Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il settore olivicolo teme che i consumatori fuggano a causa dei prezzi elevati

sezione olio d’oliva Guardiamo con ansia all’anno 2023, l’andamento dei prezzi dell’energia, delle materie prime e dei carburanti incide pienamente sul prodotto che dobbiamo aggiungere siccità che affliggono le campagne spagnole. I produttori temono che l’inevitabile aumento dei prezzi lo renda possibile viaggio del consumatore. Il prezzo dell’olio d’oliva è aumentato negli ultimi mesi e ha raggiunto la fonte A livelli massimi superiori ai cinque euro al litro In extravergine e circa cinque euro in vergine e allamante.

La campagna 2022/2023 inizia con una previsione di produzione di 780.000 tonnellate, la metà rispetto al passato, e questo si traduce in una minore disponibilità. Per ora, i consumatori continuano ad acquistare olio d’oliva nonostante il suo prezzo elevato, tra le altre ragioni Anche il girasole è diventato più costoso A seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, un importante produttore mondiale. Tuttavia, ci sono domande su quanto durerà questa situazione, man mano che le scorte diminuiscono.

Meno richiesta

Il capo del settore petrolifero cooperativo alimentare, Rafael Sanchez de Puerta, ha confermato a Efe che c’è un “aumento significativo dei prezzi che porterà a una contrazione della domanda”. A suo avviso, l’unico modo per regolare l’offerta e la domanda sarebbe attraverso i prezzi, anche se i prezzi elevati che si osservano non gioveranno a molti agricoltori che “non avranno un raccolto o avranno un raccolto molto breve”.

Sánchez de Puerta avverte che molti consumatori si ritireranno dal mercato a causa di Aumentare il prezzo dell’olio d’oliva Si aspetta un forte calo delle esportazioni, nonostante gli sforzi per espandere il mercato. “Mantenere il consumo è impossibile perché non c’è disponibilità. Se l’anno scorso sono state immesse sul mercato una media di 138mila tonnellate, quest’anno non riusciremo a mantenere circa 100mila tonnellate”, afferma il responsabile delle cooperative.

READ  Il Tesoro sta accelerando la trasformazione ecologica dell'economia e sta lasciando l'estrazione mineraria, il bestiame e il nucleare senza green bond

Per quanto riguarda il risarcimento per siccitàGli olivicoltori si aspettano che sia inferiore al previsto, dopo che le recenti piogge autunnali hanno migliorato le riserve idriche.

Il direttore dell’Associazione nazionale per l’imballaggio e la raffinazione degli oli commestibili (Anierac), Primitivo Fernández, insiste sul fatto che non si conosce l’entità dell’attuale raccolto. “Con questa recente pioggia lo siamo Eliminazione dei pericoli Che fosse presente nel raccolto del 2023, ma tutto dipende da quale portata raggiungerà finalmente la campagna e, di conseguenza, da come apparivano originariamente i prezzi e da come si muove il mercato, osserva Fernandez.

Il capo dell’associazione dei datori di lavoro mostra la sua preoccupazione per l’andamento dei prezzi dell’energia, delle materie prime e dei combustibili, che interessano entrambi l’industria dell’olio d’oliva, e Ci scusiamo per il sovraccarico Che ha misure come la nuova tassa sulla plastica, in vigore da questo mese. “Tutto questo fa salire i prezzi perché oltre al costo dell’olio, sale tutto ciò che accompagna la bottiglia fino ad arrivare al consumatore”, aggiunge.

Effetto Riduzione temporanea dell’imposta sul valore aggiunto (IVA) Dal 10 al 5% nell’olio d’oliva e nei semi, anche se il settore lo ha voluto allo 0% per incoraggiarne un maggiore consumo, come per altri prodotti essenziali.

mercato estero

Rafael Picco, amministratore delegato dell’Associazione spagnola dell’industria e del commercio dell’olio d’oliva (Asuliva), osserva che la campagna di vendita sarà “molto corretta con il potere di marketing degli oli d’oliva”. Secondo le sue previsioni, Ci saranno meno consumi interni e le esportazioni spagnole, che potrebbero incrementare le vendite da altri paesi produttori come la Turchia o la Grecia.

READ  Isole Canarie: paralizzano il certificato COVID per entrare nei ristoranti

Lo dimostrano le ultime stime della Commissione europea La produzione greca di olio d’oliva crescerà del 51% Nella campagna 2022/2023, rispetto alla campagna precedente, raggiunge le 350.000 tonnellate, e Al-Turki lo farà del 17%, fino a 285.000 tonnellate. La produzione di petrolio diminuirà invece in Italia (-29%), Tunisia (-25%) e Marocco (-22%).

Riguardo all’effetto del rafforzamento del dollaro sulle vendite negli Stati Uniti, Pico afferma che “questo fattore contribuisce e crea più favorevole ai produttori spagnoli“Ma bisognerà vedere se questo è sufficiente a compensare l’aumento dei prezzi e, soprattutto, la mancanza di prodotto.