Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La medicina non riguarda sempre la guarigione, ma la guarigione e l’ascolto

Una delle missioni dell’esperto è la capacità di creare cambiamento, educare e influenzare positivamente i giovani portoricani.

La dott.ssa Barbara Rosado è una gastroenterologo con una sottospecialità nel trapianto di fegato. Foto: Journal of Medicine and Public Health. Piazza Fabiola.

Grazie alla formazione completa in medicina, Dott.ssa Barbara Rosado Nevica Gastroenterologo Con una sottospecialità nel trapianto di fegato. Ha iniziato i suoi studi presso l’Università di Porto Rico, dove ha completato la sua laurea in biologia, e poi ha frequentato la facoltà di medicina nel campus di scienze mediche.

“Ho aderito al programma di Medicina Interna presso il Medical Sciences Campus e ho trascorso un altro anno come CEO. Successivamente, ho avuto l’opportunità di entrare in uno dei centri più rinomati degli Stati Uniti, la Mayo Clinic in Minnesota, dove ho studiato gastroenterologia e completato un ulteriore anno in epatologia e trapianto di fegato. “. “Poi, torno a Porto Rico e mi unisco alla facoltà del Ponce College of Medicine, come professore associato in quell’istituto, quando stabilisco il mio studio a Ponce”.

La dottoressa Rosado ricorda che durante gli anni della sua scuola di medicina, ha avuto grandi mentori, come la dottoressa Esther Torres, che sono stati un pilastro importante della sua carriera.

“Uno dei motivi per cui ho scelto la medicina interna è perché è una branca che mi permette di creare una diagnosi differenziale per i pazienti. Essendo già in medicina interna, ho capito che la gastroenterologia era il campo che mi appassionava, perché poteva fare diagnosi e interventi precoci, come lo screening del cancro del colon-retto, e riducono la mortalità da questo punto di vista. Inoltre, ci sono molte malattie associate alle donne come l’IBS, l’epatite autoimmune, tra le altre”.

Durante la sua permanenza in questo campo della medicina, la specialista è venuta a conoscenza della crescente richiesta di pazienti che necessitavano dell’aiuto di un epatologo, sono arrivate molte persone con malattie croniche avanzate e, secondo l’esperto, Porto Rico non disponeva di un centro trapianti e non disponendo di risorse umane specializzate, si assunse l’incarico di proseguire gli studi in gastroenterologia

READ  Luis Camera, MD, consigliere del governo: "Possiamo arrivare a Natale con più di seimila casi di coronavirus"

Per la dottoressa Rosado, la comunicazione con i suoi pazienti è essenziale nel trattamento. Foto: Journal of Medicine and Public Health. Piazza Fabiola.

“Il mio ritorno dagli Stati Uniti a Porto Rico è stato difficile. Il nostro sistema sanitario può essere impegnativo dal punto di vista delle barriere all’accesso ad alcune cure come l’epatite C, che fortunatamente è stata rilasciata, e le restrizioni sono sempre meno in termini di benefici per il paziente”, ha riconosciuto. “Inizialmente, fornire trattamenti ad alcune popolazioni era difficile e queste barriere sono state rimosse”.

Dopo essere tornato sull’isola, il Dr. Rosado, insieme ad altri specialisti della zona, si è incaricato di sviluppare collaborazioni con altre istituzioni negli Stati Uniti, come l’Università del Tennessee e la Clinica Ochsner, con l’obiettivo di offrire un paziente la possibilità di avere un trapianto a Porto Rico anche senza un centro specializzato in cui è stato eseguito.

“Nel 2005, quando sono tornato a Porto Rico, non avevo privilegi al Damas Hospital, ma mi hanno chiamato per vedere un paziente che era molto malato. Era una giovane donna che aveva avuto un’insufficienza epatica fulminante non correlata a qualsiasi infezione virale, e ci siamo resi conto che si trattava di una malattia autoimmune e che poteva essere trasportata in aereoambulanza in quel momento alla Mayo Clinic in Florida. Oggi quella paziente sta bene, è viva, ha una vita utile, ha visto i suoi figli cresce e 17 anni dopo è ancora malata”. “E’ stata una sfida, ma anche un grande traguardo”.

La lotta delle donne per la parità di genere in medicina

Fortunatamente, il divario differenziale tra la partecipazione maschile e quella femminile si sta restringendo in alcuni rami: “Vediamo che le donne hanno superato le barriere, creando ponti e aprendo porte”.

“Quando ero alla Mayo Clinic, avevamo 85 consulenti nell’unità di gastroenterologia, di cui solo due erano donne. Tra noi, eravamo anche solo due donne e gli altri erano uomini”, ricorda. “Penso che il fatto che le donne si stiano facendo strada nei rami dominati dagli uomini e che stiamo facendo un buon lavoro, ci abbia permesso di vedere donne sempre più emancipate che hanno ruoli multipli nella loro vita, occupando importanti posizioni dirigenziali e di leadership. “

READ  Sposata con un conte italiano, madre di due figli

Allo stesso modo, l’esperto afferma che è importante per lei far capire ai suoi studenti e alla sua comunità, attraverso l’educazione, che il medico non deve perdere il suo ruolo umano essendo madre, moglie, figlia e professionista, e la capacità di essere un modello . Costruisci quell’equilibrio in modo che sentano che tutto può essere fatto e può essere fatto bene.

“C’è sempre stata questa idea che non possiamo fare tutto bene, o che se sei un buon professionista potresti non essere presente nella vita dei tuoi figli. Quelli sono stigmi che devono essere rimossi”.

la forma del corpo

“Quando quella persona esce dal mio ufficio con un sorriso, è così divertente e non ci sono parole o altro che possa prendere il suo posto”. Foto: Journal of Medicine and Public Health. Piazza Fabiola.

Empatia e ascolto attivo: i ruoli chiave del medico

per me GastroenterologoUna delle più grandi soddisfazioni del paziente è fare in modo che il paziente che entra nella vostra clinica si senta curato, ascoltato e rispettato. Ha sottolineato che “non dovremmo concentrarci solo sul trattamento o sul trattamento, perché non saremo sempre in grado di farlo, ma possiamo guarire e ascoltare”.

All’interno dei ruoli del medico, non è solo la diagnosi, la gestione e il trattamento delle malattie; Al contrario, dovrebbe trascendere il ruolo del medico e diventare educatore con i suoi pazienti.

“Da parte mia, una delle cose che mi appassiona è contribuire alla formazione dei futuri medici, quindi una delle cose che volevo quando ho preso la decisione di tornare a Porto Rico era far parte di un medico di facoltà o scuola di medicina dove potrei aiutare a formare futuri colleghi, studenti e residenti”.

La medicina d’avanguardia per i pazienti

La dott.ssa Rosado ha sottolineato l’importanza che i medici continuino il loro processo educativo per essere attenti ai principali bisogni della popolazione generale e ai progressi della scienza e della tecnologia.

Ha sottolineato che “la medicina non è statica, cambia ed è per questo che noi medici dobbiamo continuare questo processo educativo al fine di fornire ai pazienti la migliore qualità possibile del servizio”.

READ  L'Argentina è il sesto paese al mondo e il primo nella regione ad avere il maggior numero di infezioni da COVID-19 in un solo giorno

Un altro aspetto a cui l’esperta si è dedicata è la ricerca. Questo gli ha permesso di partecipare a importanti studi che hanno contribuito positivamente allo sviluppo del trattamento dell’epatite C e di altre condizioni.

I medici devono avere l’appetito di contribuire al progresso della scienza; È qualcosa che vorrei che potessimo includere un po’ di più e dovessimo dedicare tempo allo sviluppo, poiché ci aiuta a apportare i cambiamenti necessari e fornire strumenti migliori, mentre comprendiamo meglio la nostra popolazione”.

la forma del corpo

Durante la sua permanenza presso la Mayo Clinic, ha sempre pensato di tornare nel suo paese e fornire un servizio specializzato e di alta qualità. Foto: Journal of Medicine and Public Health. Piazza Fabiola.

La famiglia è il motore principale

Come accennato GastroenterologoRiuscire a mantenere un giusto equilibrio tra la sua carriera e la sua vita personale è stata una sfida per lei. Tuttavia, sostiene che con l’aiuto di suo marito, il dottor Francisco Torres, l’operazione è stata più probabile e possibile in tutti i loro anni insieme.

“Ho due bambini meravigliosi, uno che si diploma in quarta elementare e mia figlia in terza media, e questa parte dell’educarli, a essere buoni esseri umani e a beneficio della società, è stata anche una delle mie opere più importanti”.

Il padre, che tuttora si prende cura di lui, è stato invece un punto focale per tutta la sua carriera medica, poiché sostiene di aver appreso da lui valori importanti che governano la sua vita oggi.

“Mio padre mi diceva sempre: ‘Non potrò lasciarti un’eredità, ma la cosa più importante che potrò lasciarti è l’istruzione. “Da quando avevo cinque anni giocavo con gli stetoscopi e lui me lo diceva e io l’ho accolto ed è qualcosa che cerco di trasmettere anche ai miei figli e credo che nella società sia essenziale che i nostri figli e i nostri i giovani vengono educati affinché possano avere un paese migliore”, ha concluso la dott.ssa Barbara Rosado.