Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La dieta e l’esercizio fisico possono ridurre il rischio di demenza?

Studi multidisciplinari possono finalmente rivelare se la modifica della dieta, dell’esercizio fisico e di altri fattori può ritardare il declino cognitivo (illustrazione su carta di Rina Takahashi, fotografia di Tony Sinicola/The New York Times)

Negli ultimi tre anni, ci sono stati circa 6.000 australiani di mezza età e anziani Rifare il loro esercizio quotidiano, aumentare il consumo di verdure e cereali integrali, alleviare lo stress e sfidare la propria intelligenza con esercizi al computer, tutti cercando di Mantieni la tua cognizione.

Fanno parte di uno studio clinico chiamato tieni il tuo cervello, uno dei circa 30 studi attuali o pianificati che evitano interventi farmaceutici e testano se cambierebbero molteplici aspetti di La vita dei partecipanti migliora la salute del cervello. Detti studi interdisciplinari, presenti sulla rivista Scienza, può eventualmente rivelare se la modifica della dieta, dell’esercizio fisico e di altri fattori può ritardare il declino cognitivo con l’età.E il O anche prevenire la demenza. “C’è molta speranza negli esperimenti che stiamo facendo”, afferma la psicologa Karen Anstey dell’Università del New South Wales, Sydney, uno dei ricercatori principali nell’esperimento Keep Your Brain, che dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno.

Sebbene le persone non possano sfuggire al declino mentale con l’età, Lo stile di vita ha una forte influenza sul rischio di sviluppare demenza, il tipo di grave declino cognitivo osservato in condizioni come il morbo di Alzheimer. L’anno scorso, un comitato internazionale di scienziati e psichiatri noto come Il Comitato Lancet Nel campo della prevenzione, dell’intervento e della cura della demenza, si stima che i cosiddetti fattori modificabili rappresentino il 40% del rischio di demenza. Il suo rapporto ha evidenziato dieci fattori, tra cui diversi cattivi familiari: diabete, ipertensione, fumo, obesità e mancanza di esercizio fisico. Gli esperti stanno ancora studiando esattamente come questi fattori di rischio rubano i poteri delle persone, ma hanno identificato alcuni potenziali meccanismi. La mancanza di attività fisica può influenzare la cognizione, ad esempio, perché l’esercizio mentale stimola la formazione di nuovi neuroni e riduce l’infiammazione nel cervello.

Le prove della durata di diversi anni, che hanno le migliori possibilità di rilevare un effetto su una condizione a lenta progressione come la demenza, sono molto più rare.  Fotografia: Marzio Toniolo/Reuters
Le prove della durata di diversi anni, che hanno le migliori possibilità di rilevare un effetto su una condizione a lenta progressione come la demenza, sono molto più rare. Fotografia: Marzio Toniolo/Reuters

Per decenni, gli scienziati si sono concentrati sullo sviluppo di farmaci per curare l’Alzheimer, ma dopo che diversi candidati hanno recentemente fallito negli studi clinici, “il clima si è davvero spostato sull’attenzione alla prevenzione”, spiega Kristen Yaffe, neuropsichiatra ed epidemiologo dell’Università della California. , San Francisco, Francisco. Alcuni ricercatori stanno esortando i governi a intensificare la prevenzione della demenza con misure come campagne di salute pubblica che promuovono abitudini sane. “Siamo consapevoli di alcune delle azioni che la società deve intraprendere per fare la differenza”, ha affermato la psichiatra Jill Livingston dell’University College di Londra, che presiede il comitato Lancet.

READ  La Cina ha condotto esercitazioni anfibie al largo di Taiwan dopo che i senatori statunitensi hanno visitato l'isola

L’effetto combinato dei fattori dello stile di vita è forte, ma i ricercatori mancano di prove conclusive Sostiene che la modifica di uno di essi salva il cervello. Un trilione di studi osservazionali indicano fattori che influenzano l’invecchiamento cognitivo. Possiamo dire: “X, Y, Z e questo prevengono la malattia di Alzheimer”? Non credo,” Yaffe è stato onesto.

Grandi studi randomizzati e controllati forniranno il massimo supporto per interventi specifici. Ma studi così costosi sono rari. Le prove della durata di diversi anni, che hanno le migliori possibilità di rilevare un effetto su una condizione a lenta progressione come la demenza, sono molto più rare. L’unico studio che ha dimostrato che qualsiasi intervento sullo stile di vita riduce il rischio di demenza è stato il Trial of Advanced Cognitive Training for Independent and Vital Seniors, lanciato alla fine degli anni ’90, in cui un gruppo di quasi 700 anziani ha subito 6 settimane di allenamento cognitivo per migliorare la tua velocità. Di pensare. Dopo dieci anni, l’incidenza della demenza si è ridotta del 6% rispetto ai partecipanti che non hanno ricevuto alcuna formazione. Ma i vantaggi dell'”allenamento del cervello” rimangono irrisolti e molti giochi e app disponibili in commercio mancano di test rigorosi per supportare le loro affermazioni.

Molti ricercatori concordano sul fatto che gli esperimenti interdominio come Mantieni il tuo cervello offrono maggiori possibilità di trovare effetti significativi.  REUTERS / Marzio Toniolo
Molti ricercatori concordano sul fatto che gli esperimenti interdominio come Mantieni il tuo cervello offrono maggiori possibilità di trovare effetti significativi. REUTERS / Marzio Toniolo

Gli scienziati sono ansiosi di determinare il valore di altri interventi. Studi osservazionali mostrano che una dieta mediterranea ricca di olio d’oliva, pesce e cereali integrali, ma leggera di carne rossa e zuccheri, migliora alcuni aspetti della cognizione.. Ma nessuno studio ampio, randomizzato e controllato ha testato gli effetti protettivi del passaggio alla dieta o l’ha confrontato con altri regimi promettenti, come i Dietary Approaches to Stop Hypertension (DASH), progettati per abbassare la pressione sanguigna. Uno studio di 3 anni da completare entro la fine dell’anno valuterà l’intervento della Dieta Mediterranea DASH per la neurodegenerazione, che combina la dieta mediterranea e DASH, in 600 persone di età superiore ai 60 anni che sono a rischio di sviluppare demenza. Ciò potrebbe fornire “la prima prova che il cambiamento della dieta prevenga il declino cognitivo negli anziani”

READ  I pomodori non sono naturali, sono un tesoro creato dall'ingegno umano | Scienza

Tuttavia, la maggior parte degli studi randomizzati incentrati su un solo aspetto dello stile di vita erano vuoti. Molti ricercatori concordano sul fatto che gli esperimenti interdominio come Mantieni il tuo cervello offrono maggiori possibilità di trovare effetti significativi. L’argomento è che la demenza è il risultato di molteplici cause, quindi prevenirla richiede una serie di interventi.

Un lavoro finlandese pubblicato nel 2009 ha aperto la strada al genere. Lo studio finlandese Intervention on Aging to Prevent Cognitive Impairment and Disability (FINGER) ha incluso 1.260 persone di età compresa tra 60 e 70 anni che erano ad alto rischio di sviluppare demenza a causa di fattori di rischio come l’ipertensione. La metà di loro ha partecipato a un programma intensivo per migliorare la propria dieta, la salute del cuore, l’acutezza mentale e le abitudini di esercizio. Il gruppo di controllo ha ricevuto consulenza sanitaria dagli infermieri, ma nessuna assistenza nell’implementazione.

Lo studio finlandese Intervention on Aging for the Prevention of Cognitive Impairment and Disability (FINGER) ha incluso 1.260 persone di età compresa tra 60 e 70 anni che erano a rischio di sviluppare demenza.  Fotografia: Berrochka van de Wou/Reuters
Lo studio finlandese Intervention on Aging for the Prevention of Cognitive Impairment and Disability (FINGER) ha incluso 1.260 persone di età compresa tra 60 e 70 anni che erano a rischio di sviluppare demenza. Fotografia: Berrochka van de Wou/Reuters

I risultati dei partecipanti al programma intensivo hanno migliorato i loro punteggi sui test cognitivi durante il periodo di studio di due anni Heather Snyder, vicepresidente delle relazioni mediche e scientifiche per l’Associazione no profit Alzheimer, ha affermato che un’importante conferenza sull’Alzheimer nel 2014 è stata elettrizzante. “Questo è stato il primo studio su questa scala e su questa scala a dimostrare che questi interventi sinergici possono influenzare la cognizione”. Due studi simili condotti nei Paesi Bassi e in Francia hanno suggerito un beneficio cognitivo In un sottogruppo di persone a rischio di sviluppare demenza. Nessuno sa quanto durano gli effetti o se gli interventi prevengono la demenza, ma il continuo rilevamento delle dita dei partecipanti può offrire alcune risposte.

READ  Nuovi musical, opere raffinate e un flusso di arte contemporanea a Madrid

Ora gli scienziati di altri paesi organizzano esperimenti su misura per i sistemi e le abitudini dei loro abitanti. Uno degli obiettivi del programma Keep Your Brain è determinare se gli interventi multidominio possono essere condotti da remoto. I partecipanti accedono al sito di prova per ricevere formazione, accedere a materiali come presentazioni di cucina e registrare i propri progressi.

Lo studio statunitense Protecting Brain Health with Risk Reduction Lifestyle Interventions, che si concluderà nel 2024, mira a replicare i risultati dello studio FINGER nella popolazione statunitense. Con una maggiore diversità razziale ed etnica. Verificherà se le persone si comportano meglio quando impostano un determinato piano o quando sono libere di personalizzare il proprio piano. “Se potessimo creare un programma sostenibile accessibile a tutti… sarebbe un enorme successo”, afferma la neuroscienziata cognitiva Laura Baker della Wake Forest School of Medicine, che sta conducendo lo studio.

Non è stato ancora dimostrato se i cambiamenti dello stile di vita possano fermare la demenza o il declino cognitivo, ma Becker si aspetta una serie di nuove prove. Sperava che “nei prossimi 10 anni vedremo se lo stile di vita funzionerà o meno”.

continuo a leggere: