Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Juan Bravo (Viceministro dell’Economia del Popolo): “Tagliando 15 miliardi di spesa improduttiva si pagano le pensioni”

In attesa dell’esauriente conoscenza del supplemento che il Governo invierà a Bruxelles a gennaio, elEconomista.es Ha parlato con il vicesegretario economico del Partito Popolare, Juan Bravo. Il senatore ed ex ministro dell’Economia e delle finanze della giunta andalusa non ha, fino a poco tempo fa, analizzato solo l’attuale situazione economica. Il senatore ha apprezzato anche la gestione del denaro della prossima generazione, e allo stesso tempo è stato propositivo e ha rivelato alcune ricette economiche del partito guidato da Alberto Núñez Figo.

Avremo una recessione?

Siamo qui per aiutare le famiglie. Oggi le famiglie pagano più luce, più gas, più mutui e più in carretta, eppure il loro reddito non è aumentato di queste proporzioni. Questo ha certamente implicazioni per l’economia. Devi solo vedere che la Spagna è il paese dell’UE che non si è ripreso dalla situazione prima dell’epidemia, che è la situazione di cui soffre la Spagna.

Siamo di fronte alla stagflazione?

L’economia è stagnante e l’inflazione sembra essere fuori controllo. Siamo nello scenario peggiore che possa accadere, ovvero la famosa stagflazione. Spero che la situazione sia positiva. Ma non è stata intrapresa alcuna azione e la soluzione è la correzione.

Cosa dovrebbe fare la Spagna di fronte alla dipendenza energetica?

In primo luogo, era ideologia e più tecnologia. Cosa non può essere che la decisione del governo in materia nucleare limiti la vita delle centrali nucleari, mentre in Spagna rappresenta il 20%. In secondo luogo, abbiamo un’enorme opportunità nel campo delle rinnovabili, e si scopre che l’ultima asta lanciata dal governo, per 3.000 megawatt, ha venduto appena 50 megawatt. In altre parole, non verranno investiti 2.500 milioni di euro. Verranno altri investimenti, ma non quello. E in terzo luogo, c’è l’idrogeno verde. Ed ecco la Spagna nell’ideologia. Rallenta l’intero processo. Si vede che il governo di Pedro Sanchez non dà risposte.

READ  Le vendite di auto nuove in Europa scendono al livello più basso degli ultimi 26 anni

Pensi che l’Agenda 2030 debba essere impostata in un altro modo?

Nessuno discute cosa, ma come e forme, tempi. Stiamo parlando di auto elettriche, ma la velocità di implementazione dell’auto elettrica non corrisponde affatto alle cifre sollevate dal governo. Ne ha parlato il presidente Alberto Núñez Figo. Oggi abbiamo veicoli con un’età media di 13,5 anni. Bene, nel processo, un’auto di un anno e mezzo inquina molto meno di una di 13 anni e mezzo. Pertanto, in questo processo di riduzione dell’inquinamento, ci sono percorsi intermedi di cui dobbiamo tenere conto. Anche la signora von der Leyen, guardando agli Stati Uniti, dice che dobbiamo esaminare le cose. Dovresti anche analizzare tasse, tempistiche e incentivi.

Calvino dice che la Spagna è molto interessante per gli investitori

Qualsiasi investimento che arriva in Spagna è importante. Ma rivediamo. Parli di 3.000 megawatt di investimento, che non arriveranno in Spagna. Il presidente ha annunciato una fabbrica cinese di batterie in Estremadura, che sappiamo già che non ha in linea di principio. Se si guarda al PERTE per l’auto elettrica, si scopre che dei 2900 milioni che c’erano, appena 280 sono stati aggiudicati, e di quei 280 milioni alcuni progetti sono già caduti. Quindi non ho questa sensazione. Lei (Calvino) deve venderlo, ma non credo che la Spagna, con questa insicurezza legale, con questo processo in cui il governo inventa le tasse ogni settimana, cambia le regole del gioco, non ascolti il ​​concetto di pubblico -cooperazione privata, e le aziende sono demonizzate.. Questo scenario non sembra essere il migliore per attrarre le aziende.

READ  La realtà economica del Guatemala - Prensa Libre

I fondi di nuova generazione sono produttivi?

Con questi fondi e con i fondi strutturali, da qui al 2027, la Spagna ha un’opportunità di investimento di 200.000 milioni di euro. Né Zapatero né Rajoy ce l’avevano. nessuno. Cosa suggeriamo? La prima cosa: la cogovernance, quel lavoro congiunto di CCAA e comuni con il settore privato. in secondo luogo, la cooperazione pubblico-privato; Terzo: l’organizzazione amministrativa dei fondi. Nel documento di aprile abbiamo già introdotto gli incentivi fiscali, come hanno fatto la Germania e l’Italia, e questo ci permette di andare avanti più velocemente con l’attuazione e dedicare meno lavoro alle pratiche amministrative e più agli investimenti. Possiamo anche beneficiare attraverso prestiti. Devi lavorare in modo finanziario. Facciamo qualcosa di simile a quello che ha fatto la BEI.

Siamo puntuali?

Con il governo Sanchez, non siamo in tempo per restaurare la prossima generazione. Con un altro governo, vi assicuro, la prossima generazione e gli altri fondi saranno una priorità e verranno implementati. Non ho dubbi.

Immagina che domani sei il ministro dell’Economia e devi inviare l’addendum a Bruxelles. A cosa darai la priorità?

Prima di tutto, siediti con il CCAA, i municipi, i sindacati, i datori di lavoro e gli enti finanziari. Chiediamo alle entità finanziarie di essere coinvolte, come fa un ICO, in una percentuale di questi importi, in modo che ci sia una responsabilità congiunta per i rischi, e da lì, cerchiamo di trasmettere l’opportunità che è a disposizione di tutti. Sono prestiti che devono essere rimborsati fino al 2058. Immaginate 36 anni di spazio per i progetti di trasformazione che chiede la Spagna. Perché l’Europa non ha chiesto cosa sta facendo la Spagna, che è il piano di Zapatero E.

READ  Federico Isgro e il vino in onore degli antenati italiani - Mendoza News

Che cos’è il piano economico PP?

Sei punti. Il primo è impegnato in un sistema fiscale orientato all’occupazione e alla crescita. Non si tratta di tagliare le tasse solo per il gusto di abbassarle. Il secondo è ridurre la spesa politica in eccesso. Abbiamo scenari come quello mostrato dall’IEE con un valore di 60.000 milioni di euro. Ma lasciamolo a 15.000 milioni. Ad esempio, per le pensioni. Abbiamo anche il rapporto AIReF, che parla di 104.000 milioni di recensioni, e di quei 104.000 milioni, afferma che 25.000 avevano una gestione migliore. Bene, lasciamolo nel mezzo, a 12,5 miliardi. O i 252 milioni di dollari che hanno aumentato il costo dei consulenti governativi. Terzo: Semplificazione del lavoro burocratico, a cui va aggiunta anche una profonda riforma dell’amministrazione, con l’introduzione della tecnologia. Quinto, crescita. Abbiamo spazio per crescere e abbiamo più PIL come l’Italia e la Germania. È necessario identificare le questioni dell’energia, dell’industria e del turismo. Infine, abbiamo aree con margini di miglioramento e tutto ciò dovrebbe essere orientato al personale. Guarda, se avessimo il livello medio di disoccupazione nell’Unione Europea, ciò significherebbe che 1,6 o 1,7 milioni di spagnoli lavorerebbero in questo paese.