Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Javiera Gomez si è qualificata troppo, il suo punteggio elevato le rende difficile giocare in Cile

La giovane Valdivian è costretta a tornare a giocare in Europa per mantenere il suo livello, ma ha bisogno di una sponsorizzazione che le permetta di continuare a difendere il Paese.

È già in Valdivia con la sua famiglia, è serena e orgogliosa della sua ultima scacchiera, è una bellissima modella con pezzi di cani e gatti vestiti a festa che è entrata in un negozio a Venezia e si è unita a molte delle altre scacchiere che possiede. “L’ho visto e me ne sono innamorata”, ha detto la diciannovenne Javiera Gomez.

La scacchista, dopo aver vinto 140 punti nei tornei in cui ha gareggiato in Europa, e aver migliorato la sua classifica ELO dal 2083 a oltre 2.200, si scopre che ora sarà molto difficile giocare tornei in Cile o in Sud America a causa di il suo punteggio più alto.

Secondo quanto ha detto a Diario de Valdivia, i tornei di scacchi in Cile si giocano da 2100 ELO fino a prestazioni di giocatori di livello, ma ora Valdivian ha superato quel limite, quindi dovrebbe cercare di giocare di nuovo.All’estero per la prossima stagione, anche se la prossima estate dovrebbe gioca ai Campionati Nazionali.

classificazione

Ciò che può risaltare dei quattro tornei che ha giocato è la sua graduale ascesa da quando ha iniziato ai Mondiali femminili di Sochi (Russia) e successivamente al Bell (Svizzera) Open, Spielbergo (Italia) e Barcellona (Spagna), la giocatrice disse. ), dove riuscì a sconfiggere un grande maestro. “Tutto lo studio che stavo facendo ha finalmente reso possibile questo enorme rialzo della classifica internazionale”, ha espresso l’atleta, “ho pareggiato con il Gran Maestro nel campionato svizzero e lui aveva 2508 e nell’ultimo campionato a Barcellona ho battuto Danyyl Dvirnyy, un GM italiano Ed era alle Olimpiadi degli scacchi e ha ottenuto più di 400 punti da me. Era la prima volta nella mia vita che battevo un grande maestro in un torneo di questo tipo. È stato fantastico! Ero molto sorpreso dai buoni risultati che ho ottenuto perché non mi ero mai avvicinato a questo prima”.

READ  Più fiducia per il paziente

Valdivian sta attualmente lavorando con uno staff che la consiglia, dall’allenatore argentino Sandro Marico e dalla psicologa Laura Traverso.

campionati epidemiologici

Fin da piccola, Javiera Gómez è stata un’instancabile viaggiatrice di scacchi in rappresentanza del Cile, ma una delle situazioni che ha reso diverso questo nuovo giro d’Europa è stato giocare in condizioni di sicurezza sanitaria, soprattutto tenendo la maschera per 4 o 5 ore senza interruzione dal gioco . “È diverso vedere solo l’aspetto della persona per vedere l’intero viso… Con la maschera è difficile notare le reazioni, ma ci si doveva abituare. Dovevo andare”, ha detto il giocatore di scacchi, che ha aggiunto che si è tolta la maschera solo per idratarsi in mezzo ai fiammiferi, ce l’ha dappertutto e io non l’ho mai tolta.

Un altro aneddoto è stato quell’inaspettato premio a Barcellona come secondo miglior interprete per i giocatori sotto i 2100 ELO, l’occasione in cui è stata esposta la bandiera della Valdivia. “Questa bandiera mi è stata data dal sindaco Carla Amtmann. Mi ha reso così felice che è venuto a salutarmi alle 7 del mattino a casa mia, è stato un gesto molto carino. (A Barcellona) ho alzato la bandiera perché era il l’ultimo torneo che ho giocato ed è stato il culmine dell’intero round e ho vinto un premio, e lei era nel momento migliore e io ero l’unica donna che è stata premiata”, ha commentato.

torcia europea

La prestazione di Valdivian non è passata inosservata agli occhi degli scacchisti europei e per lo stesso motivo, se la giovane voleva continuare ad alzare il suo livello, doveva tornare nel vecchio continente che, a dire il vero, la stava seducendo. Chissà se in futuro un Paese si offrirà di giocare per loro e non per il Cile?

READ  Nuove branche del sapere in salute: ecco come si distribuisce

“Lì (in Europa) ci sono più possibilità di giocare con persone con rating più alto, ci sono più giocatori con rating più alto quindi è un’enorme opportunità per giocare lì, e la cosa brutta è che siamo troppo lontani, il che è un enorme svantaggio qui e non lì per essere competitivo. Più regolare”, spiega.

A ciò si aggiunge che Javiera Gómez, superando i 2.200 punti di rating, rende difficile giocare i tornei in Cile, perché “ci sono troppi tornei che sono meno di 2.200 ELO ed escludono tutti i giocatori da 2.200 in poi. Ce ne sono pochissimi di loro”, ha detto il talentuoso giocatore. Tornei aperti a cui ogni giocatore può partecipare, quindi non ho altra scelta che viaggiare e cercare di segnare più punti”.

Javiera Gomez ha sottolineato che stabilirsi e giocare in Europa è “il sogno di ogni giocatore di scacchi”. In Spagna, ha visto il movimento intorno agli scacchi e il gran numero di club e ha capito che le sarebbe piaciuta l’idea di un altro paese che la invitasse a giocare con loro. “Se qualcuno mi assicura che mi sosterrà sicuramente e mi assicurerà che posso allenarmi con i miei insegnanti tutto l’anno o che mi sosterrà nelle competizioni mondiali o statunitensi, sarebbe perfetto”, ha detto.

Sul futuro, Valdivian è chiaro: “Voglio continuare a giocare a scacchi, non ci devo più pensare”.

La giocatrice attualmente insegna Scienze Motorie nella sua ex scuola Domus Mater e online a ragazzi e ragazze di altre città e si rende conto che insegnare il gioco è diventata un’altra passione. Javiera Gómez è la cilena con il miglior ranking internazionale e la prima cilena a giocare nella Coppa del Mondo femminile, quindi non sarebbe irragionevole pensare che altre federazioni nel mondo la metterebbero gli occhi addosso e le darebbero supporto nel loro desiderio fare così. Per vivere di questo sport sono incantati.

READ  Conferenza internazionale sulla cucina tradizionale messicana

Se utilizzerai contenuti del nostro giornale (testi o dati) in qualsiasi mezzo di comunicazione, blog o social network, specificane la fonte, altrimenti commetterai un reato punibile dalla legge n. 17336 sulla proprietà intellettuale. Quanto sopra non si applica a foto e video, in quanto la loro riproduzione a scopo informativo è severamente vietata.

Potrebbe interessarti