Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La nazione/America sta lavorando per debellare la malaria

La Banca Mondiale afferma nel suo ultimo rapporto regionale semestrale che la produzione e l’esportazione di idrogeno verde possono portare alla ripresa dell’economia dell’America Latina e dei Caraibi, che è stata duramente colpita dal virus Corona.

Per i Paesi dell’America Latina e dei Caraibi, a cui la pandemia ha aggiunto un altro “decennio perso” in termini di espansione economica dopo la crisi del debito degli anni ’80, “alimentare un futuro energetico sostenibile” è una delle priorità per rilanciare la crescita, secondo il rapporto. .

Gli sforzi per ridurre le emissioni di anidride carbonica saranno al centro del prossimo vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP26, in programma per novembre a Glasgow, in Scozia.

L’idrogeno è un’alternativa ai combustibili fossili che promuovono il cambiamento climatico perché bruciandoli non emettono sostanze inquinanti. Ma l’attuale generazione di idrogeno, principalmente da gas naturale e carbone, è sotto esame per l’emissione di grandi quantità di anidride carbonica.

Ecco perché il mondo scommette sempre più sull’idrogeno verde, cioè sull’idrogeno prodotto per elettrolisi da energie rinnovabili, come l’energia solare, idroelettrica ed eolica.

Il rapporto della Banca mondiale presentato ai recenti incontri dell’Agenzia e del Fondo monetario internazionale rileva che l’esportazione di questo carburante pulito dall’America Latina è “un mezzo per raggiungere una ripresa economica globale, resiliente e verde”.

“I paesi dell’America Latina hanno un grande potenziale per partecipare con successo al mercato globale dell’idrogeno verde grazie alle loro risorse naturali per la produzione di energia rinnovabile”, ha spiegato Janina Franco, Senior Energy Expert presso la Banca Mondiale.

“Questa possibilità può aprire una grande opportunità per l’America Latina di diventare una regione leader nella produzione di idrogeno verde, che le consentirà non solo di approfondire la propria transizione energetica, ma anche di fornire il mercato dell’idrogeno verde in Europa o in Asia”, Ha aggiunto.

READ  Il fascismo è antisindacale più di un sabato a Roma

Cile in primo piano

Il rapporto della Banca Mondiale, che cita i dati dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA), afferma che Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Messico e Trinidad e Tobago hanno “potenziale” per esportare idrogeno verde a livello globale.

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, creata dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) dopo la crisi petrolifera del 1973, questi paesi possono offrire prezzi competitivi agli importatori in Europa e in Asia.

A settembre, tredici paesi dell’America Latina e dei Caraibi hanno espresso interesse per lo sviluppo di un’industria nazionale dell’idrogeno verde: Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Messico, Paraguay, Perù, Repubblica Dominicana e Uruguay, secondo la piattaforma H2LAC.

Franco ha fatto riferimento a varie fasi dell’industria dell’idrogeno verde nella regione.

Paesi come Paraguay, Costa Rica, Colombia e Uruguay, la cui produzione di elettricità è quasi interamente rinnovabile, mostra “significativi progressi” nella strategia e nei regolamenti sull’idrogeno, ha affermato.

Altri paesi, come Brasile, Argentina, Messico e Perù, che hanno un grande potenziale per la domanda interna di estrazione e produzione di acciaio, ferro o prodotti chimici, sono in un “processo emergente” in termini di roadmap e regolamenti.

In prima linea c’è il Cile, primo Paese della regione a lanciare la sua “Strategia nazionale per l’idrogeno verde” nel novembre 2020, che ha già stakeholder nazionali ed esteri nell’uso di questo combustibile pulito e dei suoi derivati, come ammoniaca, metanolo o sintetici combustibili.

Il Cile, impegnato da tre decenni a guidare la produzione globale di idrogeno verde, ha annunciato la scorsa settimana che entro il 2030 si aspetta che l’aeroporto di Santiago sia il primo in America Latina a operare con idrogeno verde e suoi derivati.

READ  La buona guerra e la fiorentina: oltre le parole e più di 50 casi giudiziari

Meno emissioni, più posti di lavoro

La Banca Mondiale sta evidenziando l’idrogeno verde come una soluzione per “decarbonizzare” settori difficili da elettrificare, come il trasporto marittimo e l’aviazione a lunga distanza e l’industria pesante.

Inoltre, sottolinea che questo carburante pulito può aiutare i paesi a sviluppare catene del valore dell’energia verde, che consentono loro di essere competitivi a livello globale nella produzione di acciaio, rame, ammoniaca o fertilizzanti.

Il rapporto rileva che “l’idrogeno verde e i suoi derivati ​​possono rappresentare una fonte di entrate da esportazione migliorando l’accesso della regione ai mercati sviluppati disposti a pagare un premio che garantisca catene del valore verdi”.

L’industria dell’idrogeno verde ha un altro vantaggio: La Banca Mondiale evidenzia la creazione di posti di lavoro “verdi, locali e resilienti”, diretti e indiretti, in particolare nelle aree di produzione, trasporto e distribuzione.

Franco ha avvertito che la transizione all’idrogeno verde non è priva di sfide, tra cui la produzione a costi competitivi, lo sviluppo di infrastrutture adeguate e la disponibilità di professionisti esperti per far funzionare la nuova tecnologia.

Ha spiegato che “la sfida più grande per i paesi della regione e del mondo è raggiungere la competitività nei costi di produzione e raggiungere prezzi che consentano di sostituire l’uso degli idrocarburi con l’idrogeno verde”.

Fonte: Agence France-Presse