Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Conti in sospeso con l’Italia di Luis Enrique, da Dassault alla Roma

Prima di “Digvi-Dhaka” e dei titoli, La Rose ha vinto i quarti di finale per molti anni. Uno dei suoi dipinti iconici è il gomito del 1994 di Muro Dacotti per Louis Enrique. Ora il fallito tecnico spagnolo via Roma può saldare anche il conto con l’Italia.

Durante i quarti di finale della Coppa del Mondo degli Stati Uniti a Boston il 9 luglio 1994, il sangue e le lacrime di Louis Enrique illustrano accuratamente il complesso di inferiorità e il sentimento di uno spagnolo che all’epoca vedeva grandi squadre con campus.

– Sangue e lacrime –

Roberto Baggio ha segnato 2-1 e la Spagna ha cercato un tuffo nell’estensione. Louis Enrique si aspettava un cross in area, e Dassotti lo ha bussato sul naso, l’arbitro non ha visto.

“Ho commesso un errore, me ne pento, non l’ho mai negato. Non mi sono mai nascosto dalle mie responsabilità. Scusa, mi scuso ancora”, ha detto a El Paso Dashoti, l’attuale vice allenatore della nazionale ucraina Andrei Shevchenko dopo 37 anni. Milano ad ottobre.

Il difensore italiano è stato sospeso per otto partite dalla FIFA e non è riuscito a giocare le semifinali e le finali di quel Mondiale, con il Brasile che ha preso il rigore.

“Ho sbagliato, il destino mi ha dato dei soldi”, ha detto Dacotti, membro del big del Milan di Arigo Sachs.

La Rose ha rotto la sua maledizione all’Eurocup 2008, proprio contro l’Italia, che ha finito per risollevare le partite cadute nei quarti di finale.

Ha poi vinto il suo primo Mondiale e un altro Europeo in Sudafrica nel 2010, battendo ancora 4-0 l’Italia nel 2012, capolavoro della sua epoca d’oro.

READ  Google Pay: salva, paga e gestisci

Quella stagione 2011-2012 ha visto la sua prima esperienza nell’élite a Roma dopo tre anni alla regia di Luis Enrique Barcelona P.

Dassotti, da sempre al Milan, è stato assistente di Carlo Ancelotti come capitano della prima squadra.

I due si sono accordati alle Olimpiadi di Roma e gli spagnoli hanno deciso di chiudere il capitolo lontano a Boston.

“Personalmente volevo scusarmi con lui, l’ho detto in un’intervista il giorno prima, ma non volevo andare in panchina perché non voleva provocare una situazione complicata”, ha detto Dassotti alla folla.

– Senza vittoria a Roma –

La scommessa pericolosa della Roma per il tecnico 40enne dell’epoca era che il lavoro non sarebbe stato portato a termine per mancanza di esperienza. La squadra è arrivata settima in Serie A e il club ha deciso di rescindere il suo contratto biennale alla fine del corso.

“Anche se è vero che non è una squadra da vincere, non si sta comportando molto bene”, ha detto la leggenda del club Francesco Totti molti anni dopo.

Dopo la Roma, Luis Enrique è tornato al Barcellona dopo una stagione allo Zelda, questa volta in prima squadra. In tre stagioni ha lasciato un grande segno e ha vinto la Champions League 2015 con un glorioso attaccante formato da Lionel Messi, Neymar e Luis Suarez.

Guidata dalla Spagna dopo i Mondiali 2018 in Russia, l’Italia è tornata sulla sua strada. Dopo le sue delusioni come giocatore e allenatore, spera di cambiare il suo destino come allenatore a Wembley martedì.

pm / ciascuno