Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Isteresi. Perché la Spagna ha perso la corda contro Italia e Portogallo

RAE Individuare Isteresi in modo ben preciso: “un fenomeno in cui lo stato di una sostanza dipende dalla sua storia precedente e che si manifesta ritardando l’effetto sulla causa che la produce. Come è a malapena compreso, i fisici lo hanno spiegato in modo più accurato. Il ritardo si verifica quando La sostanza tende a conservare una delle sue proprietà In assenza dello stimolo che l’ha provocato. L’esempio più noto è il ferro, che è in grado di mantenere il suo magnetismo una volta rimosso il campo magnetico che ha causato questa proprietà, ad esempio un magnete.

Tuttavia, gli economisti sono chi più frequentemente Usano questo termine. Di solito in tempi di crisi. La sua definizione è la più pratica, Come si addice a una bandiera scura, nella felice espressione di Carlisle. Un rallentamento, secondo gli economisti, è un fenomeno che rende possibile che ciò che accade a breve termine accada, ad esempio, un alto tasso di disoccupazione, Ha conseguenze a lungo termine. Ovvero, disoccupazione persistente nel tempo, che tende ad essere strutturale nonostante la scomparsa delle cause primarie che l’hanno causata (lo scoppio di una bolla immobiliare o una pandemia).

Bruxelles collega in poche parole la riforma del lavoro: chiede ambizione contro la duplicazione e la disoccupazione giovanile

Europa Press

La disoccupazione giovanile tra i 20 ei 24 anni, senza andare oltre, non era inferiore al 14% in Spagna (quarto trimestre 2006), nemmeno quando l’economia cresceva al 5%. Oggi è del 36,5% Della popolazione attiva, il che indica che la disoccupazione giovanile è un problema cronico che si trasmette da una generazione all’altra. Come l’isteresi.

READ  In che modo i robot DNA possono cambiare la medicina?

Succede qualcosa di molto simile al debito pubblico. La Spagna ha superato la barriera del 60% del PIL nel 2010 (il limite fissato dal Patto di stabilità dell’Unione europea), ma da allora Duplicare, Fino al raggiungimento del 2020 in Una cifra pari al 120% del PIL. Solo tra il 2014 (100,7%) e il 2019 (95,5%) ha fatto qualcosa, nel mezzo di una ripresa – una crescita mediamente prossima al 3% – ma a un ritmo così lento che la Spagna ha impiegato 35 anni per conformarsi. Disposizioni del trattato di Maastricht.

Enorme debito

Logicamente dietro questo sviluppo c’è il grande deficit pubblico, che ha costretto tutte le amministrazioni pubbliche a prendere in prestito 696.417 milioni di euro negli ultimi dieci anni. egli è chiamato, Quasi 70 miliardi di dollari all’anno.

Cosa è successo ad altre economie nel tuo ambiente? In particolare, Portogallo, Italia e persino Francia. Ebbene, la crescita del debito è stata più moderata. Ovviamente, i livelli di disavanzo annuale erano più bassi a Lisbona, Roma e Parigi. La politica monetaria della Banca centrale europea, come è noto, è quindi unica Riforma dei tassi di interesse A tutti gli Stati membri.

In particolare, tra il 2011 e il 2020, il debito pubblico spagnolo è cresciuto del 72%, in misura significativa Superiore al 30% Dall’Italia (partita da una situazione sensibilmente peggiore) e anni luce dal Portogallo, il 17%. Inoltre, è più del doppio di quello della Francia, cioè il 32% Riflette le difficoltà dell’economia spagnola Per ridurre i livelli di debito. Ma nella zona euro, dove i paesi con la maggiore stabilità sono inclusi nelle loro finanze pubbliche, la crescita è stata appena del 12%.

READ  I giovani scelgono le risorse digitali per gestire il benessere

Inoltre, se il focus è su quello che è successo Qualche anno fa, nel marzo 2008Quando è iniziata la precedente crisi economica, l’indebitamento pubblico è cresciuto di almeno 80 punti del PIL. Questa è la proposta di legge sull’indebitamento crescente dell’economia spagnola negli ultimi 12 anni. Di crisi in crisi.

La grande bolla

Non sorprende quindi che la Commissione Europea abbia inserito la Spagna tra gli otto Paesi “ad alto rischio”, insieme a Belgio, Francia, Italia, Portogallo, Romania, Slovenia e Slovacchia (l’Unione Europea considera la Grecia un caso a parte). Per qualsiasi ragione? Semplicemente perché il deficit, che è la fonte da cui beve il debito pubblico, è diventato cronico e non un giudizio di valore. Sta verificando cosa è successo nell’economia spagnola negli ultimi decenni. Solo tra il 2005 e il 2007 Si è raggiunto un surplus nominale (non strutturale), e per questo è stato necessario creare una bolla colossale che, prima o poi, come per tutti gli aumenti di prezzo esorbitanti, doveva scoppiare. E questo è esattamente quello che è successo.

Ma, se guardi oltre, il risultato sarà inappellabile. Nel 1980, all’inizio della democrazia, il debito pubblico rappresentava appena il 15% del PIL. Quattro decenni dopo, è successo Ha raggiunto il record del 120%.

Dovremo infatti attendere il 2029 per scendere al di sotto del 3%, il che riflette lo squilibrio tra entrate e uscite.

È vero che le acque del passato non muovono i mulini, motivo per cui è opportuno prestare attenzione alle previsioni dei servizi tecnici della Commissione europea. Ciò che confermano è che la principale risorsa dell’economia spagnola (deficit escluso il servizio del debito) rimarrà tale. Negativo almeno fino al 2031. Solo quest’anno si attesterà al -7,1%.

READ  I giochi sono un ottimo alleato per rivitalizzare il corpo e la mente

Dovremo infatti attendere il 2029 per scendere al di sotto del 3%, il che riflette che lo squilibrio tra entrate e spese è di natura strutturale e non temporanea associato all’epidemia o al cambiamento del ciclo economico. Ovviamente, a meno che non si agisca in entrambe le direzioni. Così strutturale al punto che la stessa Commissione Europea, nel suo ultimo rapporto sulla sostenibilità Debito pubblico (febbraio 2021), Si stima che il disavanzo non corrente non scenderà a meno del 3% fino al 2031. In altre parole, il prossimo decennio in cui il debito continuerà ad aumentare.

* Se non vedi correttamente il modulo di iscrizione, fai clic su clicca qui