Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La nuova manovra del regime di Chaveza contro la libertà di stampa: intende modificare il Codice deontologico del giornalismo e il Codice Etico

Il giornalista Gregory James e l’assistente alla telecamera Robin Britto, di VPITV, sono stati feriti da agenti di polizia nel maggio 2019

In un’altra strategia per distruggere la libertà di stampa in Venezuela, l’Assemblea nazionale chavista ha proposto Riforma della legge sulla pratica del giornalismo con l’obiettivo di distruggere la professione dei social media, Con l’argomento “includi” e “adatta a nuove modifiche”. Allo stesso tempo Si propone di modificare il periodico Codice EticoCon il pretesto di determinare “se si tratta di un’arma nell’interesse di determinati interessi o delle persone”, secondo la deputata del partito al governo Maria Carolina Chavez Gonzalez, perché presume di essere una giornalista senza esserlo e viola la legge. che cerca di modificare.

Il Collegio Nazionale dei Giornalisti (CNP) ha invitato più di 25.800 membri, Distribuito nelle sue 26 sezioni, “per sollevare proteste individuali, organizzare, mobilitare e chiedere un’azione concreta ai loro dirigenti sindacali affinché lo spirito della legge che per 50 anni ha predetto l’avanzata del dominio comunicativo, privato o governativo, promosso da l’ignoranza, la cecità ideologica o gli interessi estranei non sono alterati.” sul popolo venezuelano.

Il Comitato per le comunicazioni dell’AN, composto interamente da membri della Rivoluzione, è presieduto da Juan Carlos Alemán Pérez, Tania Valentina Díaz Gonzalez come vicepresidente, seguita da María Chavez. Gli altri membri sono Fidel Alejandro Madronero Gonzalez, Rudy Carolina Puerta Artega, Gabriela Mayerling Peña Martinez, Alberto Jose Gago Betancourt, Antonio de Jesus Hernández Díaz, Jose Antonio Ozcategui Armejo, Edgar Humberto Gonzalez Perez, Alpha Roquez (Alpha Goelís) e Jóríño Valárquez) Vanessa Gutierrez Monteiro.

Chávez Gonzalez ha affermato che “un giornalismo emerso non passa attraverso l’accademia”, che coincide non solo con la sua pratica illegale, ma come un modo per giustificare ciò che la rivoluzione ha cercato di fare alla stampa e ai giornalisti in Venezuela. La prevalenza dei programmi nei media di propaganda statale non è casuale. È guidato da persone che insultano, volgari, misogine, violano diverse leggi contemporaneamente, tra cui privacy, interviste, uso del sarcasmo e incompetenza personale e familiare contro oppositori politici che diventano nemici e bersagli dei servizi di intelligence.

La rappresentante Maria Carolina Chavez Gonzalez parla della riforma della legge sulla stampa

Durante i governi del defunto Hugo Chávez e ora Nicolás Maduro, c’erano centinaia di media cartacei, radiofonici e televisivi, nonché programmi e media digitali che furono chiusi e censurati, insieme a un gran numero di giornalisti che furono aggrediti, imprigionati , perseguitati e/o in giudizio.

Con macchine da scrivere o telefoni cellulari

READ  Un test genómico mejora el tratamiento de uno de cada cinco cánceres de mama

Il consiglio di amministrazione dell’Associazione nazionale dei giornalisti ha rilasciato una dichiarazione sottolineando la “necessità di fornire alla società venezuelana una macchina da scrivere, un fax, telefoni touch-screen, Internet, social network o telefoni cellulari”. Informazione di qualità e responsabile dall’istruzione universitaria Coloro che sono stati in grado di trasformare i dati in informazioni socialmente significative rimangono gli stessi; Che nonostante i tempi siano cambiati, la morale rimane la stessa e lo sono anche le minacce a coloro che fanno della libertà di parola una scienza”.

D’altra parte, il CNP lo esprime Le società moderne, afflitte da notizie false, disinformazione programmata e muri morali che sono diventati reti sociali, hanno bisogno di professionisti che possiedano una morale. Nel caso venezuelano, l’occultamento premeditato da parte dello Stato di dichiarazioni ufficiali, l’appello del governo alla censura delle voci dissenzienti, l’uso dell’apparato legale per chiudere i media, gli arresti di giornalisti e gli attacchi ignoranti a giornalisti e cittadini comuni che osano dissenso, hanno bisogno di un sindacato che insieme combatta per la diffusione dei diritti umani e della democrazia.

L'Ordine Nazionale dei Giornalisti ha invitato i suoi membri ad attivarsi contro la manovra dell'Assemblea Nazionale
L’Associazione Nazionale dei Giornalisti ha invitato i suoi membri ad attivarsi contro la manovra dell’Assemblea Nazionale

Si rammaricano che coloro che chiedono la riforma della legge siano gruppi di persone, compresi i giornalisti, legati ad aree di potere, Non parlano “quando i loro colleghi sono perseguitati, censurati, imprigionati o attaccati, né quando alcuni media indipendenti vengono chiusi con la forza, né di fronte a leggi che limitano e richiedono libertà di espressione, come Spring-Me o il presumibilmente combattendo l’odio.

Il Sindacato dei giornalisti osserva che “contrariamente alle nostre obiezioni alle procedure elettorali che hanno portato alla formazione dell’attuale Assemblea nazionale”. “Finora il sindacato non è stato consultato sull’intenzione di modificare la normativa che ha portato alla creazione dell’associazione”.

Nel corso degli ultimi vent’anni, il sindacato della stampa ha visto un forte calo dei media indipendenti, la chiusura degli spazi di opinione e la creazione di una cultura di occultamento sistematico dell’informazione pubblica, il tutto senza alzare la voce delle istituzioni chiamate a difendere la democrazia.

Conatel ha chiuso o censurato centinaia di organi di informazione e programmi radiofonici e televisivi
Conatel ha chiuso o censurato centinaia di organi di informazione e programmi radiofonici e televisivi

“Abbiamo visto il giornalista diventare l’obiettivo della guerra da parte di agenti di potere e gruppi ideologici ostili alla libertà di espressione e al diritto dei venezuelani di parlare, ascoltare e indagare nella sfera pubblica senza restrizioni o censura preventiva. Abbiamo assistito al silenzio di coloro che, direttamente o indirettamente, hanno avuto l’opportunità di opporsi all’impunità Punizione in caso di aggressione sui social media, attacchi che abbiamo condannato a tempo debito davanti a organizzazioni nazionali e internazionali.Sono questi gruppi e quegli stessi agenti che stanno cercando di cambiare la legge”, sottolinea il comunicato del CNP.

READ  Alcuni ospedali di Buenos Aires devono selezionare i pazienti prima di collassare a causa di COVID-19 | video

Questa è la differenza

giornalista Humberto Contreras, Said, che era direttore del Tachira Press Syndicate, capo del dipartimento dei media, giornalista e giornalista, su ciò che ha detto la rappresentante Maria Carolina Chavez: Nelle parole di questa signora. Come diresti che la legge risale ai tempi in cui i media erano sulla stampa e dovevi chiudere la redazione nel cuore della notte?

Contreras ha risposto al parlamentare Chávez González: “La legge sulla pratica del giornalismo risale al dicembre 1994. Ma come unico esempio che conosco, Diario La Nación è stato implementato in offset dalla sua prima edizione, dicembre 1968”.

Humberto Contreras indica forti intenzioni di riformare la LEP
Humberto Contreras indica forti intenzioni di riformare la LEP

Ha ricordato quando è avvenuto il colpo di stato 4F, di cui Hugo Chavez è stato uno dei leader: “Diario Pueblo, il giornale per cui lavoravo, sebbene fosse un quotidiano regionale, era l’unico giornale in tutto il Paese a pubblicare, per sua natura edizione e notizie. E il successo è stato dopo la metà di Precisamente notte, cioè non chiuso. “

“Quel deputato ignora che spesso, nel bel mezzo della stampa di un giornale, ordinano che la macchina si fermi perché ci sono notizie dell’ultima ora. Ignora anche la leggera ignoranza che i media di oggi si completano a vicenda. I media sul web spianano la velocità istantanea di informazioni, mentre altri media forniscono tutte le informazioni. Questa è la stampa”.ha detto Contreras.

Dice che la legge dovrebbe essere modificata quando i tempi cambiano, perché è cambiata la stampa. Il fatto è che il giornalismo è sempre lo stesso, dai propagandisti dei primi tempi: cercate informazioni con indicazioni certe, e pubblicatele aderendo a quanta più verità possibile. Non importa quale mezzo viene utilizzato per pubblicarlo. Ciò che è cambiato è il metodo di lavoro giornalistico, la diffusione delle informazioni e i mezzi con cui le informazioni vengono diffuse, ovvero si fa giornalismo. Cosa può cambiare la stampa stessa? “

Contreras lo ha sottolineato Il giornalismo non è uno sport che chiunque può praticare con tutti i diritti. Il giornalismo ha una seria responsabilità davanti al pubblico nel suo diritto di ottenere informazioni in modo tempestivo e onesto, che richiede etica e formazione accademica per saper elaborare le informazioni ricevute e diffuse senza creare “graffi” nella società.

READ  La "frequenza radicale" della vaccinazione contro il Covid-19 in Spagna è scesa a solo il 4% in dieci mesi | Scienza

Ad esempio, ha indicato cosa sta succedendo con “l’epidemia di fake news che sta inondando i social network, dove non c’è controllo su chi scrive, o responsabilità per ciò che scrive; non importa se la falsità o il danno è può causare. L’iscrizione obbligatoria rende ogni giornalista responsabile di ciò che pubblica come informazione.”.

Questo è il comitato che cerca di riformare la legge sulla stampa
Questo è il comitato che cerca di riformare la legge sulla stampa

Ha anche evidenziato ciò che la Costituzione della Repubblica Bolivariana del Venezuela afferma nella logica dell’istruzione e del lavoro come processi essenziali per garantire gli scopi dello stato. «Pertanto, tentare di abolire l’obbligo di studio, quando è già una legge della Repubblica, è in contrasto con l’essenza stessa della Costituzione».

La legge sulla pratica del giornalismo “è stata analizzata articolo per articolo prima dell’ordine di revoca depositato da uomini d’affari dei media, e la Corte suprema di giustizia (TSJ), guidata da Ivan Urdaneta, ha stabilito che la legge è del tutto costituzionale, cioè lo fa non violare alcun diritto di nessuno”.

“La sentenza della Corte interamericana dei diritti umani sulla legge dell’Associazione dei giornalisti in Costa Rica, esprime nella sua decisione quanto segue: l’Associazione della stampa, purché non impedisca ai cittadini di esercitare il proprio diritto alla libertà di espressione, non contraddice i principi della Convenzione americana”.

Contreras insiste nel ricordarlo “L’articolo 4 della LEP afferma che tutti i cittadini, cittadini o stranieri, possono esprimersi liberamente attraverso i social media, senza più restrizioni di quelle previste dalla costituzione e dalle leggi”.

Devi capire che la stampa in sé non è libertà di espressione. Il concetto di questo diritto esprime il diritto di tutti i cittadini di esprimere le proprie idee con ogni mezzo a loro disposizione. Ebbene, è chiaro che qualsiasi cittadino può, senza restrizioni, rivolgersi a un giornalista oa un media per presentare la propria opinione o informazione. In altre parole, la stampa (e il giornalista) è un mezzo attraverso il quale esercitare la libertà di espressione”, ha concluso Contreras.

Continuare a leggere: