Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia e Spagna hanno bisogno di miglioramenti nella difesa  Commento

Italia e Spagna hanno bisogno di miglioramenti nella difesa Commento

In Ucraina inizia la terza guerra su vasta scala dopo l’invasione russa. Prenota tempo. I paesi dell’UE hanno risposto con ammirevole solidarietà – a parte la continua irritazione dell’Ungheria – e vigore all’aggressione di Putin. Hanno sostenuto l’Ucraina più finanziariamente e militarmente degli Stati Uniti messi insieme, hanno concesso a Kiev lo status di paese…

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limitazioni

In Ucraina inizia la terza guerra su vasta scala dopo l’invasione russa. Prenota tempo. I paesi dell’UE hanno risposto con ammirevole solidarietà – a parte la continua irritazione dell’Ungheria – e vigore all’aggressione di Putin. Hanno sostenuto l’Ucraina finanziariamente e militarmente più degli Stati Uniti messi insieme, hanno concesso a Kiev lo status di paese candidato all’adesione all’Unione Europea, hanno tagliato le importazioni di gas russo attraverso i gasdotti. Anche Washington è un errore. Quanto fatto finora non basta: serve di più. Ma ciò che è stato fatto non è stata una cosa da poco.

Parallelamente a questo equilibrio collettivo corrono le azioni individuali dei paesi. In questa sezione, ovviamente, il fattore geografico influenza la forza: più si avvicina alla Russia, più intensa è la reazione. Ma in un mondo pericoloso come quello attuale, l’unica garanzia di sicurezza per gli europei è aumentare le capacità di deterrenza collettiva e squadre più vicine. In questa prospettiva, questo paragrafo esorta l’Italia e la Spagna a fare un salto di difesa.

I governi di entrambi i paesi hanno fornito un sostegno incrollabile all’Ucraina e hanno facilitato le azioni comuni dell’UE a questo riguardo. Hanno compiuto gesti politici e offerto aiuti militari. Ma il suo contributo nazionale non è soddisfacente rispetto al suo potenziale economico.

Ciò è in gran parte dovuto a decenni di investimenti insufficienti nel settore, che li hanno lasciati con capacità limitate quando è scoppiata l’invasione di Putin. Il passato non può essere cambiato. Il problema è che anche i piani per il futuro sono inadeguati. Italia e Spagna intendono raggiungere l’obiettivo di spendere il 2% del Pil per la difesa entro la fine di questo decennio. Questo è un percorso inadeguato per i tempi in cui viviamo. Entrambi i paesi devono fare un passo avanti, e molto.

READ  Dopo il suo passaggio discreto attraverso il Cile, Diego López guida una squadra in Italia

Già al vertice NATO in Galles nel 2014, dopo che Putin aveva annesso la Crimea, gli alleati che non avevano raggiunto l’obiettivo del 2% si sarebbero mossi verso tale obiettivo entro un decennio. Oggi, 10 anni dopo – e dopo una massiccia invasione dell’Ucraina – sia l’Italia che la Spagna sono lontane da lì. Italia, 1,46%; Spagna, 1,26%, Secondo le stime della NATO dalla metà del 2023. Altre fonti indicano cifre leggermente diverse, ma tutte lontane dall’obiettivo.

Entrambi i paesi hanno fatto progressi negli ultimi anni. Nel 2014 l’Italia ha speso l’1,14%; Spagna, 0,92%, sempre secondo i dati Nato. La nazione transalpina lancerà presto una nuova portaerei Trieste. Sotto il governo Sánchez, la Spagna sta promuovendo nuove importanti acquisizioni materiali.

La loro posizione non è perfetta. L’Italia ha un potenziale migliore grazie al suo maggior peso economico e agli investimenti che, seppure inferiori, sono da tempo leggermente superiori a quelli della Spagna. Ma entrambi condividono una storia di scarsa o nessuna attenzione alla difesa e una reazione molto lenta a situazioni insolite.

L’Europa si trova di fronte ad una sfida importante. L’Ucraina è turbata dalla mancanza di armi. Non è chiaro se gli Stati Uniti siano a favore di Kiev. Né è chiaro se Washington garantirà la sicurezza europea in futuro come ha fatto nei decenni passati. Putin, nel frattempo, è ben sostenuto militarmente dall’Iran e dalla Corea del Nord ed economicamente dalla Cina.

Pertanto, l’Europa deve cambiare mentalità per garantire la propria sicurezza. Alcuni paesi lo hanno già fatto. Naturalmente i paesi baltici, la Polonia o i paesi nordici sono i più vicini alla minaccia russa. Ma anche la Germania sta rompendo con una cultura profondamente radicata di abbandono della potenza militare. Quest’anno Berlino raggiungerà l’obiettivo del 2%. Nel 2022 era dell’1,5%. Il suo ministro della Difesa dice che sa che è necessario andare oltre. In realtà, il 2% potrebbe non essere sufficiente per il mondo in cui viviamo. La Francia avrebbe potuto fare di più per raggiungere Kiev, ma, d’altro canto, è la potenza militare più solvibile dell’UE, con un record di investimenti migliore rispetto a qualsiasi altro grande paese del blocco. Al di fuori dell’UE, il Regno Unito è molto attivo.

READ  L'aeronautica italiana intercetta l'aeronautica russa nel Mar Baltico

Italia e Spagna devono fare un salto come la Germania, con la stessa conclusione. Devono farlo perché l’Europa ha bisogno delle capacità per evitare che Kiev venga sopraffatta e che la futura cattiva volontà di Putin; È necessario farlo rapidamente perché gli investimenti in questo settore richiedono anni per produrre risultati tangibili. Questa non è un’avventura militare, è un investimento nella nostra sicurezza, nella nostra libertà, nel nostro modo di vivere. Il risparmio sui costi oggi sarà più costoso domani. Per raggiungere questo obiettivo, entrambi i paesi con 110 milioni di abitanti e un PIL combinato doppio di quello della Russia dovrebbero contribuire attivamente. La logica secondo cui la minaccia è lontana non è valida. Condividiamo un'unione di regole. Sii coerente, non solo quando è conveniente.

Va ricordato che la Spagna, in particolare, ha tratto enormi benefici dalla sua appartenenza all’Unione Europea. In primo luogo, con massicci fondi strutturali. Poi, con un forte aiuto dopo l’epidemia. Ora è il momento di riprendere una migliore azione di solidarietà costruendo capacità di sicurezza che possano essere messe al servizio del bene comune.

La Spagna è generalmente pronta a criticare la Germania. Ci sono ragioni per questo, soprattutto la ragione sbagliata Omicidio parsimonioso Berlino si è imposta dopo la crisi del 2008. Ma la Germania ha pagato i fondi strutturali, ha approvato i fondi pandemici e ora si assume le proprie responsabilità con grandi investimenti nella difesa. Anche la Spagna ora deve assumersi le proprie responsabilità, per questo sarebbe molto utile se ci fossero nuovi bilanci che pensassero a questo problema.

L’Italia, anche se con una storia diversa – paese fondatore dell’Unione Europea e contribuente netto – deve fare un passo avanti. Non può essere solo una questione di motori franco-tedeschi. I paesi terzi e quarti dell’Unione europea devono contribuire attivamente. Il percorso attuale è inadeguato. La sfida è così grande che il timore di come la accoglierà l’opinione pubblica o il timore di attriti in un’alleanza non possono essere un ostacolo. Dobbiamo cercare di spiegare bene che il pericolo esistenziale che dobbiamo affrontare, il dovere di solidarietà e di progresso sociale non possono prescindere dalla sicurezza. Agisci con decisione. Rischiamo tutto.

READ  Covit-19 in Italia: Corona virus e vaccinati dal 19 febbraio