Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA fa schiantare per la prima volta con successo una navicella spaziale contro un asteroide

(CNN) – La missione DART della NASA si è schiantata deliberatamente contro un asteroide nel primo test di difesa planetaria dell’umanità.

L’impatto è avvenuto alle 19:14 ET come previsto, e ci sono stati applausi al Mission Control Center della NASA a Laurel, nel Maryland, mentre le persone hanno assistito alla storica missione, la prima del suo genere al mondo.

Sebbene l’asteroide Demorphos non corresse il rischio di scontrarsi con la Terra, questa demo potrebbe determinare come disperdere le rocce spaziali che potrebbero rappresentare una minaccia per la Terra in futuro.

Ci vorrà del tempo prima che la NASA possa determinare se l’impatto è in grado di alterare con successo l’orbita dell’asteroide, un obiettivo fondamentale della missione.

“Siamo sul punto di entrare in una nuova era dell’umanità, un’era in cui avremo potenzialmente la capacità di proteggerci da qualcosa come un pericoloso impatto di un asteroide”, ha affermato Laurie Gleese, direttore della Planetary Science Division della NASA. “Che cosa incredibile. Non avevamo questa capacità prima.”

Dopo il successo del collasso di DART, la scienza è appena iniziata

Per la prima volta nella storia, la NASA sta cercando di cambiare il movimento di un corpo celeste naturale nello spazio. Ora che il veicolo spaziale ha colpito con successo l’asteroide Demorphos, la scienza è appena iniziata.

READ  Immunoterapia a base di proteine ​​modificate

Per valutare le conseguenze della collisione, la missione Hera dell’Agenzia spaziale europea sarà lanciata nel 2024. La navicella, insieme a due CubeSat, arriverà al sistema di asteroidi due anni dopo.

Hera studierà entrambi gli asteroidi, misurerà le proprietà fisiche di Demorphos e studierà il cratere da impatto DART e l’orbita della Luna, con l’obiettivo di creare un’efficace strategia di difesa planetaria.

Qual è la probabilità che un asteroide entri in collisione con la Terra? 1:23

Il Light Asteroid Imaging CubeSat dell’Agenzia Spaziale Italiana, o LICIACube, volerà vicino a Dimorphos per scattare foto e video del pennacchio d’impatto mentre emerge dall’asteroide e forse anche spiare il cratere che potrebbe lasciarsi alle spalle. Il piccolo satellite intravederà anche l’emisfero opposto di Dimorphos, che DART non sarà in grado di vedere prima di essere cancellato.

Il CubeSat ruoterà per mantenere le sue telecamere puntate verso i Dimorphos mentre volano. Giorni, settimane e mesi dopo, vedremo foto e video realizzati dal satellite italiano che ha monitorato l’incidente. Le prime immagini proiettate da LICIACube possono mostrare il momento dell’impatto e la colonna che si sta creando.

LICIACube non sarà l’unico osservatore a guardare. Il telescopio spaziale James Webb, il telescopio spaziale Hubble e la missione Lucy della NASA monitoreranno l’impatto. Statler, uno scienziato del programma della NASA, ha affermato che il sistema Didymos potrebbe brillare mentre polvere e detriti venivano espulsi nello spazio.

Ma i telescopi terrestri saranno fondamentali per determinare se DART è riuscito ad alterare il movimento del Dimorphos.