Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Immagine conferma, semi di soia e prezzi |  Il governo ha messo tutti gli strumenti politici per cercare di fermare la corrida

Immagine conferma, semi di soia e prezzi | Il governo ha messo tutti gli strumenti politici per cercare di fermare la corrida

L’incontro è avvenuto ieri mattina presto, e la foto è stata diffusa solo verso mezzogiorno, mentre il Presidente era già con il Governatore di Buenos Aires, Axel Kiselov, ad annunciare la gara per il Canale della Magdalena a Ensenada. Nella cartolina, nei giardini di Quinta de Olivos, Alberto Fernandez e il ministro dell’Economia Sergio Massa si sorridono guardando qualcosa sul cellulare del capo del Tesoro. Secondo fonti di Casa Rosada Pagina I12Hanno deriso le voci di una crisi politica nel governo, che si sono riflesse in alcuni media. In generale, avevano motivo di sospettare, in una carica dirigenziale vissuta di crisi in crisi, che l’uscita del capo dei consiglieri presidenziali, Antonio Arracre – dopo aver sollevato timori che Massa perdesse il suo incarico e che l’ex Syngenta sarebbe il nuovo ministro – ha influito sul movimento della moneta che sta assillando il governo da lunedì scorso. Ma alla Rosada e all’Economia hanno stabilito che, in realtà, i sorrisi del presidente e di Massa erano frutto di letture che diagnosticavano le tensioni tra l’Economia e la Rosada. Cioè, a differenza delle letture ufficiali, queste differenze erano e sono tuttora, ma il contesto detta lo scenario.

Questo quotidiano aveva riportato nell’edizione di ieri che i due leader si sono parlati almeno tre volte dopo la destituzione di Arakre, ma il governo ha cercato di sottolineare l’appoggio del presidente al ministro incaricato. “Sono amici, parlano sempre”, hanno offerto alcuni di coloro che hanno assistito all’incontro. Al termine di quell’incontro, in cui si discusse il contesto e l’accordo con il FMI, il dollaro blu bruciava a 440 pesos, 17 pesos in più rispetto al giorno prima. Alla fine della ruota, il rally ha rallentato e si è chiuso a 432 pesos, in aumento di 9 pesos rispetto al giorno prima. Insomma, quella che era una corrida si è trasformata in un rally dal ritmo movimentato con finale aperto, da valutare venerdì e lunedì prossimi. Nel governo ritengono che ciò sia dovuto, prima, alla conferma di Massa in carica, e successivamente agli aumenti dei tassi di interesse da parte della Banca centrale e ad alcune liquidazioni avvenute nel dollaro agricolo.

READ  La rabbia nascosta della Cina, i 'leader' di Rodriguez Sa e le sedie di Javier Miley negli anni '80

La conferma della foto di Massa arriva dal fatto che il governo vede sepolto lì il travagliato allontanamento dall’incarico di Arracre. Oltre ad aver ricoperto un incarico minore, aveva fatto trapelare una voce (che Massa se ne andasse) e ora fuori sede, secondo quanto si dice al governo, aveva fatto un’altra fuga di notizie: in questo caso, del piano per lasciare la crisi che aveva presentato a Fernandez. Non è la prima volta che il presidente ha problemi di moderazione e ordina le dimissioni di funzionari del suo collegio: è già successo con gli ex ministri Martín Guzmán e Matías Colvas. La prima si è dimessa sabato via social mentre la vicepresidente, Christina Kirchner, ha tenuto un discorso a Conurbano; Anche il secondo si è dimesso tra le tensioni per una fuga di notizie. Il filo conduttivo fornisce segnali. Un alto funzionario ha dichiarato in quel momento che i due shock più forti, con la corsa al governo Fernandez, erano stati causati dalla partenza di Guzmán e dal caso Aracre. Kadran mantenne a quel tempo relazioni politiche e consultive.

Pensando all’incontro tra il presidente e Massa e aspettando di vedere se ci fossero i sintomi della temperanza della corrida, hanno detto a questo quotidiano di Economia e La Rosada: “È un caso chiuso, non c’è più rumore, andiamo avanti”. Tracciato venerdì. Inoltre, la cartolina è stata un modo per serrare i ranghi politici perché l’opposizione, come lì diagnosticato, sembra così fermamente in azione che Massa non ha altra scelta che andare per la svalutazione.

Pesce a Olivos e Massa

Dopo un periodo di sconvolgimenti politici, la BCRA ha alzato il tasso di politica monetaria di 300 punti base. Pertanto, il tasso di interesse annuo sulle cambiali e sui termini fissi è rimasto all’81%. Inoltre, dopo Massa, il presidente della BCRA, Miguel Pesci, è passato da Olivos per parlare con il presidente. Questa decisione di alzare il tasso è stata presa con l’idea di facilitare il ballottaggio e scoraggiare i risparmiatori dalla fuga verso i dollari.

READ  Gli Stati Uniti hanno confermato nuovi attacchi missilistici e droni contro navi militari e petroliere nel Mar Rosso

Quasi ieri sera, nonostante le notevoli differenze che entrambi mantengono – incluso l’utilizzo di aumenti dei tassi come strumento – Pesce e Massa si sono incontrati al Dipartimento del Tesoro e hanno rilasciato una foto dell’evento. Lontani dai dissapori, hanno cercato di dare un segnale in una riunione in cui si è discusso, secondo quanto riferito dal Dipartimento del Tesoro, “dei vertici del G-20 tenutisi nell’ambito dell’Assemblea Fondo Monetario Internazionale-Banca Mondiale tenutasi a Washington. ” E in merito alle “recenti azioni intraprese dal consiglio di amministrazione della BCRA per ordinare il pagamento delle importazioni di servizi”.

Con tutti questi gesti politici, dal punto di vista calcistico, Massa ha deciso, nella sua partita più esaltante, di giocare con quattro attaccanti e bruciare navi per spegnere le fiamme del forsennato dollaro. Il resto del gioco si completa con una parte della campagna che decide di sfruttare la risorsa del dollaro agricolo e inizia a entrare in valuta estera.

Gli esportatori giocano, i semi di soia no

Parallelamente alle azioni di cui sopra, l’attività agricola ha superato lo zero. Dopo incontri quasi continui con funzionari molto vicini a Massa, ieri gli esportatori di grano hanno liquidato in totale oltre 177 milioni di dollari tra soia, mais e girasoli. Ciò ha indotto BCRA ad acquistare ancora una volta $ 44 milioni di valuta estera.

Dei 177 milioni totali filtrati, 70 sono semi di soia. Come ha appreso questo giornale, c’è già l’impegno che il fatturato di venerdì sarà maggiore di quello. Un po’ d’aria dopo due giorni di asciugatura. Finora dall’inizio del mese le liquidazioni hanno già raggiunto quota 1,7 miliardi.

READ  Pepe Gil Vidal ha salutato lo schermo di TN dopo 30 anni in onda

Ma il problema sono i produttori. Ieri, alla Borsa di Rosario, si è tenuta la prima asta di soia. Erano presenti uomini d’affari, produttori e persino il governatore di Santa Fe, Omar Perotti. In questo contesto, c’è stata una discussione in cui i produttori di soia hanno avvertito che si sarebbero rifiutati di vendere agli esportatori al prezzo attuale. Questa lobby per rendere più costoso il dollaro di soia e spingere per la svalutazione domenicale è stata introdotta in queste pagine. Ora, oltre a fare pressioni, hanno lasciato dietro di sé l’ultimatum che vogliono che il governo rilasci i crediti del Banco Nación che sono attualmente bloccati.

Ed è che anche l’aumento dei prezzi finisce per essere un boom. Ciò che è bene per il risparmiatore è un male per il produttore. Pertanto, le normative oggi indicano che è vietato concedere crediti agevolati ai produttori che detengono più del 5 per cento delle scorte totali di soia della vecchia campagna. Questi non possono ottenere un prestito del 55% e sono stati avvertiti che lotteranno per ottenerlo.