Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In che modo l’esercizio influisce sul metabolismo e sulla perdita di peso

“Il più grande perdente” (NBC)

Molti di noi ricordano Lose to Win (The Biggest Loser), un popolare reality show che è andato in onda per oltre un decennio a partire dal 2004, dove I concorrenti hanno gareggiato vigorosamente per perdere una tonnellata di peso in un breve periodo di tempo. Una delle più grandi lezioni della trasmissione sembrava essere che un esercizio intenso, combinato con una rigida restrizione calorica, ha portato a una significativa perdita di peso.

Tuttavia, la copertura mediatica dei concorrenti anni dopo sembra raccontare una storia diversa, sull’aumento di peso, un metabolismo più lento e l’inutilità di cercare di perdere peso a lungo termine.

proprio adesso, Una nuova analisi scientifica del programma e dei suoi effetti è stata pubblicata il mese scorso sulla rivista obesità, suggerisce che molte credenze sul “perdere per vincere” potrebbero essere sbagliate. L’analisi tenta di rivelare cosa è realmente accaduto al metabolismo dei partecipanti e perché alcuni hanno resistito meglio di altri. Esamina anche il ruolo complesso dell’esercizio e se rimanere fisicamente attivi ha aiutato i corridori a tenere sotto controllo il proprio peso per anni.

Per chi si fosse dimenticato, o ci avesse provato, in rete è stato trasmesso “Lose to Win”. NBC Con alti livelli di pubblico generale per più di 12 stagioni. I partecipanti hanno gareggiato per perdere la maggior parte dei chilogrammi utilizzando severe restrizioni caloriche e ore di intenso esercizio fisico ogni giorno. generalmente, I “vincitori” hanno perso decine di chilogrammi in pochi mesi.

La rapida e intensa perdita di peso ha attirato l’attenzione di Kevin Hall, ricercatore senior presso il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases, parte del National Institutes of Health. In qualità di esperto metabolico, Hall ha riconosciuto che quando le persone perdono molto peso in breve tempo, spesso scaricano il loro peso. tasso metabolico A riposo (le calorie di base che bruciamo ogni giorno una volta che siamo vivi) in caduta libera. Un tasso metabolico a riposo più basso può significare che bruciamo meno calorie in generale.

In precedenza si pensava che questo effetto fosse dovuto in parte alla perdita muscolare durante la dieta. Essendo un tessuto relativamente attivo, i muscoli bruciano più calorie del grasso e più muscoli in generale significano un tasso metabolico più elevato. Quindi Hall si chiedeva: i livelli dilaganti di esercizio durante la “vincita-perdita” hanno aiutato le persone a dieta a preservare il loro tessuto muscolare e a mantenere il loro tasso metabolico a riposo ad un livello elevato, anche quando hanno ridotto l’apporto calorico?

READ  #TrendingAtopic, la prima discussione di LEO Pharma su bioinnovazione e dermatite atopica

Per più di un decennio, Hall e i suoi colleghi hanno iniziato la prima serie di esperimenti per scoprirlo. In uno studio del 2012, hanno confrontato 16 uomini e donne che hanno perso molto peso riducendo le calorie, grazie a un intervento di bypass gastrico, e 16 concorrenti in un programma Lost to Win la cui perdita di peso estrema includeva esercizio fisico e dieta. Come previsto, il gruppo di bypass ha perso muscoli e grasso, mentre i partecipanti al programma “loss to win” hanno mantenuto la maggior parte del loro tessuto muscolare e hanno perso principalmente grasso. Tuttavia, il loro tasso metabolico a riposo è sceso a circa la stessa quantità, indipendentemente dal fatto che mantenessero o meno una buona massa muscolare.

Hall ha detto che lui ei suoi colleghi sono rimasti sorpresi dai risultati. Inoltre, la loro confusione si è intensificata quando, in uno studio del 2016, hanno ritestato 14 degli stessi corridori dopo sei anni di competizione e si aspettavano di vedere che il loro metabolismo si era ripreso da allora. Il tasso metabolico a riposo della maggior parte delle persone a dieta aumenta leggermente dopo aver smesso di perdere peso attivamente, soprattutto se recuperano qualche chilo. Le persone più grandi bruciano più calorie rispetto alle persone più piccole. Entro quella data, la maggior parte dei corridori ha guadagnato peso. Tuttavia, il loro metabolismo a riposo era ancora lento e bruciavano in media 500 calorie in meno al giorno rispetto a prima di apparire nello show.

L’anno successivo, uno studio di follow-up concluse che L’attività fisica ha aiutato alcuni corridori a evitare di ingrassare. Se si muovevano o si allenavano per circa 80 minuti quasi ogni giorno, recuperavano meno chili rispetto a quando si allenavano poche volte.. Tuttavia, la sua attività fisica non ha stimolato il suo metabolismo a riposo. Infatti, coloro che si sono esercitati hanno mostrato la maggiore riduzione in termini di tasso metabolico a riposo.

READ  Poliziotto 26. Arcivescovo Gallagher: fede e scienza unite contro il cambiamento climatico

Perplesso, Hall ha recentemente iniziato a rivisitare gli studi “loss to win” alla luce di una nuova concezione di come funziona fondamentalmente il metabolismo umano. Questa idea è nata da un influente studio del 2012 che mostra che i cacciatori molto attivi in ​​Tanzania bruciano all’incirca lo stesso numero relativo di calorie al giorno del resto di noi, anche quando sono molto in movimento.

Gli scienziati coinvolti in questa ricerca hanno ipotizzato che i corpi dei popoli indigeni dovrebbero compensare automaticamente alcune delle calorie bruciate durante il foraggiamento riducendo altre attività fisiologiche, come la crescita. (I tribali tendevano ad essere bassi.) In questo modo, i ricercatori ritengono che i corpi dei cacciatori possano tenere sotto controllo il numero totale di calorie che bruciano ogni giorno, indipendentemente da quanti chilometri cercano tuberi e prede. Gli scienziati hanno chiamato questa idea Teoria della spesa energetica totale limitata.

Riconoscendo questa ricerca, Hall ha iniziato a vedere potenziali somiglianze nei risultati “perdita per vincere”. Quindi, per la nuova analisi, ha ripercorso i dati del suo gruppo alla ricerca di indizi sul comportamento del metabolismo dei corridori, in pratica, come quello della caccia e della raccolta. Ha trovato indizi sui tassi metabolici a riposo. Hall ha notato che i numeri sono crollati all’inizio delle riprese di “Lose to Win”, quando hanno ridotto la quantità di cibo, quindi è comprensibile che i loro corpi abbiano ridotto le calorie bruciate per evitare la fame..

Tuttavia, negli anni successivi, Quando i concorrenti sono tornati a mangiare come prima, il loro metabolismo è rimasto depresso perché, ha concluso Hall (e questa era la chiave), la maggior parte di loro stava ancora facendo esercizio.. Paradossalmente, scriveva nella nuova analisi, L’attività fisica ripetitiva sembra istruire il tuo corpo a mantenere basso il tasso metabolico a riposo, in modo da ridurre il dispendio energetico totale giornaliero..

(New York Times)
(New York Times)

È ancora solo un’ipotesi, ma sembra che quello che stiamo cercando” nei dati “perdita per vincere” sia “un esempio di un modello energetico finito”, ha detto Hall.

Quindi cosa potrebbe significare questo ripensamento della storia della “perdita per vincere” per il resto di noi, se speriamo di mantenere il nostro peso sotto controllo? Hall ha detto che la prima e più importante cosa è che lo indichi La perdita di peso improvvisa e massiccia generalmente riprenderà, poiché questa strategia sembra inviare il tuo tasso metabolico a riposo più del previsto, date le dimensioni del corpo più piccole delle persone. Ha notato che quando le persone perdono peso gradualmente nelle esperienze di perdita di peso, i loro cambiamenti metabolici tendono ad essere meno gravi..

READ  Il Covid-19 può precedere la sindrome di Guillain-Barré in rari casi

La seconda e più sconcertante cosa è, Se hai perso una quantità significativa di peso, nello stile “perdi per guadagnare”, è probabile che l’esercizio sia un alleato e saboti i tuoi sforzi per evitare di recuperare quei chili.. Nella nuova interpretazione di Hall del controllo del peso a lungo termine nei corridori, l’esercizio ripetitivo ha mantenuto basso il tasso metabolico a riposo dei partecipanti, Ma li ha anche aiutati a evitare di ingrassare di nuovo. contenuto, I concorrenti che facevano più esercizio finivano per ingrassare meno, sebbene anche il loro metabolismo relativo fosse più lento..

Non è chiaro esattamente come e quando l’esercizio fisico li abbia aiutati a mantenere il loro peso, ha detto Hall. Sospettavi che l’esercizio influisse sull’appetito delle persone in modi che avrebbero potuto renderle meno propense a mangiare troppo, bruciando anche qualche caloria in più.. Ha detto che spera di sviluppare prove future per scoprire come l’esercizio influisce sul metabolismo, attraverso alti e bassi.

Finora, questa potrebbe essere la lezione più toccante di “perdere per vincere” Perdere peso a lungo termine, anche se scoraggiante, non è inutile. Sì, la maggior parte dei concorrenti di Lose to Win ha guadagnato di nuovo peso, ha detto Hall, ma non necessariamente ogni chilo perso. Sei anni dopo, la maggior parte di loro pesava circa il 12% in meno rispetto a prima di partecipare al programma, il che è una grande differenza.I partecipanti precedenti di maggior successo erano quelli che si esercitavano ancora.

© New York Times 2021