Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: La mossa renderà gestibili dipendenti pubblici e privati ​​dal 15 ottobre, quando sarà obbligatorio il pass sanitario per andare al lavoro.

Da Roma

Dal 15 ottobre al 31 dicembre, El Green BossCioè un certificato rilasciato dal Ministero della Salute italiano quando una persona è stata vaccinata contro il doppio gozzo, sarà obbligatorio Per i dipendenti pubblici e privati ​​e per chi ne è sprovvisto, non potranno andare a lavorare e perderanno lo stipendio, saranno sospesi e perderanno il proprio lavoro.

L’effetto reale e psicologico di questa azione fu immediato. Apparentemente, molte persone hanno paura di perdere il proprio lavoro sapendo che l’epidemia ha gravemente danneggiato le economie dei paesi e delle famiglie. Sabato scorso, il giorno dopo che il governo ha approvato l’ordinanza, “il numero delle persone che hanno ricevuto la prima dose del vaccino è aumentato dal 20 al 40% rispetto al sabato della settimana precedente”, ha commentato Francisco Figliulo, commissario straordinario dell’emergenza Kovid. Cioè, il sistema che controlla la progressione dei vaccini e delle infezioni in generale. Fino ad oggi, Quasi 41 milioni di italiani, ovvero il 75,64% della popolazione con più di 12 anni, hanno completato il ciclo vaccinale. Secondo quel sistema.

Il ministero della Salute italiano ha affermato che la circolazione del virus di tipo delta (in alcuni Paesi ancora denominata variante indiana) è “diffusa in Italia”, aggiungendo che la variante “esiste in Europa ed è associata ad un aumento del numero di casi, anche in Paesi ad alta copertura vaccinale”. In effetti, non solo in molti paesi europei, ma anche in questo caso le persone vaccinate potrebbero essere colpite. Ma di solito i casi non sono così gravi e le persone non vengono ricoverate in ospedale. “L’ampia copertura dei vaccini e il completamento del doppio ciclo di vaccinazione è uno strumento chiave per prevenire nuovi episodi dell’aumento del ciclo del virus ed è sostenuto da varianti contagiose”, ha affermato il ministero della salute.

READ  Il 14% della popolazione italiana è già contagiata

Anti-vaccini

Oggi, Una buona parte dei detenuti in Italia, e molti di loro che non sono stati vaccinati in terapia intensiva, sono “senza cera”. Uno dei casi più recenti è stato pubblicizzato, ma non solo, a L’insegnante di una scuola di Treviso (nordest Italia), l’incredulo e No Vox, Ha detto che i suoi studenti della scuola non avevano virus e solo gli anziani avevano il problema. A gennaio è stato sospeso come insegnante a causa di questi “insegnamenti”. Recentemente Alla maestra Kovit è stata diagnosticata la malattia ed è stata ricoverata all’ospedale di Maestro, vicino a Treviso, in condizioni critiche.

Fino a questa domenica i nuovi casi di fagiolo dall’occhio in tutta Italia sono stati 3.838 (4.578 sabato), 4.459 (18 in meno rispetto a ieri) e 530 (11 in più rispetto a ieri) nel reparto di terapia intensiva. Il maggior numero di casi è stato segnalato in Sicilia (538), Toscana (418) e Veneto (364) nelle ultime 24 ore.

Ordina su Green Pass

Nonostante inizialmente si sia molto discusso sulla validità del Green Pass e successivamente sull’obbligatorietà di tale certificazione nei luoghi di lavoro, l’ordinanza è stata approvata anche con i voti della Lega di Matteo Salvini. Uno dei ministri dell’attuale governo, un membro della Lega, il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giergetti, è stato molto soddisfatto dell’ordinanza approvata dal governo. Ha dichiarato che l’applicazione del Green Pass in altre aree, come il lavoro, “aiuta ad aumentare la libertà”, il che implica che le persone saranno al sicuro, libere di interagire con gli altri e di non indossare maschere. Salvini, invece, non sempre è stato d’accordo e ha criticato il governo, di cui faceva parte il suo partito. Ma con Georgette si schierarono a sostegno molti sindaci e dirigenti della Lega del nord Italia. C’è chi lo pensa C’è una profonda spaccatura all’interno della LegaPotrebbe perdere voti alle elezioni comunali del 3 e 4 ottobre. Grandi città come Roma, Milano, Torino, Bologna e Napoli sono incluse in queste elezioni in 1.162 comuni in tutto il paese.

READ  Italia | Lunghi primi passi per una nuova natura

Secondo le regole del Green Pass, questo ordine stabilisce che il Green Pass è utilizzato per entrare nei luoghi di lavoro pubblici e privati ​​con autisti di autobus, personale di ristorazione, uomini d’affari, professori e insegnanti, tra gli altri. Se un dipendente, privato o pubblico, non è in possesso di tessera verde, non potrà recarsi al lavoro e la sua retribuzione verrà rescissa dopo il primo giorno di lavoro imprescindibile. Dal quinto giorno di assenza il rapporto di lavoro è sospeso ed eventualmente ripristinato al superamento del Green. Per i lavoratori autonomi funzionerà allo stesso modo.

Anche parlamentari, delegati e senatori devono avere un lasciapassare verde per entrare nel mondo del lavoro. Ciò vale per i dipendenti di Comuni, Regioni e Province oltre che per altri uffici pubblici.

Ad esempio, se una persona chiama un idraulico per le riparazioni domestiche, ha il diritto di chiedere un pass verde. Anche i tassisti dovrebbero averlo, ma il diritto di richiederlo non spetta al cliente ma ai direttori della compagnia di taxi. Se un datore di lavoro non adempie all’obbligo richiesto per un pass verde da parte dei suoi dipendenti, corre il rischio di una multa da 400 a 1.000 euro.

I test anticoagulanti rapidi che molti sindacalisti hanno chiesto di rendere liberi al governo non lo saranno per ora. Fatta eccezione per coloro che sono molto fragili e non possono essere vaccinati per motivi di salute. Per loro, che vorranno farlo ancora e ancora, sarà gratis. Allo stesso modo, i prezzi diminuiranno dal 15 ottobre, che ora è di 22 euro per un test rapido. Solitamente sono 15 euro e 8 euro per i minorenni.

READ  Biden per consegnare il discorso presidenziale al Congresso

Il Green Pass è valido 15 giorni dopo la seconda dose, fino a 12 mesi. Ma fino al 15 ottobre verrà concesso un pass verde temporaneo dopo la prima dose e fino alla seconda. Ne varrà la pena un anno dopo la seconda dose.