Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il team di Technical Economy si reca in Francia per finalizzare un accordo con il Club di Parigi

Marco Lavagna concluderà le trattative e Sergio Massa firmerà l’accordo. Foto: Fernando Storla.

Un team tecnico del Ministero dell’Economia partirà questo mercoledì per la capitale francese Chiude l’accordo tecnico con il Club di Parigi.

Poi, a novembre, il ministro Sergio Massa si recherà nella stessa città per concludere con il Forum dei Paesi Creditori la rinegoziazione di oltre 2.000 milioni di dollari di debito residuo. L’interesse è dovuto finora nel 2022.

Ciò è stato confermato dalle fonti ufficiali che lo hanno presentato Il responsabile dei rapporti con le organizzazioni multilaterali e il Presidente dell’INDEC, Marco Lavagna, e il Presidente del Palacio de Hacienda Consultants, Leonardo Madcor, si recheranno a ParigiSi pone in prima linea nelle trattative economiche e legali per partecipare alle riunioni tecniche che inizieranno giovedì.

In ottobre Massa ha fatto grandi passi avanti a Washington nelle trattative con il Club di Parigi, durante un incontro che ha tenuto con il suo segretario generale Emmanuel Mullen. Stavo programmando di programmare un viaggio in Francia per questa settimana.

Ora, con il preciso obiettivo di concludere un accordo, viaggeranno i tecnici della trattativa e poi Massa per chiudere l’intesa.

“L’accordo è in fase di completamento. Ci sono ottime prospettive”.Massa è passato a Tellam e a un gruppo di giornalisti mentre uscivano da una riunione della squadra economica negli Stati Uniti, nell’ambito del raduno annuale del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale.

L’obiettivo dell’Argentina è negoziare a Rifinanziamento del debito di circa $ 2,4 miliardi Sulla base della proroga dei termini di rimborso, della riduzione del tasso di interesse, che attualmente è del 9% annuo, e dell’incorporazione nel suddetto accordo per un importo di 430 milioni di dollari già pagati in due rate a febbraio 2022 e luglio 2021.

READ  Vaccini e focus sul clima Vertice G7, primo di persona dalla pandemia

Il tasso di interesse del 9% è dovuto a una multa tardiva incorsa dal governo di Mauricio Macri alla fine del suo mandato.Questo può essere ridotto al momento della conclusione dell’accordo.

L’approvazione della seconda revisione dell’attuale programma con il Fondo Monetario Internazionale, formalmente conclusa il 7 ottobre, è stata un fattore importante per l’avanzamento dei negoziati, poiché è un prerequisito (non scritto) per il Club di Parigi per valutare il suo andamento e politiche. Le fonti hanno confermato il rifinanziamento del debito argentino con l’organizzazione multilaterale.

Con il Club di Parigi, l’Argentina deve rinegoziare i pagamenti di quasi 2.500 milioni di dollari che deve a 24 agenzie. E banche di 16 paesi: Germania, Spagna, Francia, Stati Uniti, Belgio, Danimarca, Austria, Canada, Israele, Italia, Giappone, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Paesi Bassi, secondo i documenti ufficiali.

Per quanto riguarda la composizione del debito, i principali creditori sono Germania (37%), Giappone (22%), Paesi Bassi (8%), Spagna (6%), Italia (6,3%) e Stati Uniti (6,3). %).

A fine maggio, il governo – sotto la gestione economica di Martin Guzman – ha raggiunto un accordo con il Club di Parigi per differire il rimborso del debito al 30 settembre 2024, mentre sono stati compiuti progressi nella progettazione di una nuova intesa contemplando un altro meccanismo per il pagamento di obblighi.

L’attuale rinvio si applica “fino a un nuovo accordo quadro”, a seguito di trattative tra lo Stato e le autorità del club e dei suoi sedici Stati membri”, o, se ciò non è possibile, “fino al 30 settembre 2024” , la data massima è concessa dall’Extended facility agreement sottoscritto con l’FMI International (FMI), secondo i termini proposti dalle parti.

READ  Politiche integrate per la mobilità e l'industria automobilistica | Opinione

L’obiettivo ufficiale era raggiungere un accordo entro la fine di giugno 2022, ma la crisi valutaria, l’uscita di Guzmán dal governo e il cambio dei ministri dell’Economia hanno costretto il rinvio dei piani per chiudere i negoziati.