Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele intensifica il suo attacco al sud di Gaza  Il poeta palestinese Rifaat Al-Arir è stato minacciato e ucciso insieme alla sua famiglia

Israele intensifica il suo attacco al sud di Gaza Il poeta palestinese Rifaat Al-Arir è stato minacciato e ucciso insieme alla sua famiglia

Venerdì l’esercito israeliano ha intensificato il suo attacco per prendere il controllo di Khan Yunisuna città del sud Striscia di Gaza La considerano la principale roccaforte del movimento Hamas nei territori palestinesi, dove ancora oggi muoiono centinaia di persone ogni giorno.

Si tratta di un’operazione rapida, forte e mirata, come sottolineato in una dichiarazione militare Si muovono “di tunnel in tunnel, di casa in casa”.. “Le forze della 98a divisione hanno eliminato decine di terroristi, hanno effettuato perquisizioni, distrutto tunnel e lanciato attacchi precisi via terra e via aerea”, ha spiegato.

Come parte della loro strategia per rompere le linee di Hamas, le forze israeliane hanno attaccato dozzine di siti di lancio di razzi e punti di osservazione, continuando a circondare la città. Il memorandum aggiungeva: “Durante un raid continuo, i soldati hanno trovato molte armi in una delle scuole, inclusi lanciarazzi, colpi di mortaio, esplosivi e materiali di intelligence”.

Due soldati israeliani sono rimasti gravemente feriti durante un’operazione fallita per salvare gli ostaggi detenuti da Hamas a GazaSecondo l’esercito in un altro comunicato. Delle 240 persone catturate dal gruppo islamico dopo l’attacco terroristico del 7 ottobre che ha ucciso 1.200 persone, almeno 137 sono ancora prigioniere e vive.

Distruzione e morti

I bombardamenti israeliani hanno distrutto la moschea Al-Omari a Gaza, che è la più grande e antica della StrisciaFu costruito nel VII secolo per ordine del secondo califfo Omar bin Al-Khattab sulle rovine di un’antica chiesa bizantina. In un comunicato, le autorità di Gaza hanno denunciato che “la moschea è uno dei monumenti islamici e storici più importanti di Gaza, e la sua distruzione da parte dell’occupazione rientra nella barbara aggressione israeliana, che non esclude i principali monumenti della città. ” Ha invitato l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) a intervenire e a condannare le pratiche israeliane contro i simboli, i monumenti e il patrimonio palestinese.

READ  La Nuova Zelanda abbandonerà la sua strategia "zero Covid" per iniziare a convivere con il virus dopo lo scoppio della variabile delta

Secondo l’ultimo bilancio pubblicato dal Ministero della Sanità di Gaza. Il bilancio delle vittime è salito a 17.487 – Il 70% di loro sono donne e bambini – e 46.480 feriti. Tra i martiri delle ultime ore c’è il poeta palestinese Rifaat Al-Arir, una delle voci più attive sulla questione palestinese.. “Rifat ha ricevuto una telefonata dai servizi segreti israeliani per localizzarlo nella scuola dove si era rifugiato e lo hanno informato che lo avrebbero ucciso. Ha lasciato la scuola perché non voleva esporre gli altri al pericolo, e alle sei del mattino “Stasera il suo appartamento è stato bombardato. Rami Abdo, direttore dell’Osservatorio euromediterraneo per i diritti umani, ha spiegato in Un messaggio pubblicato sul sito di social networking

Detenuti

Israele ha confermato che sta cercando presunti membri di Hamas tra i detenuti a Gaza Le foto di dozzine di loro, seminudi, bendati e ammanettati, sono state diffuse sui social network e sui media palestinesi.. Elon Levy, portavoce del governo israeliano, ha detto in una conferenza stampa che i detenuti sono uomini in età di servizio militare che sono stati scoperti in zone di combattimento dove avrebbero dovuto essere evacuati i civili. I detenuti lo sono Sono stati interrogati per scoprire se fossero terroristi di Hamas oppure noLevy ha insistito sul fatto che indossavano abiti casual e utilizzavano civili per raggiungere i loro obiettivi terroristici.

Non c’è voluto molto prima che le critiche arrivassero a questa situazione. Il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite, Stephane Dujarric, ha dichiarato in un’intervista alla stampa: “Le immagini che abbiamo visto sono molto inquietanti perché ogni persona ha un diritto fondamentale alla dignità umana, e le immagini relative al modo in cui le persone vengono trattate sono molto inquietante.”

Foto e video mostrano dozzine di uomini in mutande, seduti per terra o in ginocchio in luoghi come la strada e il campo aperto, circondati da soldati israeliani e veicoli blindati che li sorvegliano, mentre altri vengono trasportati ammassati su un camion militare. . . Uno degli uomini identificati come detenuti nel contenuto della trasmissione è un giornalista palestinese, il che ha spinto i suoi datori di lavoro ad accusare Israele di effettuare perquisizioni aggressive e di trattamento degradante dei civili.

READ  Barcellona: un collega ha detto ai gemelli argentini: "Li hanno molestati, circondati, picchiati e hanno detto loro cose" | La scuola ha chiesto supporto psicologico

L’inutilità del Consiglio di Sicurezza

Gli Stati Uniti hanno chiarito che non sosterranno l’appello del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres per un cessate il fuoco a GazaCome espresso dal suo rappresentante, Robert Wood, davanti al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Wood ha detto: “Non sosteniamo la richiesta di un cessate il fuoco immediato. Questo getterà solo i semi di un’altra guerra, perché Hamas non vuole una pace permanente o una soluzione a due Stati”. Ha aggiunto: “Se Israele depone le armi oggi, come chiedono alcuni Stati membri, Hamas continuerà a tenere in ostaggio donne e bambini, vecchi e giovani, molti dei quali saranno sottoposti a trattamenti inumani e crudeli”.

E così lanciò il legno A Una secchiata di acqua fredda sulle aspettative che l’organizzazione acconsenta a questa richiesta di tregua permanenteLo ha deciso la decisione presentata dagli Emirati Arabi Uniti e che ha ricevuto il sostegno di tutti i paesi arabi e islamici, oltre a Russia, Cina e Francia. Prima che il delegato americano parlasse, l’ambasciatore israeliano Gilad Erdan si è opposto radicalmente alla tregua, sottolineando che “la vera strada verso la pace è sostenere la missione di Israele e non chiedere affatto un cessate il fuoco”.

È opportuno chiarire che durante i due mesi di guerra, il Consiglio di Sicurezza votò più volte altre risoluzioni che chiedevano la fine della guerra, con il veto di Stati Uniti e Russia, e riuscì ad accordarsi solo il 15 novembre. Un appello per una tregua umanitaria per fornire aiuti alla popolazione civile di Gaza. Tuttavia, l’unica tregua dichiarata in questi due mesi, durata sette giorni, non è stata frutto di quella decisione, quanto piuttosto il risultato di trattative indirette tra le due parti in conflitto bellico – mediate da Qatar, Egitto e Stati Uniti – scambiare ostaggi. detenuti da Hamas per i prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

READ  Un nuovo processo per riciclaggio di denaro contro Lázaro Paez è già stato datato per 14 milioni di dollari

L’organizzazione non governativa Medici Senza Frontiere ha criticato l’agenzia delle Nazioni Unite per la sua inazione riguardo alla situazione nel settore.. “L’inazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e l’uso del potere di veto da parte degli Stati membri, in particolare gli Stati Uniti, li rendono complici della carneficina in corso”, ha affermato in una nota.

Cisgiordania e Libano

Oltre a Gaza, la violenza si ripete quotidianamente su altri fronti, come: La Cisgiordania, dove almeno sei palestinesi, tra cui un minore, sono stati uccisi negli scontri con le forze israeliane, dove un soldato è rimasto ferito. L’Autorità Nazionale Palestinese ha riferito che due giovani, di età compresa tra 14 e 36 anni, sono stati uccisi in uno scontro avvenuto nel campo profughi di Al-Far’a.

Intanto, L’esercito israeliano ha annunciato di aver intercettato con successo un oggetto aereo sospetto che ha attraversato i suoi confini dal Libano In una nuova giornata di bombardamenti d’artiglieria contro le milizie sciite Hezbollah. In un comunicato militare si legge: “Diverse operazioni di tiro sono state osservate dal Libano verso posizioni appartenenti alle forze di difesa israeliane nelle aree di confine. L’artiglieria dell’esercito israeliano ha colpito la fonte del fuoco e altri obiettivi in ​​Libano”.

Hezbollah ha rivendicato almeno sette attentati Ha preso di mira i checkpoint israeliani al confine a Shebaa Farms e sulle colline di Kfar Shuba, così come i siti israeliani di fronte alle città di Houla e Rmeish nel Libano meridionale, descrivendoli come attacchi diretti.