Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nicolás Maduro ha nuovamente minacciato di mandare in prigione Juan Guaido

Nicolas Maduro ha minacciato ancora una volta di arrestare Juan Guaido

Nicolas Maduro ha minacciato ancora domenica di mandare in prigione il presidente ad interim del Venezuela, Juan GuaidoSottolineando che “la giustizia sarà servita”. Il dittatore ha cantato “Thief of Puppets, You Get Tocoron” e fatto cantare i chavisti che lo accompagnavano, riferendosi a una nota prigione venezuelana.

“La giustizia e la giustizia costituzionale a volte richiedono tempo, ma arriverà, arriverà, state certi che qui ci sarà giustizia”Il dittatore venezuelano ha detto durante la manifestazione di fedeltà al Chavismo che ha girato parte di Caracas e si è conclusa davanti al palazzo presidenziale di Miraflores.

“Tre anni fa si è tentato di imporre un burattino al Venezuela e direi, tre anni dopo, Dov’è (l’ex presidente degli Stati Uniti) la bambola di Donald Trump?Maduro, Ki.

Il dittatore di Chavista ha spiegato che “giorni prima” del 23 gennaio 2019, “dalla Casa Bianca”, ha ricevuto informazioni “che cercheranno di imporre un presidente fantoccio in Venezuela”, ed è per questo che si è preparato con il suo governo .

Questa domenica, Chavismo e l’opposizione venezuelana hanno commemorato separatamente il 64° anniversario della caduta della dittatura di Marcos Pérez Jiménez, rovesciata da una ribellione il 23 gennaio 1958. Allo stesso modo, Maduro ha anche osservato che il 23 gennaio 2019 l’allora presidente dell’Assemblea nazionale, l’opposizione Juan Guaido, si è dichiarato presidente ad interim.

Juan Guaido, presidente ad interim del Venezuela (Reuters/Gabi Ora)

Domenica un gruppo di deputati chavisti si è diretto alla sede della Procura venezuelana a Caracas A chiedere “la velocità, l’efficienza e l’efficacia dell’amministrazione della giustizia” per Guaido, che accusano di corruzione.

READ  I dettagli del viaggio di Alberto Fernandez in Cina fanno arrabbiare gli Stati Uniti

Deputato Tania, “Ci siamo trasferiti nella sede della Procura della Repubblica per chiedere velocità, efficienza ed efficacia nell’amministrazione della giustizia contro Juan Guaido e la banda parlamentare dedita alla violazione della costituzione per attaccare i beni della repubblica”. Diaz ha detto ai giornalisti.

E il deputato ha ritenuto che l’opposizione e un gruppo di ex deputati, i cui nomi non sono stati menzionati, “hanno incoraggiato i saccheggi, le sanzioni e il blocco economico che hanno causato gravi danni al popolo venezuelano”.

Per tutti questi motivi, i deputati di Chavista hanno presentato una lettera alla Procura della Repubblica sostenendo di esercitare “il diritto costituzionale di accesso agli organi di amministrazione della giustizia per chiedere (…) la pronta amministrazione della giustizia per i danni fatto alla Patria” di Guaido e dei suoi “complici”.

come sostenevano “Porre fine all’impunità per questi incidenti e garantire che la giustizia sia servita prontamente”. E “senza indebito ritardo”, non soffre di “formalità o alternative inutili”.

Per tutti questi motivi, lo hanno richiesto “Le azioni (criminali) si svolgono immediatamente, rapidamente e con urgenza” nei confronti di “Guaido e collaboratori”. È anche che “la verità dei fatti è stabilita attraverso il processo giudiziario e la giustizia delle forze dell’ordine in più di 24 procedimenti penali ancora aperti” contro Guaido.

L'opposizione promuove un richiamo per rimuovere il dittatore Nicolas Maduro dal potere (Reuters / Leonardo Fernandez Filória)
L’opposizione promuove un richiamo per rimuovere il dittatore Nicolas Maduro dal potere (Reuters / Leonardo Fernandez Filória)

Infine, il gruppo dei legislatori ha chiesto, attraverso l’amministrazione della giustizia, il raggiungimento della “riparazione ereditaria del danno economico e materiale arrecato alla nazione e agli individui” da Guaido.

In questo modo sperano di recuperare “le risorse ei beni che restano nei conti bancari ei beni acquisiti direttamente dal leader dell’opposizione”.

READ  Nel mezzo della crisi della quarantena, quattro funzionari di Boris Johnson si sono dimessi

Da parte loro, alcuni ex deputati dell’opposizione si sono incontrati in un parco situato a est di Caracas, dove Guaido prende la parola per affermare che il 23 gennaio “rappresenta la lotta per ristabilire la democrazia e le libertà”.

A suo avviso, questa giornata è “un riflesso della lotta del Venezuela che non si arrende”, motivo per cui ha affermato di essere irrequieto “finché non potrà ripristinare la libertà e la democrazia in Venezuela”.

Oggi la dittatura (che Maduro è considerata praticante) ha una data di fine e il Venezuela ha una rinascita. Il nostro programma è ripristinare la democrazia. La strada per le elezioni presidenziali del 2002 a condizioni il prima possibile”, è fatta.

Con informazioni da EFE

Continuare a leggere: