Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giro d’Italia: Nairo Quintana: “Il Giro d’Italia è stato uno spettacolo colombiano” | Gli sport

Nero Quintana Prepararsi per la partecipazione a Criterium Dauphine che inizia domenica 30 maggio, come introduzione a quello che sarà Giro in Francia. In precedenza, era un ciclista di Arkia Samsik A cui si fa riferimento in questa edizione di tour in italiaChi ha il colombiano Egan Bernal Sulla strada per essere incoronato campione a Milano.

In conferenza stampa, il 31enne ciclista È stato toccato dalla gioia che il Giro d’Italia ha regalato alla Colombia, dando importanza alle regole che hanno lasciato grandi rappresentanti dei “coleotteri” nei grandi tour.

Potresti essere interessato a:

“Era uno spettacolo colombiano. Sono molto felice per il paese, per tutte le persone, perché quel tipo di felicità arriva al popolo colombiano di cui abbiamo così tanto bisogno. Da quando ho iniziato a vincere i Grandi Giri, abbiamo lasciato un seme nel tempo e oggi possiamo vedere i frutti di quello che Abbiamo piantato Akbar, guardiamo spettacoli colombiani e diamo l’esempio ai bambini‘, ha confermato.

Prima dell’incoronazione definitiva di Egan Bernal a Milano, che rappresenterà Secondo titolo al Giro d’Italia per la ColombiaCairo ha salvato la performance Daniel Martinez, che era essenziale per il leader della corsa.

“Emozionante. Finalmente tutto fa parte della storia e, si spera, molto ricco, con molti titoli e non solo uno o due, ma saranno molti di quel seme”. È così importante per la nostra storia e la certificazione di chi siamo. Non solo il vincitore, ma anche una serie di corridori che sono sempre stati buoni campioni per tutta la gara. Pochi conoscono Daniel Martinez e noi lo conosciamo e non sorprende che sapessimo cosa poteva fare“, ha espresso.

READ  Arturo Vidal compare in un'inchiesta contro la mafia italiana

Nello stesso modo, Nairo ha fatto riferimento alla situazione attuale nel paeseSperando di essere un balsamo di fronte alla crisi che stai attraversando.

Eccitato per la vittoria della Colombia. Si spera che possa essere un balsamo per gran parte della nostra apatia. Che sia un trionfo di unità, uno sprone per andare avanti e continuare a mostrare al mondo che non siamo ciò che viene fuori davanti al mondo che ci fa torto. Siamo tutti colombiani e in un momento di crisi non possiamo assistere a un’altra crisi”.

Infine, ha analizzato Corridori forti che incontrerai al Critérium del Dauphiné.

“Siamo in buona forma. Speriamo di continuare a guidare e crescere in condizioni come abbiamo pianificato il tour. Ogni volta che c’è concorrenza, ci sono buoni concorrenti. Il concorrente più forte è l’Ineos, vengono con un gruppo di corridori forti. Anche il team Movistar arriva con buoni piloti, con Miguel Ángel López che viene dalla vittoria“, è finita.