il ramo agricolo; ed Eduardo Bastita Harriet, proprietario di Plaza Logistica.

La particolarità di questo gruppo è che, in generale, sono stati cotti sul fuoco libertario e non si muovono negli stessi ambiti del resto degli amministratori delegati. Molti di loro si sono recati a Roma per la visita del presidente in Vaticano e hanno incontrato privatamente Miley. Facevano invidia a un gruppo di dirigenti invitati dal governo, che non avevano mai potuto vedere da vicino il presidente. Tra i fortunati c'era Tanwira, che ha avuto un incontro con Miley, sua sorella e la segretaria presidenziale Karina Miley, nella President's Suite dell'Intercontinental Hotel di quella città.

cosa stanno dicendo

In una recente conversazione, il presidente ha rimproverato gli uomini d'affari che hanno alimentato la sua avventura liberale, dicendo che “non comunicano bene i risultati del governo”. “Devi mostrare le virtù del percorso”, li ha esortati Miley. La risposta al motivo per cui non hanno fatto del loro meglio è che, dopo la caduta della Legge Omnibus, si sono resi conto che non era chiaro se il modello avrebbe funzionato. Un amministratore delegato che ha parlato con questo giornale ha sottolineato che “essere solidali e dire che tutto ciò deve finire bene non è la stessa cosa che dire che finirà bene”.

Tra i suddetti, quelli che meglio trasmettono questa idea sono Bastita e Tanweera. Il primo ha gestito la logistica della campagna di Buenos Aires per Miley. Durante la campagna lo ha anche portato a vedere il suo progetto a Colonia, in Uruguay, chiamato +Colonia. Una città per uomini d'affari argentini che non vogliono pagare le tasse nel loro paese d'origine. Colpisce anche il caso di Tanuera: era una figura così vicina a Mauricio Macri che l'ex presidente si entusiasmò così tanto delle esportazioni di agrumi da organizzare un evento a Tucuman in cui annunciò come pietra miliare la vendita all'estero del prodotto. L'ingegnere, che non era abituato a essere ammirato dagli industriali, fece pressioni su Tanuera a livello internazionale negli Stati Uniti. Chi conosce la storia racconta che l'ex presidente Donald Trump chiamava Macri “Mr. Lemon” perché gli parlava spesso del business degli agrumi.

READ  "Ivan Marquez è vivo in un ospedale di Caracas ed è protetto dal regime di Maduro", ha detto Maine Defense.

Dall'altro angolo giocano gli amministratori delegati che, con un colpo di fulmine, colpiscono il ministro dell'Economia Luis Caputo. E lo dicono al presidente. Gli hanno detto: “Celebrare il surplus finanziario non ha senso se non si sa quanto sia sostenibile il piano”. “Per favore spiegami meglio la situazione, il piano economico non è chiaro”, ha letto Miley in uno degli ultimi messaggi ricevuti sul cellulare. Molti di questi dirigenti, infatti, sono più vicini a Sturzenegger che a Caputo. Anche l'ex BCRA si muove come chi aspetta pazientemente che certi movimenti si avvicinino a posizioni di potere.

Galperin, che si è sentito liberato più volte nella sua vita, ha chiesto a Miley perché Caputo “si è tagliato e ha fatto quello che voleva”. Era un modista, non un capitalista, e non era in buoni rapporti con lo sgombro. Un'altra persona che fa sul serio e parla direttamente con Miley è News. Quest'ultimo si è trovato di fronte ad un dilemma con il caso Torres: l'imprenditore, proprietario dell'azienda che produce VTV a Capa, che ha distributori elettrici, aziende agricole e magazzini, è stato quello che è volato con il suo aereo personale a Chubut per festeggiare la vittoria elettorale. Torres, invitò Patricia Bullrich per quel viaggio. Ha un ottimo rapporto con il presidente del distretto di Chubut e ha investito denaro nella campagna di Bullrich e successivamente in quella di Maili.