Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia è stato il primo Paese occidentale a vaccinare tutti i lavoratori

L’Italia è già il primo Paese del mondo occidentale ad obbligare i cittadini a vaccinarsi nelle aziende private o nel settore pubblico per andare a lavorare o fornire servizi a domicilio. I dipendenti, infatti, dovrebbero conservare correttamente il proprio certificato di tatuaggio, che sostanzialmente attesta il vaccino o gli ultimi due giorni di certificazione con esito negativo. Tuttavia, questa opzione non è praticabile per l’uso quotidiano per scopi professionali, motivo per cui le regole di somministrazione sono una formula tecnica progettata per convincere le persone a porre fine alla vaccinazione e alla resistenza decisa. L’Italia era già stata pioniera in Europa introducendo lo scorso aprile la vaccinazione obbligatoria per gli operatori sanitari. Qualche settimana fa ha fatto un passo avanti e ha introdotto l’uso obbligatorio del certificato governativo anche per gli insegnanti.

Dal 15 ottobre la condotta sicura sarà obbligatoria per tutti i lavoratori, un settore che comprende 23 milioni di persone. Non importa se sono lavoratori autonomi, servizi a domicilio come idraulici o badanti, se lavorano in aziende multinazionali o sono dipendenti pubblici di gestione. Sono esentati solo i lavoratori autonomi che lavorano da casa. Nel caso di dipendenti, il lavoratore verrà rimandato a casa se il certificato non è disponibile. Se non lo invii entro cinque giorni, il tuo stipendio sarà sospeso e potresti essere multato fino a 1.000 1.000. La possibilità di destituirlo dal tavolo è stata esclusa in quanto incostituzionale. Datori di lavoro che devono organizzarsi creando determinate immagini dedicate al controllo. In caso contrario si esporrà alle stesse punizioni. In una conferenza stampa a cui hanno partecipato i responsabili della giustizia, della sanità e degli affari regionali, il ministro della Pubblica amministrazione ha dichiarato: “Questo è senza precedenti in Europa”.

READ  Mourinho e Allegri stanno facendo una guerra tecnologica in Italia

Tuttavia, la mossa non ha eguali nel mondo occidentale al di fuori dell’Europa. Una settimana fa gli Stati Uniti hanno imposto l’obbligo di vaccinare 100 milioni di lavoratori. Si tratta di dipendenti in aziende con più di 100 persone e dipendenti federali. Ma in ogni caso l’Italia non ha ancora raggiunto il culmine della norma, che lo farà, prima di escludere solo chi consegna o vaccina per motivi medici). Lo stesso mandato, infatti, impone la riduzione del costo dei test: zero euro per chi non può essere vaccinato, otto per i minorenni e i maggiorenni, fino al 31 dicembre. L’idea di estendere la certificazione è quella di placare i circa tre milioni di lavoratori che non hanno ancora deciso sulla necessità di ottenere vaccino resistenza e siero.

Il certificato Govt, o green pass, conosciuto in Italia, è già diventato uno strumento essenziale per la vita di tutti i giorni. In breve, questo è l’obbligo generale di vaccinazione per la popolazione. Ma la Costituzione è alquanto dubbia e senza ricorrere a una mossa che creerebbe riluttanza in alcune aree. Maria Stella Gelmini, responsabile degli affari regionali, ha poi dichiarato al Consiglio dei ministri: “Questo certificato è uno strumento per tutelare i luoghi di libertà che abbiamo così instancabilmente conquistato”. Devi già cenare all’interno di ristoranti, entrare in teatri, musei, cinema e palestre o viaggiare sui treni a lunga percorrenza. In Italia, il 65% dei 60 milioni di persone del Paese ha un programma di immunizzazione completo e il 73% è stato vaccinato con almeno una dose. Queste cifre sono leggermente superiori alla media UE: Il 60% ha un regime completo e il 66% ha almeno una dose. L’amministrazione sta gradualmente ampliando le sue applicazioni, non escluse le proteste. Il solo atteggiamento di incaricare solo i dipendenti pubblici ha già provocato in questi giorni lotte e conflitti con i sindacati.

READ  Una statua di una contadina in Italia incita a molestie sessuali
Un poliziotto controlla il certificato verde di una donna alla stazione ferroviaria di Milano Porta Garibaldi.
Un poliziotto controlla il certificato verde di una donna alla stazione ferroviaria di Milano Porta Garibaldi.Luca Bruno / AB

Il principale attrito all’interno dell’esecutivo della coalizione si è verificato con la lega di Matteo Salvini, che fino all’ultimo era in dubbio se avrebbe sostenuto la mossa. Una parte dei suoi elettori rifiuta l’idea del comportamento sicuro e della vaccinazione obbligatoria. Ma l’altra metà, soprattutto quelli appartenenti alla Vecchia Lega Nord e vicini al mondo degli affari, sono stati spinti da governatori di regioni come il Friuli-Venezia Giulia o il Veneto ad accettarlo.

L’offerta rappresenta una nuova battuta d’arresto per Salvini, tanto più che il suo elettorato radicale si è rivolto al partito di estrema destra Georgia Mனloni per Hermஸ்n டிs de Italia, l’unica organizzazione che si è preoccupata della sua amministrazione e si è ritirata dall’amministrazione, che ora fa il stato di sovranità ancora più chiaro. Necessario Istituzione Sta cambiando posizione a causa della mancanza di un piano più mirato. E i dubbi strategici creano per lui un grosso problema alle elezioni.

Draghi ha dimostrato di non essere stato influenzato dal rumore infinito della politica italiana negli ultimi mesi. Portare avanti il ​​complesso programma di riforme che avete progettato è un chiaro vantaggio nel raggiungere l’obiettivo dell’immunità di gregge in Italia. Ma alcuni dipartimenti criticano il parlamento per essere stato a volte messo a tacere dalle montagne russe che ha usato.

Si sono svolte anche discussioni tra ministri di vari partiti riguardo alle sale culturali del governo. Il ministro del Dipartimento Tario Francescini aveva chiesto che l’obbligo del Certificato Verde per quasi tutte le attività pubbliche, compreso il lavoro, dal 15 ottobre portasse a un ritorno alla normalità nelle sale culturali. Ma il ministro della Salute Roberto Speranza ha rifiutato e Draghi si è schierato con lui. Il governo deciderà tra 15 giorni se allentare le operazioni a distanza nei luoghi di ritrovo. Ma naturalmente, non solo nelle arene culturali.

READ  L'Italia fornisce un elenco di competizioni preolimpiche a Belgrado