Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vino italiano conquista il Brasile – Economia

Il vino italiano conquista il Brasile – Economia

(ANSA) – Pinto Concalves, di Patricia Antonini – Un mercato da oltre 200 milioni di consumatori, con numeri economici in crescita e buoni margini di sviluppo per l'export del vino italiano. Il Brasile rappresenta una “scommessa importante” per Veronafirme/Vinitaly, che alla fiera Wine South America tenutasi a Bento Concalves, nello stato meridionale del Rio Grande do Sul, ha registrato un “record di espositori italiani” e “entusiasmo” per l'azienda . Produttori brasiliani che intendono partecipare alla prossima edizione della kermesse veronese.
Nel padiglione tricolore della manifestazione, che si conclude domani, sono presenti più di due dozzine di operatori, in rappresentanza di decine di marchi e varietà, di cui 13 nel padiglione organizzato dall'ICE/ITA, l'ente di promozione aziendale all'estero.
Il flusso si spiega anche con la crescita del “4,4% delle importazioni di vino italiano da gennaio ad agosto, rispetto allo stesso periodo del 2022”, con vendite passate da “23,5 a 24,6 milioni di dollari”, ha confermato Ferdinando Fiore.
Responsabile dell'Ufficio ICE/ITA in Brasile.
“Crediamo che anche nel settore vitivinicolo ci siano tutte le condizioni necessarie per uno sviluppo futuro – hanno osservato il direttore di Vinitaly Gianni Bruno e il membro del consiglio di amministrazione dell'azienda veronese Milanez & Milaneze Partner, Alessandro Giolai.

Padiglione Italia a Wine South America.

In questo senso vale la pena notare che il Brasile rappresenta il quarto mercato per gli italiani in America, dopo Stati Uniti, Canada e Messico. L'Italia è al quarto posto con il 7%, dopo Cile, Argentina e Portogallo. “In termini di valore, ci sono circa 37 milioni di dollari acquistati dai brasiliani, ovvero circa l'8% delle importazioni totali”, aggiunge Fiore.
Ma ora anche i produttori della Serra Gaucha nel Rio Grande do Sul, la capitale dell'uva e del vino del Brasile, meta della grande migrazione italiana del XIX secolo, che qui impiantarono la coltivazione della vite e dove si parla la parola “taliano”, l'antico dialetto veneto deciso a far conoscere le sue varietà in Italia. . Stanno valutando la partecipazione alla prossima edizione di Finitaly.
Il risultato è merito anche dello splendido lavoro del Console Generale di Porto Alegre, Valerio Caruso, che fin dal suo arrivo – un anno fa – ha lavorato per ristabilire i rapporti con il territorio. Ha inoltre rafforzato la partecipazione italiana a Wine South America attraverso un'importante iniziativa di convergenza con le autorità locali e le comunità imprenditoriali.
“Siamo orgogliosi che nella culla di una storica e fortissima comunità di origine italiana – rileva il Console – possiamo portare avanti un lavoro collettivo così importante con il sistema Italia, promuovendo l’eccezionalismo italiano e rafforzando la supremazia della sinistra”.
È un trend che Vinitaly vede positivamente. “Nell'ultima edizione della kermesse veronese abbiamo avuto circa 33.000 operatori provenienti da 134 Paesi. La maggior parte va in Italia, che rappresenta il 95% degli espositori, ma notiamo un nuovo interesse per i vini esteri. E i brasiliani che verranno, sarà essere favorito, proprio perché si tratta di una proposta alternativa”, ha affermato. Bruno evidenzia.
D'altro canto, gli operatori italiani sottolineano che il mercato brasiliano si trova ad affrontare alcune sfide e problematiche critiche. La vera spina nel fianco sono i compiti. In particolare, per chi decide di non fidarsi del “trade” brasiliano o del COMEX, il costo per l'importatore in uscita dall'Italia può salire fino al 152%.
I principali centri di attrazione del vino italiano sono le tenute di San Paolo, Rio de Janeiro e Minas Gerais, ma non mancano idee nuove e continue, promosse anche dal settore turistico ed enogastronomico del Paese. (Io dimentico).

READ  Il 20,4% dei lavoratori lavora a distanza a Madrid, simile alla media dell'UE

Tutti i diritti riservati. ©Copyright ANSA