Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La decisione ufficiale di firmare accordi fiscali con altri paesi ha suscitato polemiche: attira investimenti o danneggia il fondo di investimento estero?

La decisione ufficiale di firmare accordi fiscali con altri paesi ha suscitato polemiche: attira investimenti o danneggia il fondo di investimento estero?

La decisione del governo di firmare nuovi accordi fiscali con altri paesi ha suscitato polemiche: questi accordi attirano investimenti o causano una perdita di entrate?

In seguito alla decisione del governo di concludere accordi con diversi paesi per evitare la doppia imposizione, è scoppiata nuovamente la controversia sul pagamento delle imposte da parte delle imprese straniere. La chiave è determinare se questi accordi favoriscono l’attrazione degli investimenti o danneggiano il Tesoro con minori entrate.

Questi gli accordi siglati dall'AFIP tra il 2018 e il 2019 durante il governo Maurizio MacrìMa non è entrato in vigore perché il Parlamento non l’ha ratificato. Ora, nell'ordine del giorno delle sessioni straordinarie, se ne sono inserite diverse: con il Giappone, la Cina, il Lussemburgo, gli Emirati Arabi Uniti e la Turchia.

Questi si aggiungono a quelli già in atto con Germania, Australia, Belgio, Bolivia, Brasile, Cile, Danimarca, Spagna, Finlandia, Italia, Messico, Norvegia, Paesi Bassi, Qatar, Regno Unito, Russia, Svezia e Svizzera.

“Gli accordi internazionali per evitare le doppie imposizioni sono accordi bilaterali attraverso i quali viene distribuito il potere fiscale per evitare che la stessa imposta venga imposta due volte sui redditi prodotti in uno dei paesi firmatari, favorendo il flusso di investimenti e fornendo maggiore sicurezza giuridica ai potenziali investitori”, nota il Ministero dell’Economia sul suo sito web.

Considerata la decisione di aggiungere ulteriori accordi, l'ex capo delle dogane ha affermato: Guglielmo MichelHa criticato il governo affermando che il paese avrebbe perso entrate e assicurando che i grandi contribuenti fossero favoriti rispetto a quelli piccoli.

Guillermo Michel, ex capo della dogana

“Finiranno per imporre più tasse sul reddito alla PMI di Berazategui che a una multinazionale con sede in Lussemburgo e operante in Argentina, motivo per cui penso che questo sia incoerente”, ha detto il funzionario amministrativo. Sergio Massa.

Di fronte a questa reazione, ha consultato esperti fiscali informazione Hanno sottolineato che gli accordi sono importanti per incoraggiare gli investimenti, ma devono essere inseriti in un contesto macroeconomico organizzato.

READ  "Nessuno può giudicarci fornitori di materie prime fabbricate da altri"

Cecilia GoldembergAndersen ha affermato che “gli accordi in vigore sono 21; L'accordo firmato con la Turchia non contiene la clausola della nazione più favorita, mentre l'accordo firmato con il Giappone prevede di applicarla, ma solo su richiesta di questo paese.

“Ciò rappresenta un cambio di rotta per quanto riguarda la possibilità di generalizzazione dei benefici a beneficio di tutti gli Stati contraenti su un piano di parità. Ha spiegato che l'accordo DTA con il Giappone non include l'assistenza tecnica nel concetto di royalties, il che implica un vantaggio significativo che può essere esteso ad altri accordi DTA con una clausola su più paesi.

Inoltre, ha spiegato, “in Argentina si applicano tassi nominali molto elevati nel caso di pagamenti di interessi all’estero su prestiti non bancari (35%) o commissioni per l’uso di marchi o assistenza tecnica (28% o 31,5%)”.

“Si tratta di tasse generalmente a carico dell'impresa locale indebitata o del destinatario degli aiuti, che aumentano in modo sproporzionato il costo di accesso al credito o alla tecnologia. È bene tenere presente che l'imposta è un costo aggiunto all'equazione di ogni impresa.}

Florencia Misrahi, Presidente dell'AFIP

Ha aggiunto: “Gli accordi ci permettono di aggirare un sistema volto a proteggere eventuali frodi da parte di un altro soggetto con oneri fiscali moderati, pur considerando il diritto di riscuotere l'imposta per il Paese, ma senza ostacolare la possibilità di portare a termine il processo”.

Allo stesso tempo, Sebastian Dominguez della DSC Ha affermato: “Gli accordi per prevenire la doppia imposizione sono buoni strumenti per incoraggiare gli investimenti in generale”. Pertanto non è male firmare più accordi di questo tipo”.

Mentre, Cesare Litvin“Questi accordi cercano di riportare l'Argentina nel moderno mondo degli affari e cercano di attirare investimenti per creare posti di lavoro, ridurre la povertà e raggiungere la mobilità sociale ascendente dopo che il governo uscente ha spaventato gli investimenti”, ha detto il capo dello studio Lisicki, Litvin e Associateados . Con controlli, divieti e restrizioni”.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

“Con la validità di questi nuovi indicatori di sviluppo del capitale, si è tentato di portare l'Argentina nel radar delle multinazionali affinché investano capitali senza dover pagare due volte l'imposta sul reddito”, ha spiegato.

“Gli accordi per evitare la doppia imposizione sono buoni strumenti per incoraggiare gli investimenti in generale. Pertanto, non è male firmare più accordi di questo tipo” (Domínguez)

Riguardo all'accordo con il Giappone, Litvin ha sottolineato che “questa decisione si basa sul modello OCSE del 2012, che a questo proposito è mantenuto nel modello del 2017, che è il modello attuale, che raccomanda di non effettuare trattenute alla fonte sulle royalties. E quindi su e per qualsiasi Il concetto è assorbito in questo, come nell'assistenza tecnica.

Ha spiegato: “Cioè, le royalties dovrebbero essere tassate solo nel paese di residenza fiscale del cedente di beni immateriali, e non dell’utente o del cessionario”.

Per quanto riguarda l'accordo con il Lussemburgo, ha spiegato che “questo accordo CDI non prevede un'esenzione fiscale totale su dividendi, interessi o royalties, ma piuttosto tassi più bassi per casi specifici come il caso degli interessi sui debiti commerciali”.

“Per quanto riguarda la clausola della nazione più favorita, percepita come fraudolenta o contraria agli interessi dell’Argentina, va notato che queste clausole sono clausole comuni negli accordi dal 2005 e hanno lo scopo di fornire loro la certezza giuridica che i contratti bilaterali o multilaterali possono avere”, ha detto. “Hanno queste asce da oltre 100 anni”, ha detto Litvin a un partner dello studio. Alfredo Martinez.

Ha subito spiegato che “ci sono accordi che hanno clausole che prevedono la trattenuta delle royalties, ma poiché contengono la clausola della nazione più favorita e non può esserci un vantaggio diverso tra paesi, se l'accordo con il Giappone trae vantaggio da questo approccio, si applicherà ad altri.”

READ  Cuauhtemoc Blanco: La difficile caduta di un idolo nazionale accusato di arricchimento illecito

“Normalmente, gli accordi tengono conto delle spese di assistenza tecnica, che è specificamente ciò che è escluso in questo accordo, e poi trattengono fino a un massimo del 10% in generale. Ciò non si applica alle royalties pagate dalle società giapponesi”, ha spiegato .

“Nell'accordo con il Giappone c'è un trattamento delle royalties che non è comune in altri accordi. Pertanto, una società argentina che paga royalties a una società giapponese non tratterrà l'imposta sul reddito, perché si considera che non esiste una fonte argentina.”

“In Argentina si applicano tassi nominali molto elevati nel caso di pagamenti di interessi all’estero su prestiti non bancari (35%) o commissioni per l’uso di marchi o assistenza tecnica (28% o 31,5%)” (Goldemberg)

Andris Edelstein, coautore dello studio che porta il suo nome, ha sottolineato che gli accordi “sono strumenti di politica fiscale”. Con le dovute precauzioni e tempistiche, sostengono il flusso degli investimenti e del commercio.

da parte vostraDiego Fraga “È sempre una buona notizia che l’Argentina stia espandendo la sua rete di accordi internazionali su questo argomento”, ha affermato Expansión. “Incoraggiano gli investimenti, perché forniscono una certa sicurezza in alcune questioni fiscali. Hanno un significato speciale quando vengono celebrati in economie strategiche come Cina e Giappone”.

“In pratica, quando un’azienda viene da un altro Paese, o quando c’è un cliente che intende investire in un altro Paese, avere un accordo è un elemento importante che facilita gli scambi, ma che di per sé non determina se verranno o meno “, ha spiegato. “Non è un investimento.”

“È uno strumento che aiuta molto, ma se la macroeconomia salta o non ci sono altre condizioni per la sicurezza giuridica, come nel caso dell'Argentina, rappresenta un incentivo minimo”, ha spiegato l'avvocato.

Lo considera, inoltre, “un elemento opportuno anche a livello internazionale, nell'ambito del sistema di promozione degli investimenti; “Non è la stessa cosa che avere pochi accordi, soprattutto con gli Stati centrali”.