Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La famiglia del presidente del Burkina Faso ha lasciato il Paese e l’esercito chiede le dimissioni di Kabore

Il presidente del Burkina Faso, Roch Marc Christian Kabore

La famiglia del presidente del Burkina Faso, Roch Marc Christian Kabore, ha lasciato domenica il Paese africano e i soldati ribelli chiedono le dimissioni del presidente.

Secondo le nostre informazioni, la famiglia del presidente Roch Kabore ha lasciato il Burkina Faso”. Come riportato su Twitter da LSI Africa.

Nella tarda domenica, secondo i media, sono stati uditi spari vicino alla casa del presidente del Burkina Faso, poche ore dopo che i soldati ribelli avevano sparato contro diverse baracche della capitale, Ouagadougou. L’Africa elegge.

I leader della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) hanno chiesto la calma in Burkina Faso e hanno espresso la loro solidarietà al presidente Roch Marc Christian Kabore, al governo e al popolo del Paese africano.

La Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale ha anche chiesto all’esercito di rafforzare il dialogo con le autorità del Burkina Faso.

Domenica, il governo del Burkina Faso ha imposto il coprifuoco tra le 20:00 e le 5:30 in risposta all’incertezza. La radio e la televisione pubblica hanno riferito che dopo che diverse unità militari si sono ribellate durante il giorno RTB.

Il governo aveva precedentemente confermato diversi episodi di sparatoria in caserme militari nella capitale, Ouagadougou e in altre città del paese, ma ora ha completamente negato un colpo di stato militare, un giorno dopo una grande manifestazione contro il paese. Il presidente Roch Marc Christian Kabore come gesto di rifiuto dell’instabilità e della violenza che regnano nel Paese.

Dalle 4 del mattino di domenica circa, sono stati sparati colpi di arma da fuoco contro diverse installazioni militari, compreso l’aeroporto militare della capitale, Ouagadougou.

READ  Tra i feriti nel ribaltamento dell'autobus a Punta c'erano due persone di Rosario

Negando il colpo di stato, i soldati ribelli hanno affermato fin dall’alba che non stanno cercando di prendere il potere, ma chiedono più mezzi e l’immediato licenziamento della dirigenza della National Intelligence Agency per la loro incapacità di combattere il jihadismo che ha afflitto il paese per anni.

esercito del burkina faso
esercito del burkina faso

Lo confermano fonti militari del Courrier Confidentiel I ribelli hanno anche chiesto “formazione del personale per far fronte alla minaccia”, Rivaluta le ricompense che ricevono per aver combattuto in prima linea e una migliore assistenza ai feriti e alle famiglie dei defunti.

I soldati ribelli hanno sottolineato che in nessun momento hanno chiesto la rimozione dal potere del presidente Roch Marc Christian Kabore e che la sua rimozione non faceva “per il momento” parte delle richieste. Tuttavia, le stesse fonti del Courrier Confidentiel hanno ricevuto un avvertimento dai ribelli che “questa situazione potrebbe cambiare” se si fossero accorti che il governo stava ignorando le loro richieste.

Dopo aver appreso queste informazioni, il ministro della Difesa, il generale Aimee Barthelemy Sempor, ha spiegato a RTB che stavano cercando di scoprire le richieste specifiche dei soldati e ha confermato il fuoco di almeno sei posizioni. Inoltre, ha negato l’arresto del presidente Kabore per fermare le voci.

La ribellione dell’esercito è stata sostenuta da gruppi di persone che sono scese nelle strade della capitale, erigendo barricate e attaccando la sede del partito di governo, il Movimento popolare per il progresso.

Durante la mattinata, gruppi di manifestanti hanno appiccato il fuoco al quartier generale della campagna MPP nel quartiere di Nonsin, hanno testimoniato i giornalisti del portale di notizie. Al momento il governo non ha commentato questo attacco.

READ  Stati Uniti: la guardia carceraria che è scappata con un prigioniero ricercato è morta

Mentre, L’ambasciata americana in Burkina Faso ha confermato le proteste della giornata e le “sporadiche sparatorie”.

Queste proteste fanno eco a quelle di sabato, quando centinaia di persone hanno chiesto le dimissioni del presidente in un appello di un movimento della società civile chiamato Sauvons le Burkina (“Salva il Burkina”) che è stato bandito per motivi di sicurezza.

Lo stesso gruppo aveva organizzato un’altra protesta vietata a fine novembre 2021 contro il fallimento del governo nel fermare gli attacchi dei gruppi armati affiliati allo Stato islamico e ad Al Qaeda. La marcia ha provocato decine di feriti.

Proteste in Burkina Faso
Proteste in Burkina Faso

La violenza nel Paese è proseguita senza sosta nonostante gli sforzi dell’esercito. Lo spargimento di sangue ha raggiunto un punto critico nel novembre dello scorso anno, quando si sono verificati due attentati terroristici nelle città di Anata e Fobi. Il primo ha provocato almeno 53 morti, la stragrande maggioranza degli agenti di polizia. Dieci civili e altri nove soldati sono stati uccisi a Fobi il 22 novembre, in un attacco attribuito alle milizie islamiste.

Quasi 12.000 persone sono state sfollate a causa della violenza in due settimane a dicembre, secondo le Nazioni UniteMentre Kabore ha passato le ultime settimane a cercare di gestire al meglio una crisi che si sta diffondendo al suo governo, come ha dimostrato il mese scorso sostituendo l’intero governo e nominando Lasina Zerbo come nuovo primo ministro del Paese.

All’inizio di gennaio, infatti, le autorità del Burkina Faso hanno arrestato otto soldati, tra cui un comandante di alto rango, in connessione con un presunto complotto per “destabilizzare” le istituzioni del Paese.

READ  Uno scimpanzé che era un animale domestico di famiglia è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dopo che la figlia del suo proprietario è stata mutilata.

(Con informazioni da Europe Press)

Continuare a leggere: