Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il settore energetico spagnolo si sta muovendo verso un modello ecologico sostenibile (ambiente): :: impegno per la responsabilità sociale d’impresa

Oliver Wyman ha prodotto il primo Green Transition Index, un’analisi dettagliata dei progressi di 29 paesi europei – UE, Regno Unito e Norvegia – in termini di sostenibilità e riduzione delle emissioni sulla base di sette grandi categorie che rappresentano le principali fonti di emissioni per l’economia del continente.

Pertanto, l’indicatore esamina e confronta il grado di sostenibilità ambientale del sistema economico di ciascun Paese; livello di conservazione della natura. emissioni della sua industria manifatturiera; progressi nell’uso delle tecnologie di trasformazione da parte delle società energetiche; qualità ambientale dei trasporti; La sostenibilità dei suoi edifici e il grado della sua cerchia in termini di gestione dei rifiuti.

Con un totale di 28 indicatori principali suddivisi nelle sette categorie, l’indice assegna un punteggio per ciascun segmento e li combina per formare una classifica con 29 paesi analizzati, potendo confrontare le performance ottenute tra paesi o tra regioni europee.

Spagna, a metà strada verso la sostenibilità ambientale

L’indice Go Green colloca la Spagna al 14° posto su 29, con un punteggio di 49,6 su 100, dietro i paesi vicini come Francia o Italia. Nonostante la strada da percorrere per raggiungere la piena sostenibilità sia chiaramente lunga, il nostro Paese si distingue favorevolmente nelle categorie economia ed energia, piazzandosi rispettivamente al quinto e settimo posto a livello mondiale.

Come indica l’indice, la Spagna deve un punteggio di 64,3 su 100 nel settore economico in gran parte alla notevole diminuzione delle emissioni di gas serra registrata dal 2015 al 2020 – essendo il secondo paese analizzato con il 21% – e all’aumento dell’efficienza energetica (ridotto il consumo di energia è aumentato dell’11% tra il 2015 e il 2020 rispetto all’adeguamento medio del 6% per tutti i paesi europei analizzati). Allo stesso modo, un punteggio elevato in questa categoria risponde all’aumento della spesa pubblica per R&S in un’ottica di sostenibilità ambientale rispetto alla spesa pubblica totale per R&S nello stesso periodo (+41% rispetto alla media del 2020).

READ  L'Italia ha votato con l'estrema destra Meloni come candidato preferito

Dal canto suo, la Spagna si intrufola nella top ten (esattamente al settimo posto) nel settore energetico con un punteggio di 36,2 davanti a paesi come Finlandia o Svezia “che è davvero notevole perché indica il forte impegno del settore energetico per progredire nell’impiego di energie rinnovabili e tecnologie di trasformazione, in particolare verde idrogeno”, afferma Pepa Chiarri, Direttore Esecutivo Clima e Sostenibilità di Oliver Wyman.

Nello specifico, la Spagna è il Paese analizzato nel report con il più alto rapporto MW/milione di euro in progetti di idrogeno verde in rapporto al PIL, sei volte superiore alla media dei Paesi europei nel 2021. In termini di peso delle rinnovabili nella produzione di energia elettrica, ha raggiunto il 45% nel 2020. Per continuare a scalare posizioni in quest’area, la Spagna deve migliorare in termini di stoccaggio delle batterie e progetti di cattura e stoccaggio di CO2, osserva Oliver Wyman.

Al contrario, la Spagna si colloca tra i più bassi nella classifica delle categorie di gestione dei rifiuti – 23a su 29 – e nel punteggio di sostenibilità dei trasporti – rimanendo 22a -. Questi dati rivelano la necessità della Spagna di un miglioramento qualitativo in ambiti quali la circolarità della sua economia, la riduzione dei rifiuti domestici, la penetrazione del trasporto pubblico (15% della Spagna contro il 25% dei paesi leader) o l’espansione dei veicoli elettrici o ibridi ridurre l’intensità delle emissioni per passeggero (Centro 23 in ordine).
L’Europa, a ritmi disuguali sulla strada della sostenibilità ambientale
Il Green Transformation Index di Oliver Wyman rivela un chiaro vantaggio dei Paesi Bassi rispetto al resto d’Europa in termini di progressi nei settori della sostenibilità e della riduzione delle emissioni. Studente eccezionale nel continente, è leader nelle classifiche con un punteggio complessivo di 57,4 su 100, ottenendo punteggi eccezionali in tutte le categorie soprattutto nel campo della gestione dei rifiuti, grazie ai suoi sforzi nell’implementazione del riciclaggio e dei rifiuti pro capite nelle discariche.

READ  Enagás rafforzerà le relazioni con Francia e Italia per garantire l'approvvigionamento

“Dato l’enorme fabbisogno di capitale, sembra plausibile che i paesi più ricchi progrediscano ulteriormente in termini di sostenibilità ambientale. Infatti, se si guarda al rapporto tra la ricchezza di un paese, misurata dal PIL pro capite, e i risultati del Green Transformation Index (ITV ) , il rapporto è chiaro: i paesi più ricchi, con i mezzi finanziari per investire. Nella fase di transizione, tendono a ottenere punteggi più alti rispetto ai paesi a bassa performance economica. Ora ci sono delle eccezioni: ci sono paesi ricchi con risultati peggiori, come Norvegia, Irlanda o Lussemburgo e ci sono paesi in cui ottieni risultati superiori in termini di PIL pro capite, come Estonia, Italia e Slovenia”, sottolinea Chiari.

Osservando i risultati dell’indice da una prospettiva regionale, la Scandinavia è la migliore, seguita dall’Europa occidentale, dai paesi baltici, dall’Europa orientale e dall’Europa meridionale. In questo senso si possono osservare differenze significative tra il livello di progresso in alcune regioni e in altre, e anche tra diversi paesi della stessa regione. Pertanto, sebbene la Scandinavia sia nettamente in testa nei settori dell’economia, della conservazione della natura e dell’Europa occidentale nelle categorie della produzione e della gestione dei rifiuti, i paesi dell’Europa meridionale non si distinguono in nessuno dei settori, con l’Italia rappresentata solo nella top 10 la classifica generale.

Data la scarsa performance della Grecia e di Cipro in particolare, la regione meridionale dovrebbe migliorare principalmente nelle categorie di conservazione della natura – i suoi paesi occupano cinque delle ultime sette posizioni – e nella categoria di gestione dei rifiuti, principalmente a causa di fattori quali l’uso improprio dell’acqua e l’elevata esposizione degli abitanti delle città agli agenti inquinanti Atmosferica, bassa percentuale di suolo marino e terrestre protetto in percentuale della superficie totale del Paese.

Europa: leader mondiale nella corsa alla sostenibilità

Così, con l’obiettivo di aiutare i paesi a valutare i loro progressi nel percorso verso la sostenibilità e la riduzione delle emissioni, l’Oliver Wyman Green Transition Index dipinge un quadro disomogeneo all’interno del continente europeo che, pur guidando la corsa globale verso la sostenibilità, è ancora molto lontano . Il percorso dall’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C entro la fine del secolo. Infatti, come ha rivelato un recente studio di Oliver Wyman e CDP, l’84% delle aziende europee non ha ancora fissato un obiettivo basato sulla scienza (SBTi) per ottenere questa riduzione del riscaldamento globale e il 77% non ha ancora dimostrato alcun tipo di SBTi. .

READ  Nicholas Ibanez sul perché ha preferito una vittoria di Borek: "Non vogliamo Caste come presidente" | Economia

In tal senso, per raggiungere l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 55% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030, la Commissione europea stima che nel continente siano necessari investimenti per una media di 1.040 milioni di euro all’anno, che rappresentano 360.000 milioni di euro in più . In media, attualmente si investe di più in tecnologie incentrate sulla neutralità del carbonio. Inoltre, lo scenario è aggravato dall’invasione russa dell’Ucraina, che ha messo sotto controllo il sistema energetico europeo, e vista la perdita di approvvigionamento di gran parte del gas e del petrolio russi, la Commissione europea prevede un aumento del carbone. del 5% nel prossimo decennio e sta già valutando la possibilità di promuovere altre fonti energetiche inquinanti come il gas naturale o il gas naturale liquefatto (GNL).

In questo contesto, come si evince dall’indice Oliver Wyman, l’attuazione di politiche pubbliche forti volte alla sostenibilità e alla consapevolezza ambientale dei consumatori che spingono le industrie ad andare avanti per ridurre le emissioni si posizionano come i principali motori che spingeranno il continente europeo a promuovere economie e società. “Sebbene prevediamo uno scenario complesso a breve termine a causa degli alti prezzi dell’energia e dell’inflazione, è importante e necessario avanzare e accelerare il percorso di decarbonizzazione attraverso l’uso di energie pulite ed essere più indipendenti dal punto di vista energetico, entrambe le parti amano i combustibili fossili ”, conclude Chiari.